La stampa italiana"democratica" si scandalizza per il boicottaggio del gelato e per l' atleta algerino alle Olompiadi ,ma per questo video no?




Non abbiamo lanciato la nostra campagna sulla violenza dei coloni perché semplicemente volevamo fare rumore.
Abbiamo lanciato la campagna perché la violenza dei coloni è reale. Finché ai coloni violenti sarà permesso di agire impunemente, mentre l'IDF osserva in disparte, le persone reali continueranno a subire violenza .
Come nell'incidente di ieri a Tuwani, nel sud della Cisgiordania. Leggi cosa ha scritto l'attivista locale Basil Adraa, e poi leggi la nostra raccolta di testimonianze di soldati - vedi link nei commenti.
"Sto scrivendo queste parole e sento ancora la paura nel mio corpo, per tutti quelli che amo.
A nessuno frega un cazzo degli attacchi violenti che accadono qui ogni sabato, ed è successo di nuovo: i coloni dell'avamposto Havat Maon, vicino a casa mia, hanno attaccato il mio villaggio a Massafer Yatta.
Hanno tirato pietre al mio fratellino. Un vecchio è stato colpito direttamente alla testa.
Perché sei silenzioso? Cosa deve succedere per farti muovere? Forse un'altra casa dovrebbe bruciare, come hanno fatto tre settimane fa? Qualcuno deve morire? Cosa fermerà questo?
Oggi un gruppo di coloni israeliani è andato a casa del mio vicino e l'ha attaccato. Da una distanza ravvicinata. Questi attacchi sono organizzati.
Voglio ancheio essere organizzato. Avere qui persone che credono nella pace, non nella violenza. Persone che vogliono porre fine all'occupazione militare e lavorano per la giustizia e l'uguaglianza tra il fiume e il mare.
Non voglio essere solo qui il sabato, ti invito a venire a stare con noi. Puoi scrivermi un messaggio privato o inviare un'e-mail al nostro gruppo di attivisti all'indirizzo nodemolitions@gmail.com."




We didn't launch our campaign on settler violence because we simply felt like making some noise. We launched the campaign because settler violence is real. As long as violent settlers are allowed to act with impunity, while the IDF watches from the sidelines, real people will continue to get hurt. Like in the incident yesterday in Tuwani, in the southern West Bank. Read what local activist Basil Adraa wrote, and then read our collection of soldiers' testimonies - see link in the comments.
"I am writing these words and and still feel the fear in my body, for everybody I love.
No one is giving a shit about the violent attacks happening here every Saturday, and it just happened again: settlers from the outpost Havat Maon, which is near my home, attacked my village in Massafer Yatta.
It was hard. They threw stones at my little brother. An old man was hit directly in his head.
Why are you quiet? What needs to happen so you move? Maybe another house should burn, like they did three weeks ago? Someone needs to die? What will make this stop?
Today a group of Israeli settlers walked to my neighbor’s home - and attacked it. From a close distance. Behind them: tens of settlers were standing. These attacks are organized.
I also want to be organized. To have people here who believe in peace, not violence. People who want to end the military occupation and work for justice and equality between the river and the sea.
I don’t want to be alone here on Saturdays, I call on you to come and stand with us. You can write me a private message, or send an email to our activist group at nodemolitions@gmail.com."






Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri