I palestinesi subiscono il peso maggiore della rabbia dei coloni per la morte di un adolescente, con dozzine di attacchi nelle settimane


Sintesi Traduzione

Palestinesi e funzionari israeliani riferiscono dell'aumento della la violenza da parte dei coloni in Cisgiordania in seguito alla morte ,a dicembre, di un colono sospettato di aver lanciato pietre contro i palestinesi. Inseguito dalla Polizia israeliana l'auto sulla quale viaggiava si è schiantata .
Nelle ultime tre settimane, il sindaco di Sinjil, una città palestinese vicino al blocco degli insediamenti di Shilo, ha aperto di notte gli uffici del consiglio per fornire riparo ai conducenti di tutta la Cisgiordania.
"Sabato è stato il giorno peggiore", ha detto Muataz Tawafsheh ad Haaretz. "La gente è venuta qui e ha aspettato fino all'una di notte che la strada si aprisse. Non abbiamo materassi al municipio, quindi abbiamo organizzato la sistemazione per la notte nel villaggio per tre famiglie che erano bloccate."
Il motivo per cui Tawafsheh ha dovuto dare rifugio ai conducenti sono le manifestazioni anti-polizia svolte ogni notte in molte località della Cisgiordania per protestare contro la morte di Ahuvia Sandak.
Durante alcune di queste proteste i manifestanti hanno lanciato pietre contro i palestinesi e le forze di sicurezza. Per evitare attriti tra i manifestanti e gli abitanti della zona, la polizia e l'esercito bloccano le strade al traffico palestinese e gli automobilisti sono improvvisamente costretti a trovare soluzioni alternative lungo il percorso.
Secondo i funzionari della difesa israeliana, dalla morte di Sandak ,tre settimane fa, sono stati segnalati 27 casi di violenza contro i palestinesi in Cisgiordania, per lo più sono stati lanciati sassi contro le auto senza provocare vittime.
In quattro casi i palestinesi sono rimasti leggermente feriti e in otto casi si sono verificati danni ai veicoli. In altri cinque casi la proprietà è stata vandalizzata o sono state lanciate pietre contro le forze di sicurezza israeliane. Secondo l'organizzazione per i diritti umani Yesh Din, durante questo periodo ci sono stati 31 casi di violenza contro i palestinesi.
Tawafsheh ha detto di non poter ricordare una serie così lunga di incidenti violenti da parte dei coloni dal 2014, quando tre giovani uomini del blocco di colonie di Gush Etzion sono stati rapiti e assassinati . “Sta accadendo nell'Area C, dove sono responsabili l'esercito e la polizia israeliani; l'Autorità Palestinese non può fare nulla per aiutarci. Ogni volta che la polizia dice che aiuterà, ma in realtà non succede nulla "
Domenica, l'esercito israeliano ha riferito che durante una manifestazione vicino allo svincolo di Kedumim ,vicino a Nablus, un colono ha attaccato il comandante di un battaglione di ricognizione della Brigata Golani , il tenente colonnello Ayoub Kiyof. Il sospetto, l'avvocato Yehuda Shimon di Havat Gilad, ha negato l'attacco e ha sostenuto di essersi lamentato con le forze dell'ordine per il modo in cui uno dei soldati stava trattenendo ragazze adolescenti che stavano bloccando la strada. Un video che circola non mostra il presunto assalto, solo l'arresto di Shimon .
Un altro incidente è stato segnalato dalla divisione di polizia israeliana che opera in Cisgiordania, che non rilascia normalmente comunicati stampa sulle manifestazioni nel territorio. Secondo il suo rapporto, domenica mattina, i manifestanti hanno lanciato pietre contro le forze di sicurezza e hanno causato danni ai veicoli della polizia in seguito all'arresto di un manifestante che aveva lanciato pietre e petardi contro gli agenti di polizia. Quattro sospetti sono stati arrestati sul posto.
Secondo fonti della sicurezza, i punti focali delle violenze sono stati l'area di Shilo, Givat Assaf, Hawara e Kedumim, tutte località a nord di Gerusalemme . Lo scorso fine settimana le forze di polizia di frontiera israeliane che ,generalmente, pattugliano le aree della Cisgiordania sono state dirottate per aiutare a far rispettare le restrizioni sul coronavirus all'interno di Israele, il che probabilmente causerà ancora più attriti tra coloni e soldati.
Alcune delle violenze contro i palestinesi sono crimini d'odio ,i cosiddetti " cartellino del prezzo ", che si verificano periodicamente. Ad esempio, nella notte tra domenica e lunedì della scorsa settimana, un gruppo di uomini mascherati è entrato nel villaggio di Sarta nel distretto di Salfit, vicino all'insediamento di Ariel, ha lanciato due granate assordanti nelle case dove dormivano le famiglie e ha lanciato pietre contro altre quattro le case. Un residente è stato ferito da schegge nell'attacco, che è stato filmato e riportato da Channel 12 News israeliano. In un altro caso i coloni hanno rotto le finestre di una casa a Kifl Haris vicino ad Ariel.
Giovedì della scorsa settimana un gruppo di israeliani ha lanciato pietre contro una casa a Hawara, una città palestinese vicino alla quale è stato stabilito l'insediamento irrequieto di Yitzhar . Le foto che girano sui social mostrano le finestre rotte di una delle camere da letto; l'attacco ha causato circa 20.000 shekel ($ 6.283) di danni, ha detto il proprietario della casa, Muataz Kasrawi, aggiungendo che i suoi figli sono rimasti traumatizzati.
"I bambini hanno paura di stare seduti a casa da quando è successo", ha detto. “Ho quattro figli, stavano giocando quando , non dormivano ancora. Ho un bambino di un anno e otto mesi che non ha parlato per due giorni e un bambino di tre anni che non ha mangiato per giorni per la paura. "
I funzionari della difesa hanno avvertito i funzionari politici che il silenzio o le condanne a metà dei leader di destra potrebbero portare a una grave escalation. Hanno aggiunto che le manifestazioni sulla morte di Sandak sono diventate un "campo di battaglia" e che i giovani coloni radicali hanno sfruttato la morte per attaccare i palestinesi a Gerusalemme e in Cisgiordania, oltre ad attaccare soldati e polizia.
Un alto funzionario della difesa ha sottolineato che gli estremisti sono nutriti da "un discorso radicale che legittima il terrore e gli attacchi violenti alle forze di sicurezza".
La polizia israeliana non ha risposto alla domanda di Haaretz su arresti nelle ultime settimane per attacchi violenti contro i palestinesi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Video: "Jenin,Jenin " il film bandito da Israele, comodamente a casa

B’Tselem, : Un regime di supremazia ebraica dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo: questo si chiama apartheid . Traduzione in italiano del documento

Ilana Hammerman : Quindi è apartheid, non occupazione.

Umberto De Giovannangeli Palestina al voto così finisce la presidenza di Abu Mazen. A decidere saranno i petrodollari del Golfo