Richard Silverstein :Il sionismo liberale e l'illusione dei due Stati

 


Liberal Zionism and the Two-State Delusion - Tikun Olam תיקון עולם

Traduzione sintesi

La soluzione dei due stati: una chimera 

Per decenni, la soluzione dei due Stati è stata  sostenta  da gruppi, partiti politici liberali e di sinistra sionisti e stati stranieri (inclusi USA e UE) . Le amministrazioni statunitensi (con l'evidente eccezione di una) hanno regolarmente criticato la politica degli insediamenti in quanto mette in pericolo la possibilità di un tale accordo

La soluzione dei due stati si è rivelata una chimera: un oggetto che sembra esistere, ma non è mai esistita e mai esisterà. Un  partito in particolare ha sfidato questo consenso per una generazione, pur sostenendo falsamente  di essere d'accordo con essoQuel partito non mantiene nemmeno più tale posizionedi  foglia di ficoNegli ultimi dieci anni i governi israeliani hanno dapprima implicitamente, poi esplicitamente rifiutato la soluzione dei due Stati. Governi, come gli Stati Uniti e l'Unione Europea ,sono stati fin troppo felici di continuare la farsa, perché senza due stati il ​​loro approccio sembrerebbe ancora più fallimentare e li farebbe sembrare ancora più ridicoli. Ammettere la verità, costringerebbe chiunque si occupi seriamente di questioni di pace e giustizia ad alzare le mani   o ammettere il fallimento e ideare un approccio diverso.

Un unico stato e l'isolamento 

Questo approccio, un unico stato che comprenda sia Israele che Palestina, è considerato  irraggiungibile perché la parte israeliana "non lo accetterebbe mai". Questo  è un errore basato su un ipotetico scenario futuro. Una soluzione non realizzabile  , vista l'opposizione israelianafino a quando le stesse élite politiche mondiali che hanno deciso che i due stati sono l'unica opzione praticabile, non rinunciano a questa illusione. 

Oltre ad abbracciare uno Stato, devono fare qualcosa che finora hanno rifiutato: porre una forza politica, morale ed economica dietro la loro posizione. Al rifiuto israeliano è necessario rispondere con l' isolamento : l'economia israeliana deve essere boicottata; devono essere negate le opportunità finanziarie e l'accesso ai capitali offerti ad altri Stati,  le istituzioni sponsorizzate dallo stato in campi come le arti e il mondo accademico devono essere isolate.  Israele deve essere ostracizzato dagli organismi internazionali e  gli deve essere negato l'accesso alle opportunità di normalizzarsi davanti al mondo.

Ovviamente  ciò richiederà una forza di volontà finora non in evidenza. Ci vorrà una risolutezza finora mancata  al mondo. Ci vorrà un movimento globale che eserciti una pressione morale incessante per l'azione  .Nonostante la lenta trasformazione dell'opinione pubblica, la resistenza non è stata finora in grado di apportare cambiamenti radicali a causa, in parte, della potenza  della lobby israeliana in tutto l'occidente (soprattutto nel Regno Unito e negli Stati Uniti).

Detto questo, gli studiosi di storia dovrebbero ricordare che  stati potenti ,che sembravano inespugnabili, sono crollati  a causa della loro intrinseca instabilità e contraddizioni interne Dovremmo anche ricordare il crollo dell'era coloniale del secondo dopoguerra da parte di Gran Bretagna e Francia. Nonostante la apparente stabilità di Israele e la vitalità economica, è possibile che Israele subisca un destino simile.

Il miraggio a due stati della Merkel

Nel suo incontro con il primo ministro Naftali Bennett, ha sottolineato il suo sostegno ai due stati. Una posizione sommariamente respinta da Bennett che ha etichettato qualsiasi potenziale stato palestinese come uno "stato del terrore".  Israele è uno stato terroristico molto più potente che viola regolarmente la sovranità territoriale dei suoi vicini per perseguire i propri interessi regionali, inclusi omicidi, invasioni, uccisioni  e persino incenerimento di intere città .In realtà, i due stati sono funzionali a  normalizzare l'attuale situazione  di  Israele  come  stato di apartheid  e definirlo come etnocrazia , piuttosto che come democrazia . Un  unico stato con  uguali diritti per tutti garantirebbe sia agli ebrei israeliani che ai palestinesi  l'esercizio di piena uguaglianza e diritti.

Lo schiaffo di Bennet

 Lo schiaffo di Bennett avrebbe dovuto essere accolto dalla Germania e dal mondo come una violazione imperdonabile delle relazioni bilaterali. Si sarebbe dovuto reagire con rabbia al rifiuto di Israele. Si sarebbe dovuto minacciare di riconsiderare le future relazioni diplomatiche. Ovviamente la Merkel non ha fatto nulla del genere. Entrambe le parti si sono comportate come come al solito, come se la questione dei due stati fosse un'arcana disputa che entrambe le parti dovevano menzionare per non perdere la faccia, ma che nessuna delle due intendeva perseguire in alcun modo .

USA:  la canzone dei due Stati e il sionismo liberale

 Ad eccezione di Donald Trump  ogni presidente ha intonato  la canzone dei due stati..  Persino i democratici progressisti come Bernie Sanders e il suo presunto consigliere di politica estera di sinistra, Matt Duss, insistono che i due stati sono l'unica via percorribile. Di conseguenza tempo ed energia vengono persi in una ricerca senza speranza , quando la sinistra dovrebbe presentare una visione unita e coerente per Israele-Palestina. In effetti, questa fissazione sionista liberale promuove gli interessi dello stato israeliano dell'apartheid. Finché la sinistra globale è divisa sul suo approccio, lo status quo rimane .

Un'altra caratteristica dell'approccio sionista liberale è l'attenzione ai sintomi della malattia dell'apartheid, piuttosto che alle cause profonde Quindi, quando Israele attacca Gaza come ha fatto a maggio, uccidendo 250 palestinesi, la risposta degli Stati Uniti è stata inizialmente  di silenzio totale. Dopo che l'uccisione è continuata e intere torri residenziali sono state distrutte da uno spietato attacco aereo, Biden ha chiesto un cessate il fuoco. Ciò ha calmato un po' la coscienza del mondo.

 Quindi  il presidente degli Stati Uniti ha proposto di offrire aiuti umanitari a GazaNaturalmente, non ha specificato quanto, a chi o come sarebbero  stati distribuiti . Sebbene gli Stati Uniti abbiano stanziato 150 milioni di dollari e promesso un ritorno all'UNWRA (che Trump aveva abbandonato), questa è una goccia nel mare . Solo uno dei tanti esempi, poche migliaia delle 18.000 case che Israele ha distrutto nella guerra del 2014 sono state ricostruite. Immagina quanto tempo ci vorrà per riparare ciò che è stato distrutto lo scorso maggio.

L'inutilità degli aiuti  umanitari

Gli aiuti umanitari non affrontano le cause profonde del conflitto. Mettono un cerotto su un tumore . Non portano  a una risoluzione a lungo termine. Permettono  solo allo status quo di continuare a zoppicare.

Un esempio simile è il recente voto del Congresso degli Stati Uniti sul finanziamento dell'Iron Dome.. I Democratici progressisti hanno ottenuto una vittoria senza precedenti sconfiggendo la proposta in commissione,  ma  la leadership democratica, con il supporto finanziario decennale della lobby israeliana, ha imposto un voto immediato per riparare i danni causati dalla sconfitta. La lobby israeliana ha messo sotto pressione i membri che aveva sostenuto finanziariamente nei cicli elettorali passati. Hanno risposto come i cani di Pavlov quando hanno sentito il campanello. Quattrocento diligentemente in fila per votare Sì. Nove intrepidi membri hanno sfidato la Lobby.

La deputata Alexandria Ocasio Cortez ha provocato una tempesta di proteste quando ha cambiato il suo voto . Poi  si è scusata per il suo cambiamento di opinione, ma la sua spiegazione mancava di convinzione o coerenza. Ha implicitamente riconosciuto di essere stata minacciata in qualche modo non specificato,

Bernie Sanders ha affrontato le cose in modo diverso.  Ha espresso il proprio Sì allo stanziamento in cambio di un vago accordo : l  'amministrazione Biden avrebbe  dato una somma considerevole in aiuti umanitari a Gaza.Né il presidente né il leader della maggioranza al Senato  hanno risposto con alcun impegno, ma Sanders era abbastanza soddisfatto da annunciare che avrebbe sostenuto Iron Dome.

Questo  è lo stesso approccio frammentario al conflitto israelo-palestinese che ha ritardato il cambiamento fondamentale per decenniSe  i critici  di Israele  si concentrano sui sintomi del conflitto ,per esempio, come riparare i danni inflitti da Israele, ciò ostacola un approccio globale per porre fine al conflitto una volta per tutte. Un tale approccio globale, ovviamente, porrebbe fine alla necessità di tali misure tampone. Un risultato che coloro che rifiutano una soluzione monostato sembrano ignorare

Commenti

Post popolari in questo blog

Judy Maltz : In un tranquillo sobborgo israeliano, la lotta per la sinagoga riformata diventa negativa

Oren Ziv .Il presidente israeliano accende la prima candela di Hanukkah per l'apartheid

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti