Corrispondente da Gaza : Attivisti per i diritti umani condannano le crescenti condanne a morte di Hamas

 


AHMAD GHARABLI/AFP via Getty Images

Traduzione sintesi

Gaza City, Striscia di Gaza - L'emissione di condanne a morte nella Striscia di Gaza da parte delle autorità affiliate ad Hamas ,continua a sollevare polemiche tra gli attivisti per i diritti umani.

Il 19 ottobre, il Tribunale di primo grado della Striscia di Gaza ha emesso  condanne a morte per due persone condannate per omicidio in relazione a una vendetta familiare. 

Il 4 settembre, le autorità di sicurezza di Gaza hanno giustiziato cinque cittadini all'alba del 4 settembre, due dei quali sono stati accusati di collaborazione con Israele e gli altri tre di omicidio. È stata la prima volta dal 2017 che le autorità al potere nell'enclave costiera hanno giustiziato cinque persone nello stesso giorno, una mossa ampiamente condannata da avvocati e organizzazioni per i diritti .Le esecuzioni sono state eseguite mediante impiccagione e fucilazione   ad Ansar nella parte occidentale della Striscia di Gaza. 

Il Centro palestinese per i diritti umani ha denunciato le esecuzioni come una violazione del diritto palestinese e internazionale. In un comunicato stampa del 5 settembre, il centro ha affermato che Hamas è preoccupato per la diffusione del crimine e per l'esecuzione di condanne a morte in casi che potrebbero portare ad atti di vendetta familiare , vuole  ostacolare alle famiglie di prendere in mano la situazione. Il centro ha sottolineato che la giustizia non può essere servita violando la legge palestinese. 

Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, ha emesso ed eseguito  diverse condanne a morte  nel 2007 senza l'approvazione  del presidente palestinese, che è richiesta dalla legge. 

Secondo il Centro palestinese per i diritti umani, i tribunali di Gaza hanno finora  emesso 24 condanne a morte nel 2022, comprese sei sentenze emesse da tribunali militari e cinque sentenze  della Corte d'appello.

Nel frattempo, l'Autorità palestinese non ha eseguito alcuna esecuzione dal 2018, quando ha aderito al Secondo protocollo opzionale delle Nazioni Unite  sui diritti civili e politici, che mira ad abolire la pena di morte.

Muhammad al-Talbani, un dottorando in giurisprudenza, ha dichiarato ad Al-Monitor: “Data la gravità delle condanne a morte, il diritto internazionale differenzia queste condanne da altre punizioni. Secondo la legge palestinese  qualsiasi verdetto di condanna a morte deve essere unanime”.

Ha aggiunto: "Pertanto, l'esecuzione delle condanne a morte da parte delle autorità al potere a Gaza senza la ratifica del presidente dell'AP è una  chiara violazione  delle disposizioni della Legge fondamentale palestinese, che funge da costituzione temporanea per lo stato di Palestina". e "Inoltre, lo stato palestinese ha aderito al protocollo internazionale che vieta la pena di morte".

Talbani ha proseguito: “Hamas che ha preso il potere a Gaza nel 2007  influenzando il lavoro e l'indipendenza della magistratura. Di conseguenza  la divisione ha prevalso sui tribunali della Striscia di Gaza che sono diventati politicizzati, il che ha sollevato dubbi sulla credibilità di processi equi”.

Ha inoltre chiarito che i rapporti delle istituzioni per i diritti umani a Gaza, il Centro palestinese per i diritti umani e la  Commissione indipendente per i diritti umani , respingono queste condanne a morte a causa della mancanza di garanzie che i processi siano equi.

Ahmad al-Khalidi, un attivista per i diritti con sede a Gaza, ha dichiarato ad Al-Monitor: “La recente ondata di esecuzioni, effettuate al di fuori dei quadri legali e costituzionali nella Striscia di Gaza, è un indicatore pericoloso. Mostra che le condanne a morte potrebbero essere emesse in base all'umore e alle preferenze del giudice. Solleva anche interrogativi sull'equità dei processi".

Commenti

Post popolari in questo blog

Free Arabs, American Islamic Congress ( AIC) ,Weddady e lobby Pro-israele islamofobiche

ATTIVISTA ANTI-SIONISTA, EBREO israeliano, ARRESTATO PER "AVER RICORDATO COME ISRAELE TRATTA I PALESTINESI"

Dominique Vidal: Un palestinese ucciso. 40 palestinesi uccisi dal 1 gennaio