Il "banale" trauma delle incursioni notturne di Israele sui bambini palestinesi


Sintesi traduzione
Nonostante le riforme apparenti della legge militare israeliana in Cisgiordania, i bambini palestinesi e le loro famiglie subiscono regolarmente abusi

Un rumore improvviso squarciò il silenzio di una notte buia. I colpi inferociti sul cancello della casa dipinta di blu terrorizzavano non solo la famiglia che dormiva ma l'intero vicinato. Le grida dei bambini allarmate dal rumore acuto si fondevano con il suono dei pugni che sbattevano sul ferro.
Questa non è la banale apertura di una misteriosa storia di fantasia. È la vita quotidiana delle famiglie palestinesi in centinaia di villaggi in tutti i territori occupati: i soldati israeliani compaiono sulla soglia delle famiglie nel sonno profondo, tra le 22:00 e le 5:00, per cercare, arrestare un parente.
A volte, vengono senza un motivo particolare. Troppo spesso se ne vanno accompagnati da un ragazzo bendato e ammanettato strappato dal letto, seguito da lontano dal pianto , dalle urla dolorose e dalle voci smorzate di disperazione della famiglia.
Secondo un rapporto pubblicato mercoledì dal gruppo israeliano per i diritti umani HaMoked, centinaia di adolescenti palestinesi vengono arrestati dai militari israeliani ogni anno in raid notturni, violando i regolamenti dei militari per quanto riguarda le convocazioni per l'interrogatorio prima della detenzione.Il rapporto sottolinea che la convocazione permetterebbe ai ragazzi di venire interrogati senza la traumatica esperienza delle incursioni notturne.
I risultati si basano su 81 testimonianze di ragazzi di età compresa tra 14 e 17 anni, che sono stati arrestati in vari momenti nel 2018 e nel 2019.
'Trauma cumulativo'
La scorsa settimana, il mondo colpito dal coronavirus,ha trovato modi alternativi per celebrare la Giornata internazionale dei bambini. In Israele, con il titolo: "Di notte, mentre tutti dormono", diverse organizzazioni israeliane per i diritti umani, tra cui Breaking the Silence e Parents Against Child Detention, si sono riunite per leggere le testimonianze dei soldati che hanno partecipato a quelle azioni notturne, nonché di bambini e famiglie palestinesi che hanno sofferto di questa pratica e ne sono state vittime .
Parents Against Child Detention è l'ultima di queste organizzazioni, formata solo due anni fa da due madri e attiviste israeliane, Moria Shlomot e Nirith Ben-Horin, che si sono impegnate a documentare e a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla portata allarmante delle violazioni dei diritti di quei bambini.
Secondo Parents Against Child Detention e Military Court Watch, da 150 a 200 bambini palestinesi della Cisgiordania occupata e di Gerusalemme Est sono detenuti dalle autorità israeliane . Ogni anno, Israele detiene circa 1.800 minori per periodi di tempo variabili. Il fatto che Israele abbia firmato convenzioni internazionali sui diritti dei bambini viene ignorato.
La legge israeliana sulla giustizia penale relativa ai minori che impone : "l'uso dell'autorità deve essere effettuato proteggendo la dignità del minore" - non si applica ai bambini palestinesi in Cisgiordania, che vengono arrestati in base al codice militare. Questo codice non considera la salute mentale e lo sviluppo dei bambini. Molti aspetti di questa pratica e routine sono semplicemente illegali. Le conseguenze sono inevitabili. Secondo gli operatori di salute mentale affiliati a Parents Against Child Detention:I bambini palestinesi in detenzione sperimentano disorientamento, paura, vergogna e senso di colpa. In molti casi, a causa di gravi minacce, provano anche paura per la sicurezza della loro famiglia ".
Testimonianze
Ascoltando le testimonianze dei bambini e delle loro famiglie, sembra inevitabile. Avner Gvaryahu, direttore esecutivo di Breaking the Silence, chiama questa pratica "trauma cumulativo". Testimonianze di bambini confermano ulteriormente questa valutazione.
Un ragazzo di 14 anni del campo profughi di al-Arroub nella Cisgiordania meridionale ha raccontato la notte del suo arresto:
“Mi sono svegliato alle 2.30 del mattino, quando 15 soldati israeliani hanno fatto irruzione in casa nostra… Alcuni erano mascherati… Il comandante mi ha detto che ero in arresto. Hanno ammanettato forte, le mie mani dietro la schiena ... è stato doloroso. Mi sono lamentato, ma mi hanno detto di stare zitto ... Sono stato arrestato. Poi è arrivato l'interrogatorio ... Hanno detto che ho lanciato una bottiglia Molotov contro un autobus dei coloni ... Non l'ho fatto. Erano molto aggressivi ... Dopo poche ore ho scelto di ammetterlo, solo per farla finita. Fino a notte fonda un membro della famiglia mi ha aspettato ad ogni possibile posto di blocco ,poiché non poteva sapere quando e da dove mi sarebbe stato permesso di entrare ... "
Un altro minore la cui testimonianza è stata condivisa durante la Giornata internazionale dei bambini ,ha raccontato una storia molto simile con leggere variazioni.
“Il mio interrogatore mi ha fatto firmare un documento ... Non leggo né scrivo in ebraico ma lui ha insistito, così l'ho fatto. Sono stato rilasciato a tarda notte. Faceva un freddo gelido e pioveva ... avevo paura. "
Ecco un'altra testimonianza di una madre di tre figli di 40 anni di un villaggio nel sud della Cisgiordania, Beit Ummar:
“Urla forti in ebraico e colpi alla porta ci hanno svegliati alle 5 del mattino. Ho aperto la porta. Sei soldati ,accompagnati da cani ,sono entrati in casa. Ho detto al soldato che mio marito aveva appena subito un intervento a cuore aperto. Non faceva differenza. Il mio bambino di 10 anni ha reagito con un grave attacco d'asma; il bambino di otto anni bagna il letto da quando i soldati sono entrati in casa due anni fa. Ora l'ha fatto di nuovo ... I soldati ci hanno spinto tutti in una stanza. Ho cercato di trovare una coperta per coprire i bambini , ma i soldati mi hanno minacciato e non mi hanno permesso di farlo ... Sono andati via circa tre ore dopo, non hanno detto niente, non hanno spiegato niente ".Tutte le storie sembrano simili, ma ognuna racchiude un trauma diverso.
Vicinanza agli insediamenti
Tuttavia, condividono un sorprendente denominatore comune: secondo un rapporto del Military Court Watch, “le prove suggeriscono un forte legame geografico tra gli insediamenti della Cisgiordania (e la loro rete stradale associata) e la detenzione militare dei bambini nelle vicinanze. Nel 2019, i bambini che sono stati detenuti vivevano in media entro 900 metri da un insediamento in Cisgiordania ".
Shlomot, il direttore esecutivo di Parents Against Child Detention, aggiunge :
"A causa della vicinanza degli insediamenti ai villaggi palestinesi, i militari impongono misure di protezione extra, comprese le intimidazioni per usare la paura tra i palestinesi come deterrenza Da qui il numero di minori detenuti all'interno di questa area geografica ".
L'ex parlamentare israeliano e attivista Mossi Raz è stato uno dei tanti che si è offerto come volontario per leggere le testimonianze nella Giornata internazionale dei bambini. Niente di eccezionale nella storia che ha presentato. Nessuno è morto.
“Questo è esattamente ciò che mi ha colpito”, ha detto Raz, parlando a MEE, “la banalità di tutto questo. Il viavai dei soldati ogni volta che vogliono ed è diventata una banale routine. Questa è l'essenza stessa dell'occupazione: l'intimidazione e l'umiliazione quotidiana e notturna."

" Deve esserci una distinzione totale tra detenzione di adulti e detenzione di minori. Sfortunatamente, queste pratiche sono profondamente radicate e cambieranno solo quando finirà l'occupazione . Il nostro obiettivo immediato è garantire che la detenzione di minori sia l'ultima risorsa e duri il minor tempo possibile", afferma Shlomot. “Anche questa piccola aspettativa non si concretizza. La brutalità della detenzione di minori non si esaurisce con l'invasione notturna nella loro casa di famiglia. Continua con il minore che viene condotto in una base militare, bendato e umiliato dai soldati a bordo del veicolo; continua con l'attesa che arrivi un interrogatore di lingua araba, a volte senza cibo e senza accesso alla toilette.
Alcuni bambini riferiscono di pressioni manipolative imposte loro usando le loro famiglie come : minacciare di revocare il permesso di lavoro del padre o il permesso della zia per ottenere cure mediche in Israele", ha aggiunto.
"Oltre a tutto il resto, i bambini sono ossessionati dal senso di colpa e tendono a riconoscersi colpevoli anche quando non lo sono affatto Il più delle volte, vengono detenuti per lancio di pietre, considerato un reato per la sicurezza anche quando non viene causato alcun danno".
Nonostante alcune riforme apparenti alla legge militare in Cisgiordania, rimane un numero abbondante di arresti e detenzioni di minori.
"Il benessere di un bambino", come principio guida delle convenzioni internazionali sui bambini, certamente non si applica qui.

Commenti

Post popolari in questo blog

Medio Oriente, la "carica dei 450" parlamentari europei contro l'annessione della Cisgiordania di Umberto De Giovannangeli

Papa in Iraq: incontro interreligioso : alcune testimonianze

Quando erano gli italiani a salire a bordo delle barche per emigrare in Tunisia

Libano: partita la campagna vaccinale. Anche per i/le palestinesi?