Offer Aderet Gli ARCHIVI DELLA GUERRA DEL KIPPUR RIVELANO LA SPIA EGIZIANA CHE HA SALVATO ISRAELE E LA PAURA DELL'UNIONE SOVIETICA DI GOLDA MEIR

In occasione del 48º anniversario dell'inizio della guerra del Kippur, l'Archivio di Stato pubblica documenti storici che svelano nuovi dettagli, e su come si è concluso il piano per bombardare Damasco
Di Offer Aderet - 6 ottobre 2021
"Dovremmo richiedere immediatamente carri armati e aerei Phantoms, e lanciare un "SOS" a Kissinger", ha detto il Primo Ministro Golda Meir ai suoi colleghi nel pieno della guerra dello Yom Kippur. "Non amano affatto gli ebrei. Gli ebrei sono deboli, o peggio. Ci getteranno ai cani."
Per celebrare il 48° anniversario della guerra del Kippur, iniziata il 6 ottobre 1973, l'Archivio di Stato israeliano ha pubblicato 61 documenti storici, 1.229 pagine in tutto, fornendo un nuovo scorcio dietro le quinte del dramma. I materiali includono passaggi del diario di guerra del Primo Ministro, verbali di riunioni nel suo ufficio e di riunioni di gabinetto e consultazioni su questioni diplomatiche e militari.
"I documenti ci permettono di vivere la guerra attraverso gli occhi del Primo Ministro e degli alti funzionari", ha detto ad Haaretz Or Fialkov, un ricercatore dell'organizzazione no-profit Centro Documentazione di Guerra dello Yom Kippur. "Forniscono un importante sguardo storico sugli eventi mentre sono accaduti in tempo reale piuttosto che come gli storici li hanno successivamente elaborati".

Inizia l'attacco
Una sirena suonò alle due del pomeriggio, allo scoppio della guerra, interrompendo una discussione di alto livello. Alle 14:05, il Primo Ministro Golda Meir dice: "Quindi ci hanno colto di sorpresa alla fine". Tuttavia, come sappiamo, la sorpresa non è stata assoluta. Uno dei documenti appena rilasciati è il rapporto del capo del Mossad Zvi Zamir al Primo Ministro Meir sul suo incontro londinese con Ashraf Marwan, l'agente del Mossad che lo aveva avvertito circa 14 ore prima dello scoppio della guerra.
"Aspettavamo un segnale riguardo alla guerra", ha detto Zamir". Ho ricevuto un rapporto che indicava fosse imminente, aveva dato la parola in codice segnalando che la guerra era prossima", ha osservato, riferendosi al suo contatto iniziale con Marwan. Di conseguenza, partì frettolosamente per Londra per incontrarlo.
"Abbiamo iniziato a cercare voli. Non ci sono voli El-Al, non ho potuto prendere gli altri. Sono andato all'aeroporto. Eli Zeira, il capo dei Servizi Segreti Militari, ha chiamato dicendo che anche lui era un po' preoccupato. Gli ho detto, penso che sarà guerra", ha aggiunto.
Zamir arrivò a Londra la mattina successiva per incontrare Marwan. "Arrivò a mezzanotte. Ci sedemmo fino alle 2," ha riferito. "Mi disse che la guerra era imminente. Non sapeva perché. Sarebbe iniziata nel pomeriggio o la sera. Era inevitabile. Ha fornito i dettagli. Ho deciso di chiamare".
Marwan continuò ad aggiornare Zamir durante la guerra sui vari sviluppi. Nelle riunioni di governo viene soprannominato "l'amico di Zvika" (Zvika Greengold). Tra le altre cose, Marwan pensava che gli egiziani avrebbero lanciato missili Scud contro Israele solo se Israele avesse attaccato la popolazione civile in Egitto.
"L'amico di Zvika ha detto che poteva finire in una sola delle due ipotesi : o l'intero esercito sarebbe stato neutralizzato, o il Presidente egiziano Anwar Sadat sarebbe stato destituito", ha detto il Primo Ministro Meir, secondo un documento. "Sarei felice fossero neutralizzati entrambi", ha aggiunto con sarcasmo.
Un altro avvertimento fornito dal Mossad è stato ricevuto il 12 ottobre, quando il gabinetto di sicurezza ha discusso un piano per l'attraversamento del Canale di Suez. Nel bel mezzo del lungo incontro, Zamir è stato chiamato urgentemente al telefono. Il suo capo ufficio gli ha parlato di un rapporto inviato dall'agente egiziano tramite la radio. Secondo i documenti appena rivelati, Meir ha detto ai presenti: "Aspettiamo due minuti e leggiamo il materiale che ho appena ricevuto" e ha iniziato a esaminare i documenti. "C'è un documento di Zvika, di cui vi parlerò", ha aggiunto.
L'avviso dell'agente egiziano riguardava l'intenzione degli egiziani di attivare brigate di paracadutisti e forze corazzate per catturare obiettivi importanti nel profondo del Sinai. Dopo aver ricevuto il rapporto, si decise di prepararsi a fermare gli egiziani prima di attraversare il canale. "Ora so cosa fare", ha risposto il capo del personale David Elazar. "Ci prepareremo bene, fermeremo l'assalto egiziano, colpiremo duramente le divisioni e poi attraverseremo il canale".
Il suo vice, Israel "Tal" Talik ha aggiunto: "Sarà un colpo drammatico senza precedenti e toglierà il vento dalle vele dell'offensiva egiziana, a condizione che prepariamo questa battaglia". Meir ha riassunto: "Amici, capisco che Zvika ha concluso la nostra discussione".
Come descrive il ricercatore Fialkov, che ha letto i documenti, le Forze di Difesa Israeliane sono state in grado di prepararsi in tempo per l'assalto grazie all'avvertimento: "L'IDF ha sconfitto le forze egiziane in una delle più grandi battaglie di carri armati nelle guerre di Israele. Il quadro della battaglia sul fronte meridionale è stato completamente capovolto". Zamir disse all'epoca: "Trasmettendo le informazioni, l'agente ha salvato Israele dalla sconfitta più umiliante della sua storia".
CHI HA LE MASCHERE ANTIGAS?
I documenti parlano anche della paura di Israele nei confronti degli egiziani che utilizzano missili Scud e armi chimiche. I leader israeliani credevano che i russi stessero aiutando l'Egitto a preparare un attacco missilistico. "I russi hanno detto loro, ci addestreremo insieme a voi. Alla fine, se lanceranno un missile, sarà un missile sovietico, ma diranno che è un missile egiziano", affermava uno dei documenti.
La paura del coinvolgimento attivo russo nella guerra è evidente. Fialkov spiega: "La guerra è avvenuta in un momento in cui il mondo si stava avvicinando a una terza guerra mondiale, quando i russi alzarono il livello di allerta, quando videro perdere il loro alleato, per mandare missili in Egitto o in Siria". I documenti registrano le domande del Ministro Israel Galili: "C'è una minaccia sovietica di intervento? Cosa dovremmo rispondere? Cosa abbiamo chiesto agli americani?"
A questo proposito, il Primo Ministro Meir si è chiesto: "Voglio capire perché il Segretario di Stato americano Henry Kissinger è così preso dal panico, con cosa l'hanno minacciato?" Il Vice Primo Ministro Yigal Allon ha risposto: "Forse con l'invio di una forza sovietica in Egitto".
"C'erano anche rapporti sulla possibilità di utilizzare gas," è stato detto in una discussione. "Hanno tutti una maschera antigas?" chiese Meir. Il suo segretario militare, Yisrael Lior, ha affermato che alcune unità erano dotate di maschere, ma "la domanda è se ogni bambino ha una maschera".
Il Ministro della Difesa Moshe Dayan era preoccupato dalla prospettiva che gli egiziani lanciassero missili Scud contro Israele. "Vi ricordo l'avvertimento di Sadat che se la popolazione civile viene attaccata si vendicherà con gli Scud. Cosa accadrà se farà pressioni sui russi? Se dice che abbiamo attaccato dei civili e chiede loro di colpirci con i missili? Ci sono rapporti che gli egiziani abbiano 400 missili Scud. Sadat è preoccupato per il suo futuro", ha detto Dayan in una discussione, in cui ha respinto la possibilità che i militari colpissero obiettivi strategici in Egitto, per timore che provocasse una risposta egiziana. "Temeva che gli egiziani avrebbero attivato il famoso missile per rappresaglia", ha commentato Allon.
D'altra parte, i documenti registrano anche discussioni sul possibile uso dei razzi terra-terra Ivri di Israele. Il Capo di Stato Maggiore Elazar ha suggerito di lanciarli contro la Siria. "È vero, ne abbiamo solo 25, che abbiamo iniziato a produrre quest'anno", ha detto in una discussione. "Con gli Ivri, entriamo a Damasco, se lo desideriamo". Tra le altre cose, ha proposto di "bombardare un aeroporto vicino a Damasco con quei razzi" in modo che "a Damasco sentiranno i boati così forti da far tremare le finestre".
Meir gli chiese in risposta se i razzi fossero precisi. Elazar rispose: "Sì, ma è possibile che alcune case vicino all'aeroporto possano essere colpite. Lo sentiranno molto bene a Damasco. Suggerisco di colpire le città, pensavo che prima di tutto avemmo dovuto colpire Damasco, ma grazie a Dio non si è arrivati ​​a questo. Quindi, non a Damasco, ma all'aeroporto". Dayan si oppose a quel piano, e non accadde mai.
SPONSORIZZATO DA ROTHSCHILD
In un altro documento sono riportati i grandi sforzi del Ministro delle Finanze Pinchas Sapir per raccogliere fondi da ricchi ebrei all'estero per lo sforzo bellico. Sapir ha riferito di aver avviato una raccolta fondi immediatamente lo scoppio della guerra e di essersi assicurato una donazione dalla famiglia Rothschild.
"Abbiamo chiamato la signora Dorothy de Rothschild", ha detto, riferendosi alla filantropa ebrea britannica e moglie di James de Rothschild). "E poi abbiamo ricevuto un rapporto che stava dando 2 milioni di sterline (2.355 milioni di euro) ma che il rapporto doveva rimanere segreto. Quella sera invitò un gruppo di persone a casa sua. Ero in ritardo e sono andato da lei direttamente dall'aeroporto. Mi stava aspettando a casa. Mi ha chiesto di raccontarle cosa stava succedendo in Israele".
Sapir disse a Meir: "Chiamerò l'ufficio del Primo Ministro e sentirai cosa sta facendo ora,' anche se è difficile contattare l'ufficio al telefono tramite tutte le segretarie. Ma ha detto che parlare con te l'ha rincuorata. Si è ripresa ed era raggiante. Quel giorno ha mandato due dei suoi parenti per informarmi che stava donando 2 milioni di sterline (2.355 milioni di euro) perché pensava che la situazione fosse seria. Ovviamente ne abbiamo approfittato".
Descrisse anche altri sforzi per raccogliere donazioni da altri ebrei, tra questi l'uomo d'affari e filantropo Charles Clore. Riguardo a Clore, ha detto: "L'ho messo all'angolo in una stanza, l'ho sconvolto. È un ebreo devoto". Ha anche usato la memoria dell'Olocausto per raccogliere fondi. "Gliel'ho detto decine di volte, se nel 1939 avesse fatto quello che sta facendo ora, quando Weizmann ha gridato: 'Il popolo ebraico, come hai potuto?'" forse un milione in meno sarebbe andato ad Auschwitz", ha riassunto Sapir.
I documenti registrano anche le battaglie dell'ego tra la dirigenza del paese e l'esercito. Ad esempio, Dayan ha detto di Arik Sharon: "È un gran chiacchierone, ma è un eccellente comandante. Di questi tempi non c'è bisogno di fare nulla. Anche se è un Napoleone. Vedremo più avanti. Dovremo preoccuparci di quello che dice. E lasciamo che gli egiziani si occupino di quello che fa".
Il Capo di Stato Maggiore Elazar informò Meir che Shmuel Gonen, capo del Comando Meridionale, "dice che Arik sta facendo quello che vuole". Ha spiegato: "Arik interruppe i rapporti con lui. Non era sicuro di cosa avrebbe fatto". Meir ha risposto: "Non ha il coraggio di dire cosa pensa di Arik".
ERRORE DI CENSURA
"I numerosi documenti ora resi disponibili al pubblico sono il materiale d'archivio originale che è stato scritto durante i drammatici sviluppi di uno degli eventi ancora considerati una ferita aperta nella storia del Paese e della società israeliana", secondo un rapporto pubblicato dall'Archivista di Stato Ruti Abramovitch.
"Per la prima volta in 48 anni, possiamo ripercorrere le dinamiche che hanno avuto luogo all'interno del governo riguardo alla guerra dello Yom Kippur, ed essere esposti al panico, ai dilemmi, ai dibattiti e alle complesse relazioni tra i capi di Stato, coloro che hanno condotto i duri combattimenti e i responsabili della politica", ha aggiunto Abramovitch.
I documenti vengono divulgati grazie a una petizione all'Alta Corte di Giustizia presentata l'anno scorso per rendere pubblici tutti i materiali d'archivio relativi alla guerra. La petizione è stata presentata, tramite l'avvocato Benjamin Baratz, il Maggiore Generale Ori Orr, il Centro Documentazione di Guerra dello Yom Kippur, il presidente del Centro Rami Swet e il professor Uri Bar-Joseph.
A margine della documentazione si rileva un errore di censura. Due parole in una singola frase, e lasciate intatte in una frase . "Il Ministro della Difesa riferisce anche che una richiesta che è stata fatta ... (queste parole sono seguite dalle due parole censurate) ...Australia ... e ....chiederà i Mirages; magari accetteranno di prestarceli", si legge nel documento. Scopriamo poi le parole censurate, quando Meir risponde: "L'Australia non ce li darà, il Sudafrica, forse".
Uno dei documenti rivela anche l' umorismo del Primo Ministro. "Passi la serata qui, Golda?" chiese Dayan. "Dovevo presenziare in qualche discoteca, ma resterò per un po'", rispose.

T

Commenti

Post popolari in questo blog

Judy Maltz : In un tranquillo sobborgo israeliano, la lotta per la sinagoga riformata diventa negativa

Oren Ziv .Il presidente israeliano accende la prima candela di Hanukkah per l'apartheid

Ben Caspit : Mentre i colloqui di Vienna continuano, Israele si prepara a una possibile guerra contro l'Iran, Hezbollah

Haaretz : Spyware NSO israeliano trovato sui telefoni dei funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti