YUMNA PATEL :Il governo israeliano chiede ritorsioni e punizioni collettive in seguito alla sparatoria a Gerusalemme. La violenza dei coloni

  •  Fonte: ebraica americana

Le ultime 72 ore sono state tra le più letali registrate nella Cisgiordania palestinese occupata e a Gerusalemme Est da anni.

      Da giovedì 26 gennaio 14 palestinesi sono stati uccisi e dozzine di altri sono stati feriti dalle forze israeliane e dai coloni nel territorio occupato, 10 dei quali sono stati uccisi a Jenin durante un micidiale raid dell'esercito nel campo profughi di Jenin.

          Nello stesso periodo sei coloni israeliani e una donna ucraina sono stati uccisi, e molti altri sono rimasti feriti in due sparatorie a Gerusalemme.

              La situazione sul campo ha continuato a evolversi rapidamente, con razzi lanciati da Gaza in risposta al massacro di Jenin e una serie di attacchi aerei israeliani effettuati sulla striscia assediata.Diverse altre sparatorie sono state effettuate da gruppi di resistenza armata palestinese in Cisgiordania, mentre i palestinesi di tutta la Cisgiordania e di Gerusalemme sono scesi in piazza per protestare.

                  Nel frattempo mentre le forze israeliane intensificavano gli arresti e le incursioni, i coloni israeliani hanno condotto attacchi contro i palestinesi e le loro proprietà in tutta la Cisgiordania, con 144 episodi di violenza dei coloni registrati in una sola notte sabato, secondo funzionari palestinesi.

                      All'indomani del raid di Jenin e delle operazioni di fuoco a Gerusalemme i funzionari del governo israeliano, incluso il primo ministro Benjamin Netanyahu, hanno chiesto politiche di punizione rapide e radicali in tutto il territorio palestinese occupato, promettendo un aumento delle demolizioni di case punitive e altre misure volte a prendere di mira le famiglie dei palestinesi che compiono attacchi contro gli israeliani.

                          Ma nonostante le mosse del governo verso punizioni più collettive, la tensione sul terreno continua a crescere e non accenna a fermarsi.

                              Una ripartizione degli eventi

                                  Giovedì 26 gennaio, le forze israeliane hanno sparato e ucciso 9 palestinesi in un unico raid nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania settentrionale occupata. Quella stessa sera, un altro palestinese è stato ucciso dalle forze israeliane nella città di Al-Ram, a nord-est di Gerusalemme.

                                      Venerdì 27 gennaio, mentre i residenti del campo vacillavano per il violento raid, che secondo loro era stato il peggior raid che avevano subito dalla Seconda Intifada, è arrivata la notizia che era stata effettuata un'operazione di sparatoria nella Gerusalemme est occupata .

                                          Un giovane palestinese, il 21enne Khairi Alqam, era entrato nell'insediamento israeliano illegale di Neve Yaakov e aveva sparato a diverse persone nella zona. Sette persone sono state uccise, tra cui sei coloni israeliani e una cittadina ucraina.

                                              Alqam, un residente del quartiere di al-Tur di Gerusalemme Est, è stato colpito e ucciso sul posto. Successivamente è stato rivelato che il nonno di Alqam, da cui prende il nome, è stato pugnalato a morte da un colono israeliano nel 1998. Il colono che ha ucciso suo nonno è stato rilasciato dalla prigione nel 2010.

                                                  La stessa notte in cui Alqam è stato ucciso, un altro ragazzo palestinese è stato dichiarato morto nel quartiere di Silwan, a Gerusalemme est. Defence for Children International – Palestine ha dichiarato che il 17enne Wadee Abu Ramouz ha riportato una ferita da arma da fuoco sotto il cuore mercoledì 25 gennaio ed è morto per le ferite venerdì sera alle 23:00

                                                      La mattina successiva, sabato 28 gennaio, nel quartiere Silwan di Abu Ramouz, è stato riferito che un ragazzo palestinese di 13 anni è stato colpito e ferito dopo aver presumibilmente effettuato una sparatoria che ha provocato il ferimento di due coloni israeliani. La sparatoria è avvenuta nei pressi del parco turistico israeliano "Città di David", che nel corso di diversi anni ha sfollato dozzine di palestinesi a Silwan.

