Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

 Traduzione sintesi

As Vienna talks continue, Israel prepares for possible war against Iran, Hezbollah


Per quanto ne sappiamo, un capo del Mossad in carica non ha mai emesso pubblicamente una tale dichiarazione, ma il 2 novembre il direttore dell'agenzia di spionaggio David Barnea ha promesso che l'Iran non avrebbe mai avuto armi nucleari. "E' chiaro che non c'è bisogno di uranio arricchito al 60% per scopi civili.  Non c'è bisogno di tre siti di arricchimento. Non sono necessarie migliaia di centrifughe attive, a meno che non ci sia l'intenzione di sviluppare armi nucleari. … L'Iran non avrà armi nucleari, né nei prossimi anni, né mai. Questa è la mia promessa, questa è la promessa del Mossad".

Barnea partirà la prossima settimana per colloqui negli Stati Uniti sullo sfondo delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Israele sulla questione nucleare iraniana. Gli americani, secondo un titolo in prima pagina del 3 novembre sul Yedioth Ahronoth, chiedono che Israele congeli tutte  le attività clandestine e di intelligence volte a sabotare il programma nucleare iraniano, durante i negoziati in corso a Vienna per evitare di minare i colloqui con Teheran . Israele, afferma il rapporto, si rifiuta di impegnarsi.

Intanto la dichiarazione di Barnea sta suscitando non poche critiche, anche in Israele. "L'unico che può prendere un tale impegno sono gli Stati Uniti", ha citato  ad Al-Monitor una fonte israeliana di alto livello a condizione di anonimato. "Solo una potenza mondiale della statura degli Stati Uniti ha la capacità di fare una simile promessa". Tuttavia, gli Stati Uniti hanno già rilasciato pubblicamente tali promesse molte volte e nessuno in Israele ci crede più.

La dichiarazione di Barnea è arrivata sulla scia delle dichiarazioni drammatiche dei massimi leader israeliani - il primo ministro Naftali Bennett, il ministro degli Esteri Yair Lapid, il ministro delle finanze Avigdor Liberman e il presidente Isaac Herzog - nel giorno di apertura dei colloqui di Vienna del 29 novembre. Anche il ministro della Difesa Benny Gantz ha affrontato la questione questa settimana, affermando: “L'opzione militare deve essere sempre sul tavolo. È, ovviamente, l'ultima cosa che vogliamo usare, ma non abbiamo il diritto di non preparare questa opzione per noi stessi". Bennett, da parte sua, ha parlato il 1 dicembre con il Segretario di Stato americano Antony Blinken, esortando ancora una volta le potenze a non arrendersi al " ricatto nucleare " iraniano .

Mentre nelle ultime settimane si è parlato molto della questione iraniana, israeliani, iraniani, americani e il mondo intero si chiedono se l'aggressione verbale possa essere tradotta in azioneIn effetti, qual è l'"opzione militare" che Israele continua a proporre? Israele ha conservato o sviluppato la capacità di distruggere l'infrastruttura nucleare iraniana? È in grado di farlo?

La storia è l'unica dimensione che ad un certo punto fornirà la risposta. In tempo reale, Israele è impegnato in un'estesa corsa allo shopping multimiliardario per espandere il suo arsenale di bombe anti- bunker "intelligenti" ( munizioni di precisione JDam e altre ) e sta rinforzando la sua scorta di intercettori di difesa missilistica Tamir Iron DomeLa lista della spesa indica chiaramente che Israele si sta preparando alla guerra, non solo contro l'Iran ma anche con Hezbollah.

Israele è stato guidato da due approcci nei confronti dell'Iran nel corso degli anni.

Il primo è bloccare con ogni mezzo l'opzione nucleare iraniana, obiettivo raggiunto con vertiginoso successo. Sebbene le ambizioni nucleari dell'Iran siano state rilevate per la prima volta nel 1991, Israele ha impedito loro di raggiungere il suo obiettivo per oltre 30 anni, un risultato straordinario di proporzioni storiche.

Secondo il secondo approccio, una potenza delle dimensioni dell'Iran raggiungerà la capacità nucleare in un modo o nell'altro se sarà sufficientemente determinata a farlo. L'Iran, secondo quasi tutte le valutazioni, non solo è sufficientemente determinato, è eccessivamente determinato. Tuttavia, preferisce raggiungere il suo obiettivo “tutto d'un pezzo”, cioè con passi lenti e furbi piuttosto che con passi veloci e furiosi. Questo è il punto in cui si trova ora Israele.

Israele ha distrutto i reattori nucleari dell'Iraq e della Siria in due audaci attacchi aerei. L'Iran è un caso completamente diverso. Non ci sono reattori. C'è un'infrastruttura e strutture per l'arricchimento dell'uranio sparse in tutto il vasto paese, almeno una di queste, a Fordo, pesantemente fortificata sotto una massiccia montagna. È considerato indistruttibile salvo un prolungato, martellante con munizioni anti-bunker che solo gli Stati Uniti possiedono.

Israele ha cercato per anni di elaborare idee creative per superare questi e altri ostacoli fisici. La distanza, che dovrebbe ostacolare notevolmente la sua forza aerea nel raggiungere i cieli iraniani, appare meno problematica ora che Israele ha relazioni e collaborazioni stabili con alcuni paesi del Golfo e con l' Azerbaigian .

"Anche se non siamo in grado di distruggere l'infrastruttura nucleare iraniana in un colpo solo", ha detto ad Al-Monitor un ex alto funzionario dell'intelligence israeliana in condizione di anonimato, "non ho dubbi che potremmo causare gravi danni e ritardare il tutto per un uno o due anni, forse anche di più”Alla domanda se Israele rischierebbe una "guerra mondiale" con Iran ed Hezbollah per ottenere un ritardo limitato di un anno o due, la fonte ha risposto: "Forse. Se e quando la spada sarà al nostro collo, faremo tutto il possibile, correremo tutti i rischi e non lasceremo che arrivino. È una domanda esistenziale».

La conclusione che si può trarre dagli sviluppi sopra descritti non è necessariamente che Israele si stia preparando per un'operazione slam bang per distruggere l'infrastruttura nucleare iraniana, ma piuttosto che sta considerando una "guerra di logoramento". In altre parole, ogni volta che gli iraniani ripristinano ciò che è stato distrutto e vanno avanti, Israele potrebbe colpire di nuovo. Sono minacce vuote o serie? Come già detto, solo il tempo potrà dirlo. Una cosa è certa, le forze di difesa israeliane (IDF) e l'aviazione israeliana (IAF) si stanno preparando rapidamente.

Il comandante dell'IAF Maj. Gen. Amikam Norkin, che lascerà l'incarico la prossima estate, ha concesso un'ampia intervista il 2 novembre a Channel 13 News, che includeva diversi minuti di filmati di volo che mostravano caccia a reazione in ogni posizione immaginabile e discorsi impliciti sull'opzione che si stava profilando nel  bombardare l'Iran. Il capo dell'IDF, il tenente generale Aviv Kochavi, ha incaricato Norkin diversi mesi fa di rispolverare i piani a lungo dormienti e preparare l'opzione militare. "L'Iran ha avuto la priorità e il capo dello staff ci ha indicato di migliorare la nostra prontezza per quanto riguarda i nostri piani approfonditi", ha ammesso Norkin .

Il "terzo cerchio" e la "profondità" sono eufemismi israeliani per l'Iran. L'IDF ha persino nominato un generale incaricato del "comando di profondità". Norkin ha  pianificato al suo intervistatore, Alon Ben David, che l'IAF si eserciterà nei prossimi anni per "diverse situazioni legate a voli lunghi, volo in profondità, un volo con solo un quadro parziale delle minacce coinvolte, con il leader dello squadrone molto lontano in termini di comunicazioni. Con tutti questi elementi, miglioreremo la nostra prontezza”.

Alla domanda se l'IAF sia in grado di rimuovere la minaccia iraniana, Norkin non ha reagito direttamente ad essa. Invece, ha detto che se si arriverà a questo, l'IDF spiegherà cosa è in grado di fare e realizzare. Le leadership militari e politiche dovrebbero quindi decidere se i risultati attesi sono sufficienti. “Indipendentemente dai diversi scenari, e spero che non arrivi a nessun combattimento in nessuna arena, dobbiamo sempre essere pronti con un'opzione militare. Ed è per questo che la questione è stata posta in cima all'agenda”.

Norkin ha poi aggiunto: “La IAF è la polizza assicurativa dello Stato di Israele . Non posso dire che non facciamo errori, ma posso dire che continuiamo a imparare [dai nostri errori] e che continuiamo a migliorare, preparandoci agli scenari che Israele potrebbe dover affrontare. Quando sarà il momento, faremo tutto il necessario”.

L'unica domanda rimasta è il costo. Se Hezbollah entrasse in una guerra totale con Israele nel momento in cui l'IAF colpisce l'Iran, Israele sarebbe vulnerabile alla più grande distruzione e danno che abbia mai conosciuto (e allo stesso tempo riporterebbe il Libano all'età della pietra, come ha minacciato ). È interessante notare che alcuni in Israele ora credono che Hezbollah non sceglierebbe necessariamente o automaticamente di affrontare Israele. "In determinate circostanze", ha detto ad Al-Monitor una fonte di sicurezza di alto livello a condizione di anonimato, "[il segretario generale di Hezbollah Hassan] Nasrallah potrebbe decidere di restarne fuori o di unirsi solo in modo limitato e simbolico".

Commenti

Post popolari in questo blog

GIDEON LEVY - LA POLIZIA ISRAELIANA HA INVESTITO UN ANZIANO PALESTINESE CHE PROTESTAVA CONTRO L'OCCUPAZIONE, POI È FUGGITA DAL LUOGO DELL'INCIDENTE

Violetta Silvestri Territori occupati, quell’apartheid che distrugge l’ambiente

Gerusalemme: Nrc, “Autorità israeliane fermino espulsione forzata di una famiglia palestinese dalla propria casa in corso nel quartiere di Sheikh Jarrah”