GIDEON LEVY - COME ISRAELE USA L'ISLAM RADICALE PER GIUSTIFICARE L'OCCUPAZIONE

 Di Gideon Levy - 24 aprile 2022


Gli eventi che si sono svolti nelle ultime settimane nei Territori Palestinesi Occupati sembrano usciti dalla Bibbia. Tutto è immerso nella religione e nel fondamentalismo: il Monte del Tempio, la Tomba di Giuseppe, la yeshiva a Homesh, i pellegrini, i fedeli, il Ramadan, l'agnello sacrificale, il Tempio. Una guerra di religione tratta direttamente dai racconti biblici.
Nonostante questo, non fraintendiamo, la religione è solo un accessorio teatrale. Le motivazioni che guidano i coloni e i loro sostenitori rimangono ultra-nazionaliste, alimentate da considerazioni immobiliari, tra cui il male, la violenza e il sadismo che ne derivano impiegati dai coloni e dalle autorità dietro di loro.
Le aspirazioni palestinesi sono sempre state e rimangono nazionali: diritti, indipendenza, rimozione dell'occupante. Questo è ciò che sta alla base dei violenti disordini scaturiti dalla reazione estrema di giovani palestinesi. La religione è usata da entrambe le parti solo come scusa. Nonostante tutti gli ornamenti, questa non è una guerra di religione, anche se potrebbe diventarlo.
La destra israeliana ha da tempo bollato la guerra per la terra e la sovranità in Israele e Palestina come una guerra di religione tra musulmani ed ebrei. È molto più conveniente per gli ultra-nazionalisti presentarla come tale, piuttosto che come una guerra tra colonialisti e colonizzati, che è ciò che realmente è. Nelle guerre di religione non c'è spazio per il compromesso. Siamo noi o loro.
E se è così, è una battaglia che riguarda la Fine dei Tempi. O ci gettano in mare o li cacciamo nel deserto. Non c'è una terza via. E se è così, non solo tutto va bene, ma tutti i mezzi sono permessi, compresi l'espropriazione, le uccisioni, la distruzione e l'oppressione.
In una guerra di religione tutto è permesso, poiché non ha altra soluzione che lo scontro totale e violento. In questo modo, si può ritrarre una nazione che lotta per ciò che gli è dovuto come una nazione che cerca di imporre la propria religione. I palestinesi come Stato islamico. Se è così, Israele sta conducendo una guerra per la sua stessa esistenza, e la giustizia è esclusivamente dalla sua parte. Questa è ovviamente una propaganda mendace. La maggior parte dei palestinesi non vuole vivere in un califfato, vuole libertà e dignità nazionale.
Se questa è una battaglia per la libertà, un'altra lotta anticoloniale simile alle sue predecessore, il colonialismo deve rispettare i diritti nazionali della nazione occupata per risolvere il problema. Cosa c'entra Israele con tutto questo? Quanto sono lontani i coloni da una tale mentalità, dal momento che ciò precluderebbe il permesso a Israele di fare tutto ciò che vuole, e ai palestinesi spetterebbero gli stessi diritti nazionali degli ebrei, Dio non voglia.
Entrambe le nazioni hanno subito negli ultimi anni un processo di accresciuta religiosità ed estremismo. Questo processo ha travolto i palestinesi, che erano tra le nazioni arabe più laiche, e gli ebrei israeliani, la maggior parte dei quali si considerava laica, anche se questo è sempre stato discutibile. La disperazione palestinese ha spinto molti giovani verso la religione. La moschea è nella maggior parte delle loro comunità l'unico luogo di ritrovo e Al-Aqsa è l'unico luogo nei Territori Occupati in cui possono avere un senso di sovranità e indipendenza.
Con gli ebrei, la naturale crescita della comunità ultraortodossa e la costruzione di enormi città Haredi nei Territori, nonché un ulteriore espansione dell'impresa colonica, hanno contribuito a far sentire la lotta per i Territori di tipo religioso. Ma il dado non è stato tratto. La lotta era e rimane nazionale.
I coloni, la maggior parte dei quali religiosi, hanno usato la religione per i loro bisogni fin dall'inizio. Il Park Hotel di Hebron era nel territorio dei nostri antenati, che lo fecero loro. La Grotta dei Patriarchi appartiene solo a loro, così come ogni zolla di terra palestinese in Cisgiordania.
Questa non è una guerra di religione, ma una guerra per il dominio mascherata da guerra di religione. La loro battaglia per espellere i palestinesi dai Territori, che è il loro vero obiettivo, è una battaglia territoriale e nazionale. Vogliono semplicemente l'intero Paese tutto per se. Proprio come hanno fatto un uso cinico e disonesto della sicurezza come motivo per il loro insediamento, raccontano a se stessi e ad altri storie bibliche per dimostrare la loro sovranità. Questa non è una guerra di religione.
I palestinesi che combattono per Al-Aqsa o per Gaza non lo fanno in nome dell'imposizione della loro religione. Ci sono tali elementi tra loro, che diventano più forti in assenza di un salvatore alternativo, ma la maggior parte di loro aspira ancora a ciò che tutte le altre nazioni laiche vogliono per se stesse: Uguali diritti nazionali o uno Stato proprio.
Un profugo a Jenin non vuole uno Stato islamico. Vuole uno stato libero. Potrebbe ancora cambiare la sua preferenza. Molto probabilmente Israele farà tutto il possibile per spingerlo in quella direzione.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 3 persone, persone in piedi e attività all'aperto

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili