ZEHAVA GALON - IL SILENZIO DEGLI ISRAELIANI HA PERMESSO LA VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI. TUTTO QUESTO DEVE FINIRE

Di Zehava Galon - 24 gennaio 2022
La settimana scorsa si è rotto il silenzio. In questo caso clamoroso, quello del massacro di Tantura.
Dopo oltre 70 anni di voluto silenzio, gli ex combattenti della Brigata Alexandroni, che diffamarono e denunciarono il ricercatore Teddy Katz per aver rivelato il massacro due decenni fa e, in un'ingiustizia che grida al cielo, lo portò alla spogliazione del titolo accademico, ora hanno ammesso in un documentario di Alon Schwarz che c'è stato davvero un massacro a Tantura. Inoltre, i documenti delle Forze di Difesa Israeliane mostrano che una fossa comune è nascosta sotto il parcheggio della spiaggia di Dor Beach (Haaretz, 20 gennaio*).
Il cuore trema. Una fossa comune, un termine a noi familiare da altri luoghi in cui furono sepolti i nostri antenati, fu scavata da soldati ebrei. E in seguito, un'intera rete di organizzazioni ebraiche coprì il misfatto, lo nascose sotto il tappeto, lo insabbiò e lo cancellò.
Il Paese ha subito un ulteriore sconvolgimento la scorsa settimana dopo che Tomer Ganon del quotidiano Calcalist ha riferito che la polizia ha utilizzato il programma spia Pegasus per monitorare gli attivisti politici e ha persino contrassegnato uno di questi attivisti come vittima di estorsioni a causa del suo orientamento sessuale. I veterani dell'Unità 8200 dell'IDF ci hanno avvertito sette anni fa che il SIGINT (Spionaggio di Segnali Elettromagnetici) dell'Unità è usato proprio per questo scopo: contro i palestinesi. Ci hanno avvertito, ma siamo rimasti tutti in silenzio.
Eppure qualcuno nell'Unità SIGINT della polizia non poteva più rimanere in silenzio e lo ha riferito a Calcalist. Grazie a quell'agente, ora sappiamo come la polizia ha tradito la fiducia del pubblico.
Yuli Novak, ex direttrice esecutiva di Breaking the Silence, ha descritto entrambi nel suo libro in lingua ebraica "Mi At Bichlal?" (E Comunque, Tu Chi Sei?) e in un'intervista con Haaretz versione ebraica del 21 gennaio, come una campagna di incitamento guidata dall'ex Primo Ministro Benjamin Netanyahu e dal futuro Primo Ministro Naftali Bennett ha trasformato la sua vita in un incubo. La gente l'ha minacciata e aggredita fisicamente, al punto che ha sentito di dover fuggire dal Paese. Il suo crimine è stato aiutare i soldati israeliani a parlare di ciò che lo Stato chiede loro di fare con il pretesto di proteggere la nostra sicurezza.
Da allora, una generazione di soldati è stata inviata a svolgere il lavoro dell'occupazione e, quando vengono smobilitati, lo Stato chiede che dimentichino. Perché se ricordano, lo Stato li trasformerà istantaneamente da "i migliori dei nostri figli" in traditori.
Israele ha sempre considerato i suoi cittadini come strumenti che potevano essere usati e gettati via. Ai sopravvissuti all'Olocausto che immigrarono qui negli anni '40 e '50 fu chiesto di tacere. Se non lo facevano, venivano scherniti, oppure chiamati "sapone" (ancora una volta, il cuore trema) o "rifiuti umani".
Solo quando Israele ha processato Adolf Eichmann gli fu permesso di parlare pubblicamente. Da allora li ha usati per mantenere viva la memoria dell'Olocausto, ma allo stesso tempo li ha abbandonati a se stessi.
Ai soldati, fin dai tempi in cui Uri Avnery pubblicò il suo libro "The Other Side of the Coin" (L'altra Faccia Della Medaglia), che descriveva le atrocità della Guerra d'Indipendenza (e che poi fu pubblicato in inglese come la seconda metà del suo libro "1948"), fu sempre chiesto di tacere su ciò che è stato fatto loro e anche su ciò che hanno fatto. Ma non possiamo continuare a vivere sopra una fossa comune.
Dobbiamo rompere il silenzio e tenere e una conversazione ardua e onesta con noi stessi, per capire da dove veniamo, quello che abbiamo fatto, cosa stiamo ancora facendo. Solo allora sapremo dove stiamo andando.
Ogni persona ha il diritto fondamentale al riconoscimento come fine piuttosto che come mezzo. Questo è il fondamento dei diritti umani, e i diritti umani non discriminano tra diversi esseri umani. Quando chiediamo ai funzionari pubblici di tacere, li priviamo della loro natura fondamentale di esseri umani e li trasformiamo in strumenti.
"Se un cuore non è né chiuso né corrotto", diceva la famosa sentenza nel caso del massacro di Kafr Qasem del 1956, identificherà la bandiera nera che sventola sui crimini di guerra. Ma troppe istituzioni e individui qui hanno chiuso e corrotto i nostri cuori.
Il risultato è una continua violazione dei diritti umani la cui cessazione è impedita dal nostro silenzio. E come mostra lo scandalo di Pegasus, tali violazioni superano facilmente dei confini che non dovrebbero essere oltrepassati. Tutto questo deve finire.
Zehava Galon è un politico israeliano, membro della Knesset (Parlamento) dal 1999 al 2017. È stata la presidente del partito politico Meretz dal 2012 al 2018, quando aveva da cinque a sei seggi alla Knesset.

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti