Richard SilversteinAl Rally MAGA, bandiera israeliana e neo-nazisti coesistono ... goffamente

tag Israele-Usa


Traduzione sintesi

Se sei ebreo (e anche se non lo sei) potresti chiederti cosa diavolo stava succedendo al raduno MAGA di ieri  al Campidoglio. E non sto parlando della follia generale di centinaia di suprematisti bianchi, neonazisti e bevitori di Trump Kool Aid, che hanno preso d'assalto il Campidoglio e hanno fatto sembrare la democrazia americana una festa della confraternita ubriaca di birra.

Rally MAGA Camp Auschwitz

Saccheggiatore neo-nazista raffigurato nella felpa del "Campo Auschwitz"

No, sto parlando di alcuni incidenti strettamente correlati di particolare interesse per gli ebrei. In primo luogo, ovviamente, c'era la presenza lampante di antisemiti che portavano con orgoglio le loro felpe "Campo Auschwitz" o le loro magliette "6MWE" ("Sei milioni non erano abbastanza"). Inutile dire che i seguaci più devoti di Donald Trump sono antisemiti  che hanno commesso atti di gran lunga peggiori contro gli ebrei in altri contesti rispetto a ieri: come Pittsburgh, Poway e altrove.

Questa manifestazione   ha coinvolto anche  ebrei che si  sono uniti al caos. Ebrei che hanno trascurato l'antisemitismo intrinseco del movimento MAGA perché soddisfa un senso del dovere più elevato.

aaron mostofsky

Mostofsky si aggira nelle sale del Congresso (Jim LaScalza / EPA)

aaron mostofsky

Il manifestante con la bandiera confederata supera Aaron Mostofsky, ebreo ortodosso di Brooklyn il cui padre è il giudice della Corte superiore dello Stato di New York e potente leader del Partito Democratico (Manuel Balce / AP)

Aaron Mostofsky, in primo piano nelle fotografie di ieri , indossa una pelliccia  mentre un altro manifestante gli sfila accanto con una bandiera confederata.  Aaron , quando è stato intervistato, ha orgogliosamente identificato se stesso e la sua città natale, Brooklyn. Ciò ha permesso ai suoi parenti e ai giornalisti di New York di esporre il suo background familiare: suo padre è il giudice Shlomo "Steven" Mostofsky della Corte suprema della contea  ,una persona importante nel Partito democratico ed ex presidente del Consiglio nazionale di Young Israel. un ' organizzione che si pone  all'estrema destra del moderno movimento ortodossoNon solo sostiene ardentemente il governo di destra israeliano e gli insediamenti israeliani, ma è stata tra i primi sostenitori ebrei della candidatura di Trump. Young Israel ha organizzato un evento di raccolta fondi di gala in onore di Igor Fruman e Lev Parnas, stretti collaboratori di Rudy Giuliani. Erano presenti anche Kevin McCarthy, Mike Huckabee e Giuliani. I berretti MAGA ebraici erano in primo piano. Tra gli epiteti conferiti quella notte al candidato c'erano "Trump, re di Israele". Non so se il giudice Mostofsky abbia partecipato a questa festa, ma come ex presidente del Consiglio nazionale potrebbe averlo fatto. Solo a New York  si può essere  leader di un gruppo ebraico che sostiene Trump pur essendo un appuntamento fisso nel Partito Democratico locale.

Bandiera di Israele sventola il  6 gennaio MAGA rally, Capitol Mall

Molti ebrei ortodossi di New York vivono in comunità minoritarie a New York. Sebbene le relazioni con gli afroamericani e gli ispanici locali siano migliorate negli ultimi decenni, alcuni degli ebrei ortodossi più conservatori continuano a parlare con tropi razzisti dei loro vicini. Li vedono più o meno allo stesso modo in cui li vedono i MAGA  e i suprematisti bianchi: con paura e disgusto.

Questo potrebbe essere ciò che alimenta l'odio di alcuni ebrei ortodossi come Aaron e suo fratello, Nachman,  leader distrettuale del Partito conservatore di Brooklyn. Quest'ultimo è il direttore esecutivo del braccio politico di Young Israel , Chovevei Zion.

C'è stato un altro spettacolo anomalo ai "festeggiamenti" di ieri. Là, tra le bandiere svolazzanti del MAGA, "Trump è il mio presidente" c'era la bandiera israeliana. Cosa ci faceva in un simile contesto? Di nuovo, come fa un ebreo americano a sventolare quella bandiera in quel luogo pensando che sia appropriato farlo? Gli antisemiti che ammirano Israele , lo separano dagli ebrei . Ammirano il sionismo non solo come forma di nazionalismo, ma come  movimento che si vanta con orgoglio della sua esclusività. Israele è lo stato nazione del popolo ebraico; proprio come i suprematisti bianchi vogliono uno stato per la razza bianca. In questo senso, razza e religione diventano quasi intercambiabili.


Quando i neonazisti come Richard Spencer visitano Israele i, si meravigliano della supremazia giudaica che vedono sia nell' Israele vera e propria che nella Palestina occupata. Uno stato che offre diritti superiori agli ebrei e che ha espulso un numero enorme di non ebrei è musica per le loro orecchie.  Spencer  identifica il sionismo  con la stessa lotta che sta organizzando all'interno della società americana per separarsi dai non bianchi e rafforzare la propria razza chiedendo la sovranità. Ha detto a un intervistatore televisivo israeliano questo:

“Come cittadino israeliano  che ha un senso di appartenenza nazionale e popolare alla  storia  del popolo ebraico, dovresti rispettare qualcuno come me che ha sentimenti analoghi nei confronti dei bianchi. Potresti dire che sono un sionista bianco nel senso che tengo alla mia gente. Voglio  una patria sicura per noi e per noi stessi, proprio come tu vuoi una patria sicura in Israele ".

Non è un caso che i più stretti alleati politici di Bibi Netanyahu in Europa siano antisemiti: l'ungherese Viktor Orban e il polacco Andrzej Duda. Non è nemmeno un caso che quasi tutti gli ebrei di questi due paesi siano stati sterminati dai nazisti con  l'ausilio dei funzionari locali. Gli antisemiti europei odiano gli ebrei , ma amano gli ebrei che emigrano in Israele,  perché vivono esattamente nel tipo di stato che questi nazional-suprematisti vogliono per se stessi: uno stato sovrano per puri ungheresi o polacchi. Uno stato  che esclude i non nativi come rom, ebrei, musulmani o rifugiati africani. Ironia della sorte, è la stessa ragione per cui Adolf Eichmann ha detto che se fosse ebreo anche lui sarebbe un sionista .

L'aspetto più preoccupante di questa crescente alleanza tra la destra dominante di Israele e le sue controparti europee è che Israele sta rapidamente diventando proprio il tipo di stato che la Germania era sotto i nazisti. Le stesse tendenze fasciste; la stessa repressione della parola e della libertà individuale; lo stesso impulso ad eliminare i nemici, sia interni che esterni; la stessa prontezza a fare la guerra come mezzo per perseguire gli interessi nazionali.

Quando si guarda agli sviluppi di ieri ,ciò che sembra strano diventa chiaro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Video: "Jenin,Jenin " il film bandito da Israele, comodamente a casa

B’Tselem, : Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo: questo si chiama apartheid . Traduzione in italiano del documento

Ilana Hammerman : Quindi è apartheid, non occupazione.

Umberto De Giovannangeli Palestina al voto così finisce la presidenza di Abu Mazen. A decidere saranno i petrodollari del Golfo