                                                          Sabato notte, un palestinese del villaggio di Qusin nel distretto di Nablus è stato colpito e ucciso da una guardia di sicurezza dell'insediamento vicino all'insediamento israeliano illegale di Kedumim. È stato identificato come Karam Ali Salman, 18 anni.

                                                              La mattina di domenica 29 gennaio, Omar Saadi, 24 anni, è morto per le ferite riportate durante il raid dell'esercito di giovedì nel campo profughi di Jenin. La morte di Saadi ha portato a 10 il bilancio totale delle vittime del raid di Jenin, che ora i palestinesi chiamano “massacro di Jenin”. Saadi è stato uno dei fondatori della Brigata Jenin .UFFICIALI DELLA POLIZIA ISRAELIANA SUL LUOGO DELL'OPERAZIONE DI TIRO A GERUSALEMME. (FOTO: ILIA YEFIMOVICH/DPA VIA ZUMA PRESS/IMMAGINI APA)
                                                                Israele promette più punizioni collettive

                                                                    Sabato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato una riunione del suo gabinetto di sicurezza, composto da una schiera di estremisti di destra. Durante l'incontro, Netanyahu ha annunciato che il suo governo avrebbe attuato una serie di misure di punizione collettiva in risposta alla sparatoria.

                                                                        Tra le misure c'erano:Proposta di leggi sulle armi più flessibili, permessi di armi accelerati per i cittadini israeliani
                                                                          Revoca dei sussidi previdenziali alle famiglie degli aggressori palestinesi di Gerusalemme est
                                                                            Proposta di legge per l'espulsione delle famiglie degli aggressori palestinesi
                                                                              Sigillare le case delle famiglie degli aggressori palestinesi prima della demolizione punitiva, "al fine di esigere un prezzo aggiuntivo per coloro che sostengono il terrorismo"
                                                                                Arrestare la famiglia e gli amici degli aggressori palestinesi
                                                                                  Misure per “rafforzare” gli insediamenti illegali in Cisgiordania
                                                                                    Dispiegamento di più truppe militari in Cisgiordania

                                                                                        Oltre a sostenere l'armamento dei cittadini israeliani con più armi, il ministro della sicurezza nazionale israeliano Itamar Ben Gvir, un estremista di estrema destra , ha affermato che avrebbe anche spinto per la pena di morte contro i "terroristi".


                                                                                              Le misure annunciate dal gabinetto di Netanyahu sono state criticate dagli esperti come punizioni collettive e chiare violazioni del diritto internazionale sui diritti umani.

                                                                                                   La Quarta Convenzione di Ginevra impedisce la punizione di una persona protetta per un reato che non ha commesso essa stessa e proibisce anche sanzioni collettive e rappresaglie contro le persone protette e le loro proprietà.

                                                                                                      Un certo numero di misure, come la proposta di espellere le famiglie dei palestinesi accusati di aver compiuto attacchi, non sono idee nuove e sono state proposte in varie forme da politici e legislatori israeliani nel corso degli anni.

                                                                                                          La politica di revoca della residenza permanente dei palestinesi di Gerusalemme est è in pratica da anni, poiché esistono già leggi che consentono la revoca della cittadinanza israeliana e della residenza permanente con il pretesto della "violazione della lealtà" allo stato di Israele .

                                                                                                              Altre misure, come l'arresto di massa degli amici e della famiglia degli aggressori palestinesi accusati e la demolizione punitiva delle loro case, sono in vigore da anni, sia in Cisgiordania che a Gerusalemme. La politica è stata descritta dai gruppi per i diritti come "vendetta sanzionata dal tribunale" e non si applica agli aggressori israeliani che uccidono i palestinesi.

                                                                                                                  Entro un giorno dalla sparatoria mortale a Gerusalemme, la polizia israeliana ha  arrestato circa 50 palestinesi a Gerusalemme est, principalmente appartenenti alla famiglia e agli amici di Khairy Alqam, che ha condotto l'operazione. Tra gli arrestati c'era anche la madre di Alqam.

                                                                                                                      Entro domenica le autorità israeliane avevano sigillato la casa della famiglia Alqam in preparazione della demolizione. La polizia israeliana ha rilasciato filmati delle forze israeliane che saldano lastre di metallo sulle finestre della casa e saldano la porta d'ingresso.


                                                                                                                            Più tardi nel pomeriggio l'ufficio di Netanyahu ha annunciato che avrebbe sigillato anche la casa del ragazzo palestinese di 13 anni di Silwan che ha sparato e ferito due coloni. Israele in genere demolisce le case delle famiglie dei palestinesi che uccidono gli israeliani, non li feriscono, segnando una chiara escalation nella politica.

                                                                                                                                In un altro incidente di domenica, nel quartiere di Jabal al-Mukabbir a Gerusalemme est, le forze israeliane hanno demolito due case palestinesi con il pretesto che non avevano i permessi rilasciati da Israele. Le forze israeliane hanno anche ordinato l'imminente demolizione di quattro case palestinesi nella città di Yatta, nel distretto di Hebron, in Cisgiordania.


                                                                                                                                      Domenica pomeriggio sono proseguiti gli scontri tra forze armate israeliane e civili palestinesi a Gerusalemme e in Cisgiordania, con almeno un palestinese ferito con proiettili veri a Jabal al-Mukabbir, e due palestinesi, tra cui un tredicenne, feriti con proiettili veri nel villaggio di Nabi Saleh, nell'area di Ramallah.

                                                                                                                                          I media palestinesi hanno anche riferito di diversi episodi di forze e coloni israeliani che hanno bloccato gli ingressi e le uscite di città e villaggi palestinesi in diversi distretti della Cisgiordania, limitando il movimento dei residenti. I PALESTINESI ISPEZIONANO LE AUTO DANNEGGIATE NEL VILLAGGIO DI AQRABA, A EST DELLA CITTÀ DI NABLUS, IN CISGIORDANIA, IL 29 GENNAIO 2023. UN TOTALE DI 144 ATTACCHI SONO STATI EFFETTUATI LA SCORSA NOTTE DA COLONI ISRAELIANI CONTRO CIVILI PALESTINESI E LE LORO PROPRIETÀ NELLA PROVINCIA DI NABLUS, IN CISGIORDANIA, HA DETTO OGGI GHASSAN DAGHLAS, UN FUNZIONARIO PALESTINESE RESPONSABILE DEL DOSSIER DI INSEDIAMENTO NELLA PROVINCIA. (FOTO: MOHAMMED NASSER/IMMAGINI APA)

                                                                                                                                              I coloni lanciano attacchi di "vendetta".

                                                                                                                                                  Mentre il governo israeliano annunciava piani per facilitare ai cittadini israeliani il trasporto di armi da fuoco, i coloni israeliani stavano seminando il caos in tutta la Cisgiordania, conducendo una serie di attacchi contro i palestinesi e le loro proprietà.

                                                                                                                                                      Funzionari palestinesi hanno riferito che sabato 144 attacchi di coloni sono stati effettuati in una sola notte nella sola area di Nablus. Ciò includeva il lancio di pietre contro i veicoli palestinesi, l'incendio di auto palestinesi, il saccheggio e il danneggiamento di negozi palestinesi e lo sradicamento di circa 200 alberi.



                                                                                                                                                              In almeno un incidente, poche ore dopo la sparatoria a Gerusalemme di venerdì, diversi palestinesi sono rimasti feriti quando un colono israeliano avrebbe aperto il fuoco contro di loro vicino all'ingresso della città di Beita, nell'area di Nablus.

                                                                                                                                                                  Nella città di Majdal Bani Fadel i coloni hanno attaccato case, veicoli e un'ambulanza palestinese con pietre.

                                                                                                                                                                      In altre zone della Cisgiordania i coloni hanno appiccato il fuoco a case e veicoli palestinesi, compreso il villaggio di Turmus Ayya, nell'area di Ramallah. Secondo i media israeliani , nonostante tre sospetti siano stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso, le forze israeliane non hanno ancora effettuato alcun arresto.


                                                                                                                                                                            Nelle colline a sud di Hebron, i coloni israeliani hanno aggredito e picchiato un palestinese, mentre a Gerico, nella Valle del Giordano e a Ramallah sono state riportate segnalazioni di coloni che lanciavano pietre contro auto palestinesi.

                                                                                                                                                                                È stato anche documentato che i coloni hanno attaccato un gruppo di armeni palestinesi nella Città Vecchia di Gerusalemme con bastoni e spray al peperoncino mentre i coloni tentavano di abbattere la bandiera armena da una chiesa nel quartiere armeno della Città Vecchia.

                                                                                                                                                                                    Mentre il governo israeliano chiede di armare più cittadini israeliani, i palestinesi temono che la violenza dei coloni a cui hanno assistito durante il fine settimana continuerà solo a intensificarsi.

                                                                                                                                                                                        Yumna Patel
                                                                                                                                                                                          Yumna Patel è la direttrice di Palestine News per Mondoweiss.

                                                                                                                                                                                              UFFICIALI DELLA POLIZIA ISRAELIANA SUL LUOGO DELL'OPERAZIONE DI TIRO A GERUSALEMME. (FOTO: ILIA YEFIMOVICH/DPA VIA ZUMA PRESS/IMMAGINI APA)

                                                                                                                                                                                                    P
                                                                                                                                                                                                      I palestinesi ispezionano le auto danneggiate nel villaggio di Aqraba, a est della città di Nablus, in Cisgiordania, il 29 gennaio 2023. Un totale di 144 attacchi sono stati effettuati la scorsa notte da coloni israeliani contro civili palestinesi e le loro proprietà nella provincia di Nablus, in Cisgiordania, ha detto oggi Ghassan Daghlas, un funzionario palestinese responsabile del dossier di insediamento nella provincia. (Foto: Mohammed Nasser/Immagini APA)
                                                                                                                                                                                                        I PALESTINESI ISPEZIONANO LE AUTO DANNEGGIATE NEL VILLAGGIO DI AQRABA, A EST DELLA CITTÀ DI NABLUS, IN CISGIORDANIA, IL 29 GENNAIO 2023. UN TOTALE DI 144 ATTACCHI SONO STATI EFFETTUATI LA SCORSA NOTTE DA COLONI ISRAELIANI CONTRO CIVILI PALESTINESI E LE LORO PROPRIETÀ NELLA PROVINCIA DI NABLUS, IN CISGIORDANIA, HA DETTO OGGI GHASSAN DAGHLAS, UN FUNZIONARIO PALESTINESE RESPONSABILE DEL DOSSIER DI INSEDIAMENTO NELLA PROVINCIA. (FOTO: MOHAMMED NASSER/IMMAGINI APA)


                                                                                                                                                                                                             Yumna Patel
                                                                                                                                                                                                               Yumna Patel è la direttrice di Palestine News per Mondoweiss.


                                                                                                                                                                                                              Commenti

                                                                                                                                                                                                              Post popolari in questo blog

                                                                                                                                                                                                              Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare

                                                                                                                                                                                                              La carta degli insediamenti israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme Est dal 1967 a oggi

                                                                                                                                                                                                              giorno 79: Betlemme cancella le celebrazioni del Natale mentre Israele continua a bombardare Gaza

                                                                                                                                                                                                              Joel Swanson : Opinion | Wake up, Jewish establishment: Seth Rogen speaks for a lot of us young Jews