Bradley Burston : La Giornata di Gerusalemme mi ricorda: gli estremisti e i fanatici di Israele non sono il mio popolo ebraico

 sintesi traduzione

'C' è un mostro nel mio armadio. Anche al buio vedo la porta dell'armadio sporgere verso di me. Chiudo gli occhi, ma non si fermano il tintinnio, il rumore di passi furiosi dall'altra parte. Sento la maniglia della porta girare. A volte penso di sentire una chiave girare nella serratura. Di lato non riesco a vedere. Non voglio vedere.
C'è un mostro nel mio armadio. Diventa più grande e più rumoroso, più insistente di anno in anno. Soprattutto in questa stagione, quando alcuni dei miei festeggiano in modi che tormentano e provocano il mostro.
Mi dico: sono vivo, la mia famiglia è al sicuro, perché tengo la porta chiusa. Contro il mostro. Non solo io. In innumerevoli altre case, la mia gente dice la stessa cosa. Sperando la stessa cosa.
C'è un mostro nel mio armadio. Perché sono israeliano ebreo. E perché oggi è il giorno di Gerusalemme .
Ecco il punto. Sappiamo tutti cosa c'è dietro quella porta. Bloccato lì insieme agli uomini di Hamas che lanciano bombe incendiarie da palloncini ad elio in modo che possano incenerire i raccolti, i campi e le case della mia famiglia e dei miei amici vicino alla Striscia di Gaza.
Sappiamo tutti cos'altro c'è dietro quella porta e ne siamo terrorizzati. Non un mostro. Persone con volti e nomi. E bambini. E anziani. Persone sfollate. Persone per le quali la vita, la cultura, l'identità, le speranze, le aspirazioni, si intersecano nell'amarezza, nella nostalgia e nelle lacerazioni dell'esilio. Suona familiare?
Il mio popolo, gli ebrei, è orgoglioso di studiare molto, ma non sembriamo imparare.
La grande tragedia del mio popolo, gli ebrei, è anche la loro storia di origine: sfollamento, sradicamento da una casa amata, espulsione, esilio. Ora che loro - noi - siamo tornati a casa, dopo migliaia di anni e innumerevoli espulsioni, il grande peccato del mio popolo, la nostra più profonda trasgressione, è l'esilio che abbiamo causato agli altri, ai nostri parenti, sangue del nostro sangue, figli di Abramo , i palestinesi .
Chi c'è dietro quella porta malandata e frantumata in questo giorno di Gerusalemme? Per cominciare i milioni e milioni di palestinesi tenuti sotto occupazione in Cisgiordania e a Gerusalemme est , tenuti imbottigliati e miserabili a Gaza.
Per quanto riguarda coloro che stanno dietro la porta, temiamo anche i nostri. Sappiamo che milioni di israeliani sono stati vittimizzati, maltrattati e trascurati da un governo troppo impegnato a fare campagne, a mentire, a calunniare, a polarizzare o a fare il capro espiatorio per aiutare i disabili, le donne maltrattate, i sopravvissuti all'Olocausto o i veterani di guerra. paralizzato da PTSD o i cittadini che non sono ebrei.
Chi altro c'è dietro quella porta? I teppisti degli insediamenti che cercano di espellere e sostituire i residenti palestinesi del quartiere di Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est. Ebrei - una selezione scelta di teste calde e di merda del popolo ebraico - che hanno escogitato un modo per far suicidare lo stato di Israele.
È il giorno di Gerusalemme e c'è una marcia della bandiera programmata per fare a pezzi il mio armadio. I giovani ortodossi in preda al delirio e inzuppati di ormoni vestiti di bianco, auto-segregati per sesso, cantano a squarciagola una canzone di un sospetto molestatore sessuale.
" Mi sh'ma'amin lo mifa'hed ", inizia il ritornello. Chi crede non ha mai paura.
Continua affermando: "Siamo quelli che hanno il Re dell'Universo, e lui ci tiene al sicuro da tutti gli altri".
"Am Yisrael, il popolo di Israele, non si arrenderà mai", continua, usando una frase - lo yivater - che significa anche "non scenderà mai a compromessi".
In altre parole se sei a favore del compromesso, se sei a favore della coesistenza, della democrazia, dell'uguaglianza e non della supremazia della destra religiosa e della cancellazione dei non ebrei, non sei parte di Am Israel.
Fino a quando non sono venuto a vivere in Israele, fino a quando non è diventato proprietà di estremisti e fanatici suprematisti, mi sono sentito totalmente parte di Am Yisrael. Non oggi. Non il giorno di Gerusalemme. Queste non sono le mie persone.
Ancora. Sono uno che crede. Verranno giorni migliori, per tutti i figli di Abramo qui: musulmani e cristiani oltre che ebrei. Verranno giorni migliori, anche se sarà troppo tardi per vederli, festeggiarli, spalancare quella porta. Fino ad allora, per me, il Jerusalem Day sarà un giorno di lutto.Oggi è il giorno di Gerusalemme. Sono uno di quelli che crede. E sono spaventato a morte.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gideon Levy : Nessun cambiamento a Gerusalemme o a Gaza

Gerusalemme : Il parlamentare Ofer Cassif - l'unico membro ebreo della Lista Unita "i giudeo-nazisti urlano "Muhammad è morto", "Morte agli arabi" e "Che il tuo villaggio bruci".

ENTSAR ABU JAHAL :iniziati I campi estivi per i bambini di Gaza traumatizzati dalla guerra

Approvata la Marcia delle Bandiere per Gerusalemme nonostante le minacce di Hamas