Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili

 Gaza Breaking Dawn


6 agosto 2022

L'operazione israeliana Breaking Dawn contro la Jihad islamica (PIJ) con sede a Gaza è entrata nel suo secondo giorno, con le forze di difesa israeliane (IDF) che hanno continuato a sparare contro obiettivi nella Striscia. Per rappresaglia, per tutta la notte e stamattina, le città israeliane vicino al confine con Gaza sono state lanciate da razzi. Le sirene di allarme suonano da ieri sera nei villaggi meridionali israeliani vicino al confine con Gaza, nelle città meridionali di Sderot, Ashkelon, Ashdod e Yavne, e anche nelle città più centrali di Rishon Lezion, Holon e Bat Yam. Ai cittadini delle comunità vicino a Gaza è stato ordinato di rimanere vicino ai rifugi. Ai cittadini delle città del centro-sud è stato chiesto di assicurarsi che i loro rifugi siano aperti in caso di sirene.
Il Primo Ministro Yair Lapid convoca questa sera il Gabinetto di Sicurezza per un aggiornamento presso la sede del Ministero della Difesa a Tel Aviv. Ha anche invitato il leader dell'opposizione Benjamin Netanyahu per un briefing sulla sicurezza domani mattina.

L'operazione Breaking Dawn è stata lanciata ieri pomeriggio. Alle 16:16 precise, l'IDF ha colpito sette bersagli fissi e mobili nella Striscia di Gaza. L' attacco è durato 170 secondi (quasi tre minuti). Il suo obiettivo principale era un appartamento al quarto piano nel quartiere Rimal di Gaza City, il nascondiglio di Tayseer al-Jabari , capo delle operazioni del PIJ a Gaza che aveva trascorso i giorni precedenti alla ricerca di obiettivi israeliani per i missili anticarro del suo gruppo. Israele ha affermato di aver colpito anche due squadre PIJ schierate a terra che stavano aspettando un'opportunità per lanciare i loro razzi.

Jabari è stato ucciso immediatamente durante l'attacco chirurgico da bombe guidate nel suo appartamento. Complessivamente, secondo le stime israeliane, sono state uccise 15 persone, la maggior parte delle quali agent'i del PIJ che si preparavano a colpire Israele e, purtroppo, una bambina palestinese di 5 anni.  Una operazione apparentemente pianificata da tempo contro il PIJ. .
Jabari è stato un obiettivo di assassinio deciso da quando ha sostituito Bahaa Abu el-Atta , comandante della divisione meridionale del PIJ ,  ucciso insieme a sua moglie in un simile attacco israeliano nel suo nascondiglio in un'operazione del novembre 2019 . Israele considera Atta il bullo del quartiere di Gaza che ha spinto ripetutamente attacchi terroristici contro gli israeliani, nonostante   il divieto di Hamas, che governa la Striscia di Gaza.
Atta ha reso infelice la vita dei residenti di Gaza, esponendoli alla rappresaglia israeliana  ed è stato insultato da Hamas come un agente canaglia che sfidava il suo governo dell'enclave. Hamas ha  evitato l'operazione  del 2019  lasciando il PIJ da solo a sopportare il peso degli attacchi di Israele.

Lo stesso scenario si sta ripetendo ora. Israele sta attento a evitare di trascinare Hamas nella lotta con il PIJ, un obiettivo che ha avuto successo nel momento in cui scrivo. Hamas del 2022 ha molto più da perdere rispetto al 2019, grazie ai tentativi israeliani ed egiziani nell'ultimo anno di riabilitare la Striscia. Gaza ora ha più ore di energia al giorno di Beirut. Circa 20.000 residenti di Gaza attraversano ogni giorno Israele, con salari mensili fino a NIS8000 ($ 2.400), 10 volte la paga che avrebbero ricevuto in una delle enclavi più povere del mondo , se fossero stati in grado di trovare lavoro in un'economia con oltre il 50% disoccupazione .

Uno degli obiettivi principali dell'operazione israeliana, che si sta svolgendo durante una campagna elettorale come spesso accade negli ultimi anni, è mantenere la differenziazione tra Hamas e il PIJ. Gli attacchi chirurgici dell'IDF, basati sull'intelligence fornita dall'agenzia di sicurezza Shin Bet, sono stati preceduti da uno stratagemma diversivo israeliano, progettato per indurre Jabari e il suo gruppo a pensare che non sarebbero stati presi di mira mentre si preparavano a vendicarsi dell'arresto  del  comandante della Cisgiordania del PIJ Bassem Saadi .
Mentre Jabari si nascondeva e adottava altre misure di emergenza, l'intelligence israeliana è stata in grado di localizzarlo con una precisione impressionante. L'attacco  come detto, è stato un notevole successo, ma è troppo presto per festeggiare. 

Molte avventure militari israeliane simili sono iniziate con il botto e si sono concluse con un piagnucolio in lacrime. L'allora primo ministro Ehud Olmert è entrato nella guerra del Libano del 2006 con una nota positiva, solo per emergere 50 giorni dopo come un'anatra zoppa.
Il PIJ ha lanciato durante la notte oltre 160 mortai e razzi contro Israele come rappresaglia per i suoi attacchi, senza causare danni sostanziali e con poche persone ferite. Circa 30 proiettili sono caduti all'interno di Gaza; 80 sono stati intercettati dalle difese antimissilistiche israeliane Iron Dome e altri 70 sono caduti in aree disabitate.
Da questa mattina sono stati lanciati altri razzi verso Israele, con uno di loro che ha colpito una casa a Sderot . I membri della famiglia si nascondevano nella stanza del rifugio e non sono rimasti feriti. Un aggiornamento dell'IDF poco tempo fa ha detto che più di 200 razzi e colpi di mortaio sono stati lanciati contro Israele dall'inizio dell'operazione Breaking Dawn. I rapporti affermano anche che la Jihad islamica ha respinto una proposta del Cairo per alcune ore di cessate il fuoco.

Se potessero, Lapid e il ministro della Difesa Benny Gantz ,dichiarerebbero senza dubbio l'operazione conclusa e riprenderebbero le loro routine quotidiane, ma questa non è un'opzione. Tutti gli occhi sono ora su Gerusalemme e sul Monte del Tempio. Al tramonto del 6 agosto, gli ebrei osservanti iniziano a celebrare il nono giorno del mese ebraico di Av con un digiuno di un giorno per lamentare la distruzione del primo e del secondo tempio di Gerusalemme (586 a.C. e 70 d.C.). Molti si radunano in preghiera presso l'unica vestigia rimasta dei templi, il Muro Occidentale.

Il sito, adiacente a uno dei luoghi più sacri dell'Islam, Haram al-Sharif, è una scatola di esca perenne. Nel maggio 2021 si è acceso quando Hamas e il PIJ hanno lanciato razzi per la prima volta  a Gerusalemme, apparentemente per proteggere i loro luoghi santi lì. Il loro risultato principale nell'operazione ,soprannominata Guardian of the Walls ,è stato l'inizio di sanguinose rivolte in città miste ebraico-musulmane in tutto il paese.
Vedremo una ripetizione domenica quando gli ebrei segneranno la loro osservanza al muro? Il ministro della pubblica sicurezza Omer Bar-Lev ha già ordinato la convocazione di 10 battaglioni di guardie di frontiera di riserva in caso di insorgenza di disordini.

Gli occhi sono puntati anche su Teheran, dove per qualche fatale coincidenza la leadership  del PIJ sta dialogando con i leader iraniani, i principali sostenitori del suo gruppo.
"Il fatto che (il segretario generale del PIJ Ziad) al- Nakhala sia al momento a Teheran e abbia persino incontrato il presidente iraniano (Ebrahim) Raisi", ha detto ad Al-Monitor una fonte militare israeliana di alto livello in condizione di anonimato, "potrebbe rendere più difficile per la Jihad concludere rapidamente questo evento. ... Vorranno dimostrare ai loro operatori iraniani che stanno fornendo le merci. Si spera che si rendano conto rapidamente che non ci sono beni da fornire".

Anche se gli israeliani sono impegnati in operazioni militari, non c'è modo di sfuggire alla politica.
A meno di tre mesi dalle elezioni del 1° novembre, che determineranno se passerà da primo ministro ad interim a uno a tempo pieno, Lapid ha subito il suo battesimo di sicurezza con il fuoco.
Per il suo rivale, Gantz, questo è il suo terzo confronto con Gaza. In qualità di capo dell'IDF, ha comandato l'operazione Margine di protezione del 2014 contro Gaza e Guardian of the Walls del 2021. Come allora Gantz sta ora supervisionando l'operazione al fianco di un primo ministro che non gli piace particolarmente e contro il quale è in corsa per la rielezione (allora Benjamin Netanyahu, ora Lapid).
Tuttavia, per quanto riguarda Gantz, questi due suoi rivali sono molto diversi. Netanyahu è un rivale in buona fede, mentre Lapid è un membro del blocco politico centrista di Gantz. In questo momento, la chimica tra Gantz e Lapid sembra molto migliore di quella con Netanyahu, e per una buona ragione: Netanyahu , facendo uno sforzo concertato di rimonta, è un nemico comune e una minaccia per entrambi.



 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il probabile sabotaggio di Nord Stream e altre notizie interessanti Vedi Cartina

Rapporto OCHA 30 agosto – 12 settembre 2022

Ahmad Melhem Israele minaccia Gaza, mentre aumenta escalation in Cisgiordania. Il dilemma dell'Autorità Palestinese

Amira Hass : Decine di soldati sono entrati in un villaggio palestinese nel cuore della notte per un “Tour Selichot”