Hamas contro esercito islamico , il Califfato e Al Qaida


Esercito Islamico
1 Gaza, ucciso capo estremista negli scontri con la polizia di Hamas

Fonte arabaProprio ieri, il premier Ismail Haniye ha negato in un discorso che nella striscia di Gaza ci siano degli uomini armati non palestinesi, reduci dall'Iraq e dall'Afghanistan, come la propaganda israeliana cerca di accreditarlo. "Questi gruppi non esistono sul suolo della striscia di Gaza ... non ci sono altri combattenti a Gaza che non siano dei locali", ha affermato Haniye, liquidando le accuse come "propaganda sionista".

(AGI) - Gaza, 3 set. - Nella Striscia di Gaza, dove Hamas cerca di difendere dalle formazioni ultra-islamiche il potere conquistato con la forza nel giugno di due anni fa, ha lanciato il guanto della sfida al movimento radicale palestinese un altro gruppo estremistico, 'Jund Ansar al-Jihad wal Sunna', che si e' attribuito un attentato dinamitardo contro il quartier generale della cosiddetta Forza Esecutiva: la milizia responsabile della sicurezza nella piccola enclave. In un comunicato 'Jund Ansar al-Jihad wal Sunna', in lingua araba 'Soldati dei Seguaci della Guerra Santa e della Tradizione del Profeta', afferma che suoi uomini avrebbero fatto saltare in aria la struttura, provocando numerose vittime. L'attacco risale a domenica scorsa ma, a detta di testimoni oculari, si sarebbe trattato di una semplice salva di lancia-granate, che inoltre non avrebbe nemmeno causato feriti. "Invitiamo i nostri fratelli jihadisti a unire le forze per sferrare dolorosi attacchi congiunti contro gli apostati miscredenti, e porre fine al loro dominio", recita la nota, con palese riferimento allo stesso Hamas. Quest'ultimo in agosto fu impegnato in una serie di cruenti scontri con un'altra fazione della galassia fondamentalistica, 'Jund Ansar Allah', che si era rivoltata contro la sua autorita'; alla fine i sedicenti 'Soldati dei Seguaci di Allah' ebbero la peggio, perdendo entrambi i propri massimi dirigenti, ma numerosi miliziani fedeli al Movimento di Resistenza Islamico rimasero a loro volta uccisi in combattimento.

La calma, si fa per dire, sembra tornata nella Striscia di Gaza dopo che due settimane fa è scoppiato l’inferno. I miliziani delle Brigate Izz al-Din al-Qassam, ala militare di Hamas, e i poliziotti del movimento islamico hanno messo a ferro e fuoco la città di Rafah, al confine con l’Egitto. Obiettivo dell’operazione il gruppo Jund Ansar Allah e il suo leader e fondatore Abdul-Latif Moussa. Ferragosto di fuoco. Almeno 28 persone sono morte e 150 sono rimaste ferite nello scontro a fuoco avvenuto tra gli uomini di Hamas, che controllano la Striscia dal 2007, e i seguaci di Moussa, barricati nella loro moschea di Rafah, la Ibn Taymiya. Lo stesso leader ha perso la vita nella battaglia, secondo alcune testimonianze vicino a uno dei suoi fedelissimi che si è fatto esplodere all’ingresso dei miliziani di Hamas nel luogo di culto dove, il giorno prima, Moussa aveva tenuto il sermone della discordia. Secondo il quotidiano israeliano Jerusalem Post, invece, lo stesso leader si sarebbe fatto trovare con un giubbino carico di esplosivo azionato al momento dell’arresto. La ricostruzione ufficiale di Hamas, infatti, individua nel contenuto della predica tenuta da Moussa il 14 agosto scorso il casus belli. ”Hamas ha abbandonato la retta via dell’Islam, sono infedeli. Proclamo l’Emirato Islamico di Palestina”, avrebbe detto il predicatore, che per la prima volta da quando aveva iniziato la sua attività leggeva il sermone da un foglietto, come mostra un video postato su YouTube. Leggi il seguito di questo post »L’ultima battaglia per Gaza

4 Al fatah contro Hamas, Hamas contro l'Esercito dell'Islam 1 Articolo 2 l Finantial Times e Il Messaggero danno notizia degli scontri armati di ieri a Gaza fra Hamas e un “Esercito dell’Islam” che sarebbe direttamente legato ad Al Queida:

5 3000 appartenenti al Hizb ut Tahrir manifestano a Gaza
Circa 3000 membri dell 'Hizb ut-Tahrir (Partito che rivendica la realizzazione di un califfato islamico in tutto il mondo,) hanno marciato a Gaza per la prima volta. Questa organizzazione è vietata in molti paesi e in Cisgiordania ,ed è ostile ad Hamas : Afferma di non voler usare la violenza per raggiungere il suo scopo ed è considerata ideologicamente vicino ai gruppi JihadistiArticolo
Group promoting worldwide Islamic rule marches in Gaza








2   Hamas contro Al Qaida

SABATO 27 MARZO 2010


Is Al-Qaida opening a Gaza front to counter Hamas?

Gaza: scontri tra esercito islamico e affiliati di Al Queda Scontri sono stati segnalati Sabato in un quartiere di Gaza tra i membri dell'Esercito dell'Islam e uomini armati appartenenti ad un gruppo di al-Qaeda Gli scontri hanno causato sette feriti. Entrambe le parti coinvolte nella sparatoria appartengono al clan Doghmush . Nel frattempo, le forze di Hamas sono accorse sul posto e circondato il luogo della battaglia.Gunmen clash in Gaza

M.o./ Gaza, Hamas ha arrestato leader gruppo filo al Qaida Abu Hafs, aveva fatto entrare giornalisti in campo addestramentoRoma, 5 set. (Apcom) - A Gaza, le forze di sicurezza di Hamas, hanno arrestato il leader di un gruppo fondamentalista che lunedi scorso aveva dichiarato che la sua organizzazione è vicina ad al Qaida. Lo ha reso noto alla stampa araba uno dei collaboratori dell'uomo che si fa chiamare Abu HafsContinua qu


Gaza, qaidisti danno fuoco a caffe' a Khan Yunis Sconosciuti hanno dato alle fiamme stamani all'alba ad un caffe' nel centro di Khan Yunis, la seconda citta' per importanza della Striscia di Gaza. Il locale e' stato completamento distrutto dal fuoco. L'attacco secondo fonti locali sarebbe stato compiuto da una cellula ideologicamente vicina ad al Qaeda e che in passato ha compiuto aggressioni ai danni dei proprietari di internet point, di negozi di parrucchieri e di noleggio di dvd, attivita' considerate contrarie alla tradizione coranica.Il ritorno ad una calma relativa - interrotta da sporadici lanci di razzi Qassam verso Israele e dalle immediate rappresaglie militari dello Stato ebraico - ha ridato spazio alle piccole organizzazioni che si ispirano ad Osama bin Laden e alla sua rigida visione salafita della societa' islamica. Hamas che controlla l'intera Gaza da due anni, ha preso le distanze da al Qaeda e in passato ha subito pesanti attacchi verbali da parte di Ayman Zawahry, il braccio destro di bin Laden. Allo stesso tempo il movimento islamico palestinese non ha mai adottato concrete misure repressive contro queste cellule qaediste, nonostante le proteste della popolazione locale. Si sospetta che i qaedisti di Gaza in passato siano stati responsabili dell'omicidio di almeno due giovani ragazze palestinesi accusate di avere relazioni sentimentali prima del matrimonio.M.O/ Gaza, qaidisti danno fuoco a caffe' a Khan Yunis
commento: Si precisa che hamas è sempre stato contro al Qaeda e il califfato. Se continua l'assedio, testimonianza non solo del fallimento strategico di Israele ,ma anche della miopia di una destra priva di ogni decenza e dignità, si rafforzerà solo l'estremismo, così ben coltivato dagli strateghi della strategia della tensione. L'ammissione viene,indirettamente ,confermato dallo stesso esercito, .Israel mulling easing Gaza embargo, report say




(ANSA) - GAZA, 19 APR - Nella Striscia di Gaza al Qaida 'puo' contare su 11 mila sostenitori': lo sostiene un portavoce del movimento salafita locale, Abu al-Hareth. Le sue parole sono state accolte con scetticismo a Gaza dove ancora si stima che la forza numerica delle formazioni assommi ad alcune centinaia di miliziani. Al-Hareth spiega che i gruppi armati di Gaza che si rifanno a bin Laden non hanno legami diretti con al Qaida, ma sono influenzati dalle sue parole. Tesi i rapporti conHamas.





Commenti

Post popolari in questo blog

2300 rabbini condannano la decisione di etichettare i gruppi palestinesi per i diritti umani come terroristi.T’ruah attacca NGO MONITOR

Rasha Abou Jalal : I tribunali tribali governano la Palestina con tradizioni spietate

Gideon Levy Non c’è destra o sinistra in Israele, solo sionismo e non sionismo

Jonathan Pollak : B'Tselem, Yesh Din, è ora di chiudere