Gideon Levy: LA NOTEVOLE DIFFERENZA TRA LE PROTESTE PALESTINESI E ISRAELIANE

 

BOCCHESCUCITE.ORG
tratto da: Beniamino Benjio Rocchetto giovedì 27 agosto 2020 22:02 Di Gideon Levy – 26 Agosto 2020 La gente sta manifestando contro l’ingiustizia e per la giustizia sia nel villaggio d…

TAG  Gideon Levy


Di Gideon Levy – 26 Agosto 2020

https://www.haaretz.com/opinion/.premium-the-difference-between-palestinian-and-israeli-protests-1.9104487

https://archive.is/GvB6v

La gente sta manifestando contro l’ingiustizia e per la giustizia sia nel villaggio di Kafr Qaddum in Cisgiordania che fuori dalla residenza del primo ministro Benjamin Netanyahu in Balfour Street, a Gerusalemme. In entrambi i luoghi, i manifestanti sono pervasi da un senso di missione.

È più sicuro a Balfour, più pericoloso a Qaddum. C’è più sacrificio a Qaddum, più arte a  Balfour. Balfour ottiene una vasta copertura mediatica; Qaddum è completamente ignorato dai media israeliani.

A Qaddum, i manifestanti stanno lottando per la libertà; a Balfour, c’è un sentimento di libertà. A Balfour, i manifestanti sono cittadini; a Qaddum, sono soggetti senza diritti. A Balfour i più privilegiati stanno dimostrando; a Qaddum, sono i più oppressi a farlo.

Ma entrambi sono soggetti allo stesso governo. Entrambe sono proteste legittime e il governo che sta cercando di reprimerle non è una democrazia, ma una tirannia.

Non c’è parallelismo tra Qaddum e Balfour se non nella loro legittimità condivisa. Balfour non è interessato a Qaddum e Qaddum non è interessato a Balfour.

A Balfour, stanno protestando contro il primo ministro; a Qaddum combattono contro il regime. Le proteste di Balfour sono legittime agli occhi della maggior parte degli israeliani; quelle di Qaddum non lo sono. Balfour ci appassiona; Qaddum si trova dietro montagne di oscurità, negazione e repressione. A  Balfour, le persone stanno “manifestando”; a Qaddum, stanno “disturbando la quiete pubblica”, e forse sono anche “terroristi”.

Balfour è la politica, Qaddum è il terrore. Le persone che lanciano pietre e bruciano pneumatici per protestare contro l’esercito e gli insediamenti non hanno alcun diritto di parteciparvi. A Balfour, la polizia   usa la forza e la detenzione che dura per ore , ciò è considerata violenza grave e inaccettabilie , a Qaddum, alle autorità è consentito ogni abuso.

Sparano ai manifestanti sia con proiettili di gomma che con proiettili veri, lanciano lacrimogeni in quantità spaventose, lanciano granate stordenti e sparano alla testa ai manifestanti, bambini compresi. Due volte negli ultimi due mesi ho visitato bambini che sono diventati dei vegetali a Qaddum dopo che i soldati hanno sparato loro alla testa, da lunga distanza, senza motivo.

Mercoledì, Hagar Shezaf e Yaniv Kubovich hanno pubblicato su Haaretz un reportage sconvolgente che rivela che anche i soldati israeliani hanno iniziato a piazzare bombe a Qaddum. Va inteso che queste bombe dovevano essere usate contro i manifestanti. L’unità di ricognizione della Brigata Nahal è improvvisamente diventata un’organizzazione terroristica sotto ogni punto di vista, e i suoi soldati sono diventati terroristi che piazzano bombe destinate a far saltare in aria civili innocenti.

Questo non interessa ai manifestanti a Balfour Street; sono impegnati con i propri problemi. Ma i manifestanti di Balfour dovrebbero interessarsi a Qaddum, perché la violenza della polizia su Balfour è nata tra gli uliveti di Qaddum. Prima hanno preso Qaddum; poi prenderanno Balfour.

Il fatto che la maggior parte degli israeliani consideri legittima la violenza contro i manifestanti di Qaddum, essendo convinti che i soldati che sparano a Qaddum li proteggano, è ciò che legittima la violenza meno brutale usata contro i manifestanti di Balfour, anche se quest’ultimo non ha ancora acquisito piena legittimità.

Quindi questo deve essere detto chiaramente: chiunque non fosse interessato a Qaddum e abbia creduto alla propaganda diffusa dall’esercito e dai giornalisti militari che eseguono i suoi ordini, ora sta assaggiando il pugno di ferro della polizia a Balfour Street. E se le proteste su Balfour persistono, la loro repressione diventerà più violenta, come a Qaddum.

Ci dovrebbe essere solidarietà tra i manifestanti di Balfour e Qaddum, ma non c’è. I manifestanti Balfour sono sionisti e ne sono orgogliosi; i manifestanti di Qaddum sono antisionisti e non può essere altrimenti. La chiave è capire la connessione tra questi due focolai di protesta e la necessità di riconoscere la legittimità di entrambi.

Qaddum è soffocata da 17 anni, da quando Israele ha bloccato la strada principale che lo collega a Nablus, la capitale del distretto, per espandere l’insediamento colonico di Kedumim. La strada per Nablus è stata allungata di 14 chilometri in modo che Daniella Weiss e le sue amiche possano costruire avventatamente sempre più case. Se le proteste contro questo non sono legittime, nessuna protesta al mondo lo è.

Ma Israele non lo riconosce. La maggior parte degli israeliani pensa che Qaddum non abbia alcun diritto di protestare.

A Balfour, le persone manifestano contro un primo ministro accusato di crimini. A Qaddum manifestano contro uno dei regimi più tirannici della terra, uno che commette crimini di guerra come piazzare bombe e costruire insediamenti.

Murad Shatawi, capo del comitato popolare di Qaddum, mi ha inviato un rapporto venerdì scorso, proprio come fa ogni venerdì: “Due persone ferite da proiettili di metallo, e io mi sono rotto una gamba”. Se i manifestanti Balfour sono seri, devono iniziare a interessarsi a Qaddum.

 

Trad: Beniamino Rocchetto
https://www.facebook.com/morfeus.morfeus.395/posts/761917331267790?__cft__[0]=AZXpdwbW-AWtBacfdbuMwiS39Rwud2igr7bECfaOOLOa288OElu4BT7Ke4IWB2xcpR-ALGLhfR3zf5VtjpIt3tdX2lFDsV5UfdCNkDUHsEaJ5KAmVjqemqyyo4qPi0XExzbqqHX6MawT3TDHZX1rTynYgolR7z-YFQaLQ5IIHkkjrg&__tn__=%2CO%2CP-R

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti