"Nel 2022 viviamo nelle caverne". La vita dei pastori assediati dai coloni, ma ancora sperano

Traduzione sintesi

‘It’s 2022 and we live in caves’: herders besieged by settlers on West Bank but still clinging to hope


Gli attacchi e le demolizioni nella Cisgiordania occupata da parte dell'esercito e dei coloni israeliani hanno lasciato Mahmoud, un pastore, a sentirsi “sotto assedio”. Il pastore 58enne rischia lo sfratto dalla sua casa di Umm Fagarah, a seguito di una sentenza dell'alta corte israeliana di maggio che ha sanzionato l' allontanamento forzato da otto villaggi di pastori a Masafer Yatta, a sud di Hebron, per consentire l'addestramento militare. L'ONU afferma che rimuovere le persone per far posto al poligono di tiro potrebbe costituire un crimine di guerra .

"La pastorizia è la nostra principale fonte di sostentamento", afferma Mahmoud.

Masafer Yatta ospita 1.144 persone, metà delle quali bambini. Come parte della più ampia comunità pastorale palestinese della regione, i pastori hanno vissuto nelle grotte qui e coltivato per generazioni, mezzi di sussistenza che si basano sull'accesso libero e senza ostacoli al pascolo e all'acqua.

Per due decenni la violenza è stata una caratteristica quotidiana della vita in quanto gli israeliani cercano di prendere il controllo dell'Area C , le sezioni più scarsamente popolate della Cisgiordania occupata che sono sotto il pieno controllo israeliano e minacciate di annessione . I coloni israeliani stabiliscono avamposti illegali e rivendicano aree di terra , i palestinesi hanno segnalato un'escalation degli attacchi. Circa 450.000 israeliani si sono stabiliti nella regione.

I pastori affermano di essere stati intimiditi, di aver subito percosse, di aver subito il furto di bestiame e di aver dato fuoco ai raccolti e alle proprietà, creando un costante stato di paura e ansia. Isolati dai pascoli e dalle fonti d'acqua, i pastori affermano che il loro modo di vivere è minacciato.

Umm Fagarah, che ospita 22 famiglie, è stata attaccata il 28 settembre da due avamposti dei coloni – Havat Ma'on e Abigail – la sua posizione la rende “una spina nella gola dei coloni”, dice Mahmoud. “Alle 11.30 del mattino, circa 40 coloni sono arrivati ​​nella nuova fattoria di Abigail”, dice Mahmoud. “La prossima cosa che abbiamo sentito sono stati i coloni che inseguivano un pastore locale, i suoi due figli, di nove e cinque anni, e le loro 100 pecore. Quando abbiamo sentito il trambusto siamo corsi in loro soccorso. Eravamo disarmati. Sono scoppiati gli scontri”. Mahmoud conferma che alcuni dei coloni avevano delle pistole.

“Abbiamo iniziato a lanciare pietre. Quando l'esercito si è presentato, eravamo preoccupati che ci attaccassero e ci arrestassero. Abbiamo fatto in modo di non essere vicini a loro". L' esercito ha sparato contro di loro lacrimogeni e granate. Poi sono arrivate altre auto piene di coloni. "Eravamo circondati".

Mahmoud dice che "hanno distrutto auto e finestrini, tagliato pneumatici di trattori e ci hanno aggredito nelle nostre case".

Nove persone sono rimaste ferite, compreso un bambino di quattro anni. Cinque pecore sono state accoltellate e la proprietà è stata danneggiata. I terreni agricoli usati per coltivare orzo, grano e lenticchie sono ora off-limits, dicono i pastori.

"Abbiamo allestito una tenda di guardia aperta 24 ore su 24", afferma Mahmoud. “Nel giro di un mese la tenda è stata confiscata, ma non ci siamo arresi. Abbiamo creato un sito fatto di pneumatici. Lo prendiamo a turno per fare la guardia. Personalmente questo attacco mi ha reso più determinato . Chiediamo protezione internazionale. Havat Ma'on e Abigail si stanno espandendo e sono collegate all'acqua, all'elettricità e alle strade, ci stiamo riducendo", dice. “Siamo privati ​​delle basi dei diritti: il diritto a una casa dignitosa, il diritto all'acqua.

Non abbiamo infrastrutture e viviamo sotto lo spettro delle demolizioni e dei trasferimenti. Quattro dei miei figli e le loro famiglie hanno visto demolire le loro case nel 2020; 26 persone in totale sono state sfollate. Non avevano altra scelta che trasferirsi Waa'd, 27 anni, di al-Ganoub, nel sud di Hebron, conferma : “L'intimidazione dei coloni è una routine. Anche nel santuario delle nostre case a volte”. Dice che suo marito è stato aggredito nell'aprile 2021 da cinque coloni che lo hanno investito con il loro veicolo e sua figlia è rimasta traumatizzata dall'esperienza. “Quando sente passare un'auto, va nel panico, pensando che potrebbero essere dei coloni. La pastorizia sta diventando sempre più difficile. Dio solo sa come arriviamo alla fine del mese. Stiamo lottando.nella città più vicina, Yatta.

Ai miei figli viene offerto un lavoro, ma è necessario che stiano lontano da casa. Non possono prenderlo. Devono custodirci giorno e notte; ruotano. È frustrante vivere sotto una pressione implacabile, nella paura costante, senza sapere quando sarebbe stato il prossimo attacco dei coloni e dell'esercito che li protegge. Siamo indifesi, non abbiamo nessun posto dove andare. Questa è la nostra casa e la nostra terra”.

Tradizionalmente abitanti delle caverne alcune persone hanno iniziato a costruire case man mano che la comunità cresceva e molti vorrebbero farlo. Tuttavia, qualsiasi costruzione in quest'area controllata richiede l'autorizzazione israeliana.

Secondo Yesh Din , un'organizzazione israeliana per i diritti umani che monitora la violenza dei coloni, la polizia israeliana non ha indagato sull'81% delle denunce contro gli israeliani presentate tra il 2005 e il 2021. Più del 90% di tutte le indagini sono state chiuse senza accusa.

"Nel 2013, ero fuori a pascolare le mie pecore quando i coloni di Nof Nesher [avamposto] mi hanno attaccato, ammanettato, poi hanno chiamato l'esercito per lamentarsi del fatto che li avessi attaccati e cercato di rubare le loro pecore", dice Ziad, 64 anni, di Bir al 'Idd.

“L'esercito mi ha consegnato alla polizia. Sono stato rilasciato solo il giorno successivo su cauzione. Ho dovuto pagare 2.000 shekel [circa £ 480]. Per sei anni, e due volte l'anno, ho dovuto rivolgermi a un tribunale [militare]. Il fascicolo è stato finalmente chiuso nel 2019.Non è stata la prima o l'ultima volta che sono stato accusato di essere l'autore del reato, non la vittima", dice.

Ziad e sua moglie, Rateebih , sono soli a Bir al 'Idd. Dicono che violenze e intimidazioni abbiano costretto il resto della comunità ad andarsene.

Jumaa, 48 anni, di at-Tuwani, dice di essere rimasto zoppicando permanentemente dopo uno dei 30 attacchi che ha subito. “Ho presentato alla polizia israeliana oltre 100 denunce per violenze da parte dei coloni. Tutto inutilmente. I coloni e l'occupazione rendono la vita amara. Cosa significa la vita quando ci si sente indifesi? Non può difenderr i suoi figli o la sua casa. Quando uno non può accedere alla sua terra? Giovani e vecchi sono terrorizzati", aggiunge Jumaa. “I coloni si comportano come i signori della terra. Il loro scopo è quello di spiazzarci. Questa è la nostra vita e la nostra terra. Siamo persone normali che vogliono una vita ordinaria, pacifica, giusta e dignitosa”.

L' aumento del costo della vita si aggiunge ai loro problemi. Mahmoud dice che il foraggio per il suo gregge di 100 pecore costa circa 350 shekel al giorno (£ 84) rispetto ai 150 dell'anno scorso. “Nel 2018 ho avuto 350 pecore. Oggi ne ho solo 100. Dobbiamo venderli per coprire le spese e provvedere alle nostre famiglie. La vita è dura".

Secondo un rapporto pubblicato lo scorso novembre da B'Tselem – il Centro informazioni israeliano per i diritti umani nei Territori Occupati, ci sono quasi 290 insediamenti in Cisgiordania – 138 costruiti dal governo israeliano e circa 150 avamposti, illegali sotto la legge israeliana.

Sebbene gli avamposti non siano ufficialmente riconosciuti, il governo fornisce ai coloni sicurezza, strade, acqua, elettricità e sussidi finanziari e più di un terzo si trova in tutto o in parte su terreni di proprietà palestinese.

Circa 40 degli avamposti sono apparsi nell'ultimo decennio, per lo più allevamenti nel sud di Hebron. Ayat indica i danni lasciati quando i coloni hanno attaccato il villaggio. Il bambino di tre mesi di Ayat stava dormendo sul letto quando un sasso è stato lanciato, infrangendo la finestra sopra il letto e mandando in frantumi lo specchio dell'armadio. "Non mi sento più al sicuro", dice. 'I coloni hanno attaccato persone innocenti nella loro casa di notte mentre dormivano. Temo che le nostre case verranno bruciate o distrutte dai colon

Mahmoud assicura che Havat Ma'on e Abigail si stanno espandendo. “Sono dotati di infrastrutture mentre noi siamo privati ​​delle basi e abbiamo ordini di demolizione e arresto dei lavori. Anche la cisterna dell'acqua ha un ordine di demolizione. È il 2022 e viviamo ancora nelle caverne. Vogliamo vivere sopra la terra. Avere finestre e aria fresca. Stare comodi.

· Visualizzare l'occupazione: mappe-video-grafici

Commenti

Post popolari in questo blog

Il probabile sabotaggio di Nord Stream e altre notizie interessanti Vedi Cartina

Rapporto OCHA 30 agosto – 12 settembre 2022

Ahmad Melhem Israele minaccia Gaza, mentre aumenta escalation in Cisgiordania. Il dilemma dell'Autorità Palestinese

Amira Hass : Decine di soldati sono entrati in un villaggio palestinese nel cuore della notte per un “Tour Selichot”