Edo Konrad : L'invasione della Russia dovrebbe essere uno specchio per la società israeliana

 Visualizzare l'occupazione: mappe-video-grafici


Russia's invasion should be a mirror for Israeli society - +972 Magazine

Traduzione sintesi

Questo articolo è apparso originariamente su "The Landline", la newsletter settimanale di +972. Iscriviti qui .

Sabato notte, due giorni dopo che la Russia ha lanciato l'invasione dell'Ucraina, migliaia di israeliani, la maggior parte provenienti da ex repubbliche sovietiche, sono scesi nelle strade di Tel Aviv. Avvolti in bandiere ucraine, hanno marciato per la città con un chiaro messaggio: la guerra di Vladimir Putin deve essere fermata. La protesta è stata una delle tante in tutto il mondo ritenendo  il presidente russo responsabile del suo tentativo bellicoso di occupare e usurpare un intero paese vicino.

La simpatia degli israeliani per gli ucraini è risuonata ben oltre i russofoni. Mentre i carri armati di Putin avanzavano, un'unica nota personale è iniziata a  emergere  dai  media israeliani: "Non abbiamo nessuno da cui dipendere se non noi stessi". Lo slogan, profondamente radicato nella psiche israeliana, si basa sull'idea che la nostra esistenza di ebrei non è mai stata garantita e che finalmente, in un nostro stato-nazione, siamo in grado di proteggerci da chiunque cerchi per distruggerci.

C'è una buona ragione per cui questo slogan risuona potentemente con così tanti ebrei israeliani. La storia del feroce antisemitismo in tutto il mondo, inclusa l'Ucraina, dove gli ebrei hanno affrontato alcuni dei peggiori pogrom del secolo scorso, non è antica per molti di noi o per le nostre famiglieIn questo senso, l'intuitiva simpatia per gli ucraini di molti israeliani è sincera: chi, se non noi, sa come ci si sente ad affrontare una tirannia del tipo inflitta dalla Russia?

Una risposta ovvia, sfortunatamente, non è stata registrata tra la maggior parte degli israeliani.

Qualunque sia l'affinità che possono avere per la lotta dell'Ucraina, l'idea che gli ebrei israeliani non possano fidarsi di nessuno se non di se stessi non solo alimenta le loro tendenze più ultranazionaliste, ma è semplicemente infondata. Fin dai primi anni del movimento sionista, Israele è esistito in gran parte grazie alla magnanimità degli altri: lo stato è stato istituito con il sostegno politico, finanziario e militare di grandi potenze come la Gran Bretagna, e la sua conquista della Palestina nel 1948 è stata rapidamente legittimato dalle Nazioni Unite. La sponsorizzazione straniera è continuata nei decenni successivi, incluso con un reattore nucleare fornito dalla Francia negli anni '50, gli aiuti americani durante la guerra dello Yom Kippur del 1973 e 3,8 miliardi di dollari in fondi militari all'anno da Washington.

Quelle stesse potenze mondiali per decenni hanno concesso a Israele carta bianca per occupare territori stranieri come il Libano e per imporre un regime di apartheid sui palestinesi tra il fiume e il mare. Al contrario hanno ripetutamente castigato e punito i palestinesi per aver parlato, protestato e imbracciato le armi – facendo esattamente quello che farebbe qualsiasi altra gente oppressa – contro il loro occupante. Il fatto che il primo ministro israeliano Naftali Bennett si sia deliberatamente astenuto dal designare la Russia come l'aggressore, per ragioni strategiche e geopolitiche, fa ben poco per nascondere quel doppio standard.

L'invasione della Russia avrebbe dovuto essere uno specchio importante per la società israeliana, se solo la stragrande maggioranza degli ebrei israeliani fosse stata abbastanza coraggiosa da specchiarsi. Sebbene molti israeliani si considerino ancora una nazione vulnerabile circondata da nemici, in realtà sono cittadini di una potenza regionale dotata di armi nucleari sostenuta dagli stati occidentali. Anche i paesi occidentali dovrebbero guardarsi allo stesso specchio: mentre stanno avviando sanzioni rapide per cercare di respingere l'invasione e l'occupazione della Russia, stanno allo stesso tempo rifiutando l'idea stessa di sanzioni contro l'occupazione di Israele non solo come una via oltre ogni limite, ma anche antisemita .

Poiché il mondo giustamente si raduna dietro gli ucraini, dobbiamo ricordare che la solidarietà con tutte le persone che affrontano l'oppressione non significa solo marciare per le strade per una sola causa. È necessario cogliere questo momento per avere conversazioni serie su chi stiamo aiutando a combattere per le loro libertà e chi stiamo abbandonando alla sottomissione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili