Amos Harel :Ufficiali israeliani scossi dalla morte di un anziano palestinese: "I soldati non hanno visto un essere umano"

  

  • Israele-Palestina : nulla è come prima

  • Traduzione sintesi

    30 gennaio 2022
    La morte di Omar As'ad, un palestinese di 80 anni , ferito durante il suo arresto da parte di soldati israeliani a nord di Ramallah circa tre settimane fa, sta emergendo come uno degli incidenti più gravi in Cisgiordania degli ultimi anni.
    I risultati dell'inchiesta condotta dal comando militare saranno presentati lunedì al capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane, il tenente generale Aviv Kochavi. La polizia militare nel frattempo sta conducendo le proprie indagini.
    Gli alti ufficiali che hanno familiarità con i dettagli dell'inchiesta si sono detti scioccati dalla condotta degli ufficiali e dei soldati che hanno arrestato As'ad, sulla base di ciò che è emerso dall'inchiesta e dalla testimonianza.
    Le truppe coinvolte nell'incidente erano membri del battaglione Netzah Yehuda, un battaglione della Brigata Kfir composto da soldati da combattimento ultra-ortodossi.
    Omar Abdalmajeed As'ad.
    As'ad è stato arrestato per essere interrogato a tarda notte nel villaggio di Jillilya, a nord di Ramallah. Quattro soldati guidati da un comandante di plotone avevano allestito un posto di blocco senza preavviso su una strada del villaggio e stavano fermando le auto per controlli e perquisizioni, senza che fosse stato dato alcun avviso dell'intelligence. As'ad è stato uno dei quattro conducenti palestinesi che sono stati arrestati. I soldati hanno spostato i palestinesi in una vicina casa abbandonata, lasciando lì un soldato a vegliare sui detenuti. L'unità ha ricevuto gli ordini da un comandante di compagnia situato altrove nel villaggio.
    3 del mattino
    Omar Abdalmajeed As'ad viene fermato dai soldati israeliani mentre torna a casa, dopo aver trascorso del tempo con gli amici.
    3:05
    I soldati chiedono ad As'ad di uscire dal suo veicolo e discutono con lui per 15 minuti.
    3:20
    I soldati accompagnano As'ad in un cortile abbandonato, dove lo ammanettano, lo stendono a terra, lo imbavagliano e lo bendano.
    3:35
    I soldati conducono altri due detenuti nel cortile. Uno di loro nota che As'ad è ancora sdraiato a pancia in giù.
    3:45
    Altri due detenuti vengono portati in cortile. Nessuno è ammanettato a parte As'ad.
    4:00 DEL MATTINO
    I soldati liberano una delle mani di As'ad e lasciano il cortile.
    4:09
    Uno dei detenuti chiama un medico dopo aver notato che As'ad non risponde e la sua faccia era diventata blu.
    4:10
    Un medico arriva al cortile da una clinica vicina e cerca di rianimare As'ad.
    4:20
    As'ad viene portato in clinica e i medici continuano a curarlo con misure di sostegno vitale.
    4:40
    Il dottore pronuncia la morte di As'ad.

    Secondo i soldati, As'ad ha iniziato a litigare con loro e ha protestato contro la loro decisione di trattenerlo. Gli hanno ammanettato con la forza le mani e gli hanno coperto gli occhi e la bocca con pezzi di stoffa. Successivamente hanno slacciato le manette e ordinato agli altri conducenti, che erano stati detenuti, di andarsene. As'ad rimase sdraiato sul pavimento; i soldati hanno detto durante l'interrogatorio che sembrava loro addormentato, dopo che avevano precedentemente notato che era confuso.

    Non gli hanno offerto aiuto né chiamato il medico che era con un'unità vicina. Invece, hanno lasciato la casa. Faceva molto freddo nella zona in quel momento. Gli altri detenuti hanno chiamato un medico palestinese, che è arrivato sul posto poco dopo e ha cercato senza successo di rianimare As'ad.
    La scorsa settimana Haaretz ha riportato le testimonianze di due palestinesi che erano presenti durante l'arresto. Dissero che As'ad giaceva a terra per diversi minuti con la bocca e gli occhi coperti e senza fare rumore. Nei giorni scorsi i militari hanno iniziato a raccogliere le testimonianze dei palestinesi testimoni dell'incidente e l'impressione generale è che le versioni che appaiono nei resoconti dei media appaiano affidabili e conformi alle informazioni dell'inchiesta.
    Tre medici palestinesi che hanno eseguito un'autopsia su As'ad hanno determinato la sua causa di morte come un attacco cardiaco derivante da stress psicologico causato dalla "violenza esterna" contro di lui . Funzionari palestinesi hanno detto all'Associated Press che As'ad è stato duramente picchiato dai soldati. I soldati hanno negato questo nella loro testimonianza alla polizia militare.
    Alti ufficiali militari hanno riferito ad Haaretz che i sospetti contro gli ufficiali ei soldati sono estremamente preoccupanti. "Non hanno visto un essere umano davanti a loro", ha detto uno. "Lo hanno trattenuto durante un'operazione di routine, senza motivo sufficiente. Dopodiché lo sdraiarono, ammanettato al freddo gelido, quasi zero gradi. Quando gli altri palestinesi hanno avvertito delle sue condizioni, i soldati hanno detto loro di andarsene e non hanno permesso loro di avvicinarsi a lui. Quindi i soldati se ne andarono semplicemente. Non è un omicidio, ma è un incidente orribile. Questi non erano soldati qualsiasi qui. C'era un comandante di plotone e sopra di lui un comandante di compagnia.
    Il capo del comando centrale, il Magg. Gen. Yehuda Fuchs, presenterà lunedì le conclusioni dell'indagine al capo di stato maggiore e potrebbero essere presi provvedimenti contro i comandanti del battaglione. Le indagini della polizia militare sono ancora in corso. Non è ancora chiaro se si concluderà con raccomandazioni per incriminare le persone coinvolte. Sembra che la preoccupazione degli alti ufficiali per l'incidente derivi non solo dalla gravità del caso, ma anche dal fatto che As'ad era cittadino degli Stati Uniti. Il Dipartimento di Stato americano ha rilasciato una dichiarazione di cordoglio e ha chiesto a Israele di chiarire le circostanze della morte di As'ad.
    Al contrario, alti ufficiali dell'esercito israeliano si sono finora astenuti dal fare riferimento pubblicamente all'incidente. Sebbene vi siano sospetti di gravi mancanze morali da parte di alcuni ufficiali e soldati che hanno portato alla morte di un anziano, né il capo di stato maggiore né gli ufficiali sotto di lui hanno ritenuto necessario fare riferimento pubblicamente all'incidente.
    L'indifferenza criminale mostrata dai soldati non è il primo caso di questo tipo nel battaglione Netzah Yehuda. Nel corso degli anni si è accumulato un gran numero di lamentele sulla condotta dei soldati dell'unità nei confronti dei palestinesi durante le operazioni in Cisgiordania e nella Valle del Giordano. Per due volte, nel 2019 e nel 2021, soldati e ufficiali del battaglione sono stati incriminati in un tribunale militare per aver abusato di detenuti. In un altro caso, tre anni fa, i soldati del battaglione sono stati processati per aver picchiato un cittadino beduino in un incidente in una stazione di servizio nel Negev.
    Un certo numero di alti ufficiali con conoscenza diretta delle attività del battaglione ha ammesso con Haaretz che l'esercito ha un problema nel mantenere la disciplina e l'ordine nel battaglione . Il numero di incidenti che coinvolgono violenza e ostilità nei confronti dei palestinesi è maggiore che in altri unità - anche tenendo conto del fatto che il battaglione è solitamente di stanza in Cisgiordania.
    In parte, questo problema riguarda anche il carattere dei soldati in servizio nel battaglione e il loro background politico e ideologico. Molti di loro sono giovani abbandoni della yeshiva ultra-ortodossa che si sono arruolati nell'esercito e hanno chiesto un incarico di combattimento. Nel battaglione ci sono anche molti giovani che vivono in avamposti non autorizzati in Cisgiordania. Alcuni di loro sono associati ai coloni radicali della "gioventù in cima alle colline" e ai gruppi di estrema destra.
    Circa una settimana dopo la morte di As'ad, il sito web di Mako ha pubblicato la corrispondenza tra gli ufficiali del Comando Centrale e altre unità di un gruppo WhatsApp interno. Uno degli ufficiali del gruppo ha descritto la morte di As'ad come un "omicidio". Un altro ufficiale ha paragonato il battaglione ai "giovani in cima alla collina" e un terzo ufficiale ha suggerito di trasferire il battaglione dal servizio in Cisgiordania per ridurre il numero di tali incidenti. Un partecipante ha espresso preoccupazione per il fatto che i numerosi incidenti in cui è coinvolto il battaglione avrebbero portato a atti di vendetta da parte dei palestinesi.
    Disordini in Cisgiordania
    L'incidente in cui è morto As'ad si unisce a una serie di recenti incidenti che hanno suscitato disordini in Cisgiordania. Continuano gli attacchi dei palestinesi, mentre aumentano gli atti di violenza e terrore da parte degli israeliani di estrema destra. A metà dicembre, un israeliano, Yehuda Dimentman, è stato ucciso da colpi di arma da fuoco sparati contro un'auto su cui viaggiava insieme a studenti che lasciavano la yeshiva nell'ex insediamento di Homesh. I sospettati dell'omicidio sono stati arrestati dall'esercito e dal servizio di sicurezza Shin Bet. Le ultime settimane hanno visto alcune sparatorie mirate a veicoli dell'esercito e postazioni militari, senza feriti.
    La violenza da parte ebraica è evidente principalmente negli avamposti dei coloni della Cisgiordania settentrionale. Poco più di una settimana fa, attivisti ebrei e palestinesi di sinistra sono stati aggrediti dai residenti di un avamposto vicino al villaggio di Burin, a sud di Nablus. Tra i feriti c'era Doron Meinart, colonnello delle riserve militari ed ex comandante di brigata. Estremisti di destra si sono ribellati nel villaggio di Hawara e hanno aggredito i palestinesi per “festeggiare” il rilascio di uno dei loro amici dalla prigione. Un bambino di 3 anni è stato ferito da un lancio di pietre.
    Nel frattempo, le tensioni continuano a ribollire su Homesh, dove i coloni rimangono nella yeshiva, nonostante la posizione del governo secondo cui la loro presenza lì è illegale. L'IDF è in attesa di istruzioni dal governo per costringere i coloni a lasciare la yeshiva. Tuttavia, alla luce dello stato delicato della coalizione di governo e delle pressioni su di essa da parte dei coloni, non è chiaro se queste istruzioni verranno emesse a breve.

    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Discorso di Nurit Peled – Elhanan al Parlamento Europeo

    Gideon Levy : articoli di giugno

    Jonathan Ofir : La feroce risposta di Israele a Ben e Jerry, gli “antisemiti”, è un avvertimento per gli ebrei americani

    Ahmad Melhem : Hamas accusa l'Autorità Palestinese di torturare e abusare sui prigionieri politici