Amira Hass : La Hubris di Israele ha segnato il proprio obiettivo a Gerusalemme


Traduzione sinntesi 

Come hanno potuto essere così stupidi? Questa è la domanda che continuano a porsi a Gerusalemme. Le persone che lo chiedono sono palestinesi, e la domanda si riferisce alle autorità israeliane le cui decisioni ,anche dal punto di vista israeliano, sono state  stupide perché hanno infiammato una città divisa o più precisamente, la metà orientale che include la Città Vecchia.

C'è un lato positivo in questa stupiditàLa stupidità mette a nudo il legame tra la natura di Israele  di espellere (nel quartiere di Sheikh Jarrah di Gerusalemme , per esempio) e il suo profondo e istintivo disprezzo per i suoi sudditi musulmani. La stupidità mostra come il paese che ha mutilato villaggi e città palestinesi come Betlemme, la Città Vecchia di Hebron, Nebi Samuel e il quartiere Mugrabi di Gerusalemme in modo che gli ebrei possano tenere le loro cerimonie religiose ,stia mostrando disprezzo per il Ramadan e i luoghi sacri islamici.

La speranza è che paesi amici come la Germania, gli Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti si rendano conto di quanto sia pericoloso Israele e lo frenino. Il pericolo è che questi paesi non agiscano ancora, i palestinesi pagheranno un prezzo pesante e ci avvicineremo alla prossima, ancora più pericolosa esplosione.

È così che si  è evidenziata  la stupidità del Ramadan: chiudere i gradini davanti alla Porta di Damasco , attaccare i manifestanti a Sheikh Jarrah e programmare un'udienza in tribunale sulla questione esplosiva del destino del quartiere  nel giorno in cui i nazionalisti ebrei pianificano la loro marcia vittoriosa nella Città vecchia città. Ha poi continuato con le brutali irruzioni della polizia nel complesso di al-Haram al-Sharif e nelle sue moschee (uno di questi attacchi, particolarmente spaventoso e scioccante, si è verificato mentre scrivevo questo lunedì mattina).

Circa 1,8 miliardi di musulmani in tutto il mondo stanno celebrando il Ramadan. Solo 7 milioni di loro vivono in Terra Santa, tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, e solo poche decine di migliaia quest'anno hanno potuto pregare nel complesso di al-Haram al-Sharif,ma  per ragioni storiche e politiche, non solo religiose ed estetiche, la Cupola della Roccia è diventata un simbolo islamico di alto profilo e l'intero complesso un patrimonio universale.

E Israele ci sputa sopra. Centinaia di milioni di musulmani avranno difficoltà a dimenticare le brutte immagini della polizia dello stato ebraico con elmetti e fucili mentre profanavano il complesso e le sue moschee e attaccavano migliaia di musulmani a digiuno con granate assordanti, gas lacrimogeni e una grandine di proiettili di gomma . Le trasmissioni in diretta da decine di telefoni mostrano i mezzi di repressione a disposizione dello Stato e come lo Stato ebraico consideri Al-Aqsa un palcoscenico per dimostrare la forza brutale della polizia.

Israele ha descritto il suo attacco come l'unica risposta logica ai giovani che lanciano pietre e bottiglie d'acqua, e alla loro capacità di organizzazione .  Lunedì, sembrava che l'obiettivo principale della polizia fosse quello di compensare la loro scarsa immagine pubblica (i loro fratelli di maggior successo nel servizio di sicurezza Shin Bet, il Mossad e l'intelligence militare li hanno rimproverati tramite i media) e  soddisfare i fedeli del Monte del Tempio, ai quali per una volta è stato impedito  di salire provocatoriamente  fino al complesso. In tal modo, la polizia israeliana ha convinto più giovani palestinesi che la ribellione è la loro unica opzione e ha rafforzato l'appello dei gruppi nazionalisti islamici.

La stupidità è l'arroganza di un paese convinto di essere onnipotente e ha finito di costruire un muro di ferro per proteggere il suo regno da una rivolta che doveva accadere. Il sovrano ha segnato un autogol e ha dato ai giovani palestinesi un'altra opportunità per dimostrare che qui niente è normale, parlando così a nome del loro popolo. Se  gli amici di Israele non agiscono rapidamente contro l'arroganza israeliana, cresce il rischio che la stupidità affretti il ​​giorno in cui il problema dell'occupazione israeliana si trasformerà in una guerra religiosa che si riverserà oltre i confini del Paese.How could they be so stupid? That’s the question that keeps repeating in Jerusalem. The people asking it are Palestinians, and the question refers to the Israeli authorities, who have made decisions that even from the Israeli perspective are stupid because they have inflamed a divided city, or more precisely, the eastern half that includes the Old City.

There’s a positive side to this stupidity. It’s akin to a panicked diplomatic cable that informs the capital that lunatics in the guise of Startup Nation and music lovers have entered the code for detonating a warhead. The stupidity exposes the linkage between Israel’s nature to expel (in Jerusalem’s Sheikh Jarrah neighborhood, for example) and its deep, instinctive disdain for its Muslim subjects. The stupidity shows how the country that has maimed Palestinian villages and towns such as Bethlehem, Hebron’s Old City, Nebi Samuel and Jerusalem’s Mugrabi Quarter so that Jews can hold their religious ceremonies is showing contempt and disregard for Ramadan and Islamic holy sites.
The hope is that friendly countries such as Germany, the United Arab Emirates and the United States will realize how dangerous Israel is and restrain it. The danger is that these countries will again fail to act, the Palestinians will pay a heavy price and we will move closer to the next, even more dangerous explosion.
That’s how the stupidity of Ramadan unfolded – closing off the steps in front of Damascus Gate, attacking protesters in Sheikh Jarrah and scheduling a court hearing on the explosive issue of the neighborhood’s fate of all things on the day Jewish nationalists planned their victory march in the Old City. It then continued to the brutal police break-ins into the al-Haram al-Sharif compound and its mosques (one of these attacks, particularly frightening and shocking, occurred as I was writing this on Monday morning).
Some 1.8 billion Muslims around the world are marking Ramadan. Only 7 million of them live in the Holy Land between the Jordan River and the Mediterranean Sea, and only a few tens of thousands could pray this year at the al-Haram al-Sharif compound. But for historical and political reasons, not just religious and aesthetic ones, the Dome of the Rock has become a high-profile Islamic symbol and the entire compound a universal heritage site.
And Israel spits on it. Hundreds of millions of Muslims will have a hard time forgetting the ugly images of the Jewish state’s police with helmets and rifles as they desecrated the compound and its mosques and attacked thousands of fasting Muslims with stun grenades, tear gas and a hail of rubber-coated metal bullets. Live broadcasts from scores of phones show the means of repression at the state’s disposal and how the Jewish state regards Al-Aqsa as a stage for demonstrating the police’s brutal force.
Israel portrayed its attack as the only logical response to young people throwing stones and water bottles, and to their ability to organize and likelihood to. But on Monday, it seemed the police’s main goal was to make up for their low public image (their more successful brothers in the Shin Bet security service, Mossad and Military Intelligence scolded them via the media) and to satisfy the Temple Mount faithful, who were for once barred from making their provocative ascent to the compound. In doing so, Israel’s police convinced more young Palestinians that rebellion is their only option and strengthened the appeal of Islamic-nationalist groups.
The stupidity is the hubris of a country convinced that it’s omnipotent and has finished building an iron wall to protect its realm from an uprising that was bound to happen. The ruler has scored an own goal and has given young Palestinians another opportunity to show that nothing here is normal, thus speaking in the name of their people. But if Israel’s friends don’t act quickly against the Israeli arrogance, the risk grows that the stupidity will hasten the day when the problem of the Israeli occupation turns into a religious war spilling over the country’s borders.
► Archived version: https://archive.is/D2d5X


 





1



Commenti

Post popolari in questo blog

Richard Silverstein :Il sionismo liberale e l'illusione dei due Stati

Yehudit Karp :È giunto il momento di ammettere: Israele è un regime di apartheid

Gideon Levy : | Un'immagine, 2 milioni di persone private della loro dignità. Gaza

Offer Aderet Gli ARCHIVI DELLA GUERRA DEL KIPPUR RIVELANO LA SPIA EGIZIANA CHE HA SALVATO ISRAELE E LA PAURA DELL'UNIONE SOVIETICA DI GOLDA MEIR