I contadini palestinesi mantengono viva l'agricoltura locale

 Tag :Palestinesi: cultura-storia-.società civile-economia

Sintesi personale

Un gruppo di "contadini" palestinesi ,che sostengono le loro famiglie lavorando piccoli appezzamenti di terra , si riuniscono da sette anni, per aiutare il vulnerabile settore agricolo locale a portare i loro prodotti sul mercato, nonostante la perdita di vaste aree della Cisgiordania sotto il controllo israeliano.

  •  
  • Il loro mercato alternativo nella città di Ramallah, in Cisgiordania centrale, riunisce quasi una dozzina di agricoltori e produttori che vendono ortaggi, frutta , prodotti alimentari di stagione e pasti tradizionali.

    Il 'contadino' palestinese Naser Rabah mostra la sua merce al souk alternativo di Ramallah, agosto 2020
    Il 'contadino' palestinese Naser Rabah mostra la sua merce al souk alternativo di Ramallah, agosto 2020
    ( Foto: Fatina Hamad )
    Insistono a definirsi contadini piuttosto che agricoltori, in quanto l'agricoltura può essere vista semplicemente come una professione, mentre essere contadini vuol dire adottare uno stile di vita : una famiglia mangia i propri prodotti e vende il surplus.
    Entrando nel loro souk (in arabo significa mercato), la domanda su cosa lo renda diverso dal mercato all'ingrosso di frutta e verdura della città trova rapidamente risposta.
    I contadini lo trasformano in uno spazio per protestare contro la mancanza di sostegno al settore agricolo, incontrano i clienti e aprono discussioni su una miriade di argomenti, dalla politica agli affari sociali fino alle ultime soluzioni ai loro problemi agricoli.
    "Latte, miele, frutta e verdura prive di sostanze chimiche, pane e ricami locali possono portarti a conoscere in profondità le loro storie e quelle , delle loro famiglie,, le loro ambizioni e i loro bisogni", dice Fareed Tomallah, un organizzatore del souk alternativo.
    “Il contadino qui non vende solo pomodori; condivide la sua storia con i suoi clienti , crea un legame che potrebbe portare ad altre forme di partnership e cooperazione ", afferma.

    Datteri e altri prodotti commercializzati dai 'contadini'
    Date in vendita al souk di Ramallah gestito dai 'contadini' palestinesi
    ( Foto: Fatina Hamad )
    Il souk quest'anno è privo di plastica per incoraggiare le persone a riflettere sull' impatto di tali materiali sull'ambiente.
    Naser Rabah, 57 anni, del villaggio di Turmus Ayya in Cisgiordania, ha vissuto per 25 anni nella zona di Los Angeles, dove ha lavorato nell'agricoltura. Ha deciso di espandere la sua produzione nonostante il timore di incontrare difficoltà nel vendere i suoi beni.
    “Potrei essere in grado di vendere un terzo dei miei prodotti, ma gli agricoltori non ricevono alcun sostegno dal governo [dell'AP]. Sappiamo che non possono fare nulla, ma continuiamo a sperare di spingerli a guardarci ”, dice Rabah."Ho portato tutto il know-how che ho imparato negli Stati Uniti perché la Palestina è terra agricola", continua, "ma perché non possiamo viverci?"
    Um Ammar, 69 anni, della Beitunia, è entrato nel mercato quest'anno dopo quasi 30 anni di vendita dei suoi prodotti altrove.
    "Il mercato all'ingrosso è affollato e non c'è posto per sedersi o per evitare il sole", spiega. "Per noi, questo mercato è migliore,,più piccolo e mi diverto perché incontro altre persone e condivido così tante cose".Ridacchia e fa l'occhiolino a Fatima Mustafa, la sua spiritosa vicina del souk alternativo, che vende ricami tradizionali.
    Mustafa gestisce una rete di donne che ricamano,. Questi lavori normalmente si vendono in Cisgiordania, a Gerusalemme, nelle città israeliana di Nazareth e persino in fiere regionali fino al Qatar, al Kuwait e alla Turchia. A 68 anni, la sfida più grande per lei è la pandemia di coronavirus. Le linee guida sanitarie le impediscono di vendere i suoi prodotti all'interno di Israele: " Non vendo un solo lavoro da dicembre".
    Vecchi e giovani, i contadini che producono cibo sono numerosi e hanno molto da condividere.

    Miele e altri prodotti commercializzati dai 'contadini'
    Il miele di Hamad in vendita al souk di Ramallah
    ( Foto: Fatina Hamad )
    Ad esempio, Abdulkarim e Raeda Hamad, una coppia sposata da 33 anni, sono soci in affari.
    Portano avanti l'attività di apicoltura e produzione di miele che hanno ereditato dai nonni e consentono ai loro figli, esperti di tecnologia, di commercializzare la loro produzione, utilizzando i social media e moderni strumenti di marketing.
    All'altro angolo del souk, Tamara Shatara, 30 anni, offre un cesto pieno del pane a lievitazione naturale che ha iniziato a cuocere tre anni fa come soluzione alla sua allergia al glutine.
    "Voglio vendere il mio pane perché a un certo punto della mia vita, era tutto ciò che cercavo di fare e voglio continuare a spiegare alle persone tutto quello che ho imparato", dice. Anche se si tratta di pane francese, la tecnica è stata utilizzata dai nostri antenati molto tempo fa."

    Pane e altri prodotti commercializzati dai 'contadini'
    Il pane a lievitazione naturale di Tamara Shatara in vendita nel souk di Ramallah
    ( Foto: Fatina Hamad )
    Jamal Njoum, un coltivatore di datteri del villaggio di Al-Auja nella Valle del Giordano, usa un po 'di sarcasmo e sventola un cartello che invita le persone a "assaggiare, ma non a comprare" le merci sulla sua tavola.
    "Francamente, la gente non sa quanto impegno mettiamo nella produzione di datteri", dice, lamentandosi del fatto che "tonnellate di datteri" vengono importate regolarmente."Il mercato locale è un problema", osserva. "Noi piccoli agricoltori vendiamo a malapena a livello locale".
    Alla fine della giornata, i contadini ritornano a casa. Sorridono anche se non hanno venduto molto.
    "Sono le storie che condividiamo che contano", dice Um Ammar del souk alternativo, "e questo è ciò che mi rende felice ".

    Articolo scritto da Fatina Hamad, ristampato con il permesso di The Media Line



    Palestinian 'peasants' keep local agriculture alive

    Commenti

    Post popolari in questo blog

    Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

    Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

    Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

    Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri