Anshel Pfeffer il decennio nel quale tutti gli israeliani sono diventati Netanyahu

sintesi personale


La politica israeliana ha da tempo cessato di riguardare idee o principi reali. Si tratta solo di essere l'alternativa a Bibi
Alla fine del decennio precedente gli israeliani potevano scegliere tra due leader: il ministro degli Esteri Tzipi Livni e Benjamin Netanyahu.
Pochi lo ricordano ora, ma Kadima ,partito di centro  guidato da Livni , aveva ricevuto 29.000 voti in più rispetto al Likud di Netanyahu nelle elezioni del febbraio 2009. Poiché i governi israeliani non sono formati dal  partito che riceve  il maggior numero di voti, ma da chi può costruire una coalizione, Netanyahu  ricoprì l'incarico  di  primo ministro grazie al  blocco  dei partiti di destra e dei partiti religiosi.
Livni aveva un pedigree Likud ancora più forte di Netanyahu, con due genitori che combatterono nell'Irgun - incluso suo padre, Eitan, capo delle operazioni ,era nato nella "famiglia combattente" di Herut 
Nel 2005,Livni   ha subito una trasformazione ideologica. Aveva sostenuto l'allora primo ministro Ariel Sharon dal disimpegno da Gaza e lasciò  il  Likud per formare Kadima. Accettò la stessa formula che i "falchi della sicurezza" nel Partito Laburista avevano concordato nel 1993 quando firmarono gli Accordi di Oslo :  Israele era abbastanza potente da non temere la distruzione degli arabi e  ,per diventare ancora più sicuro e "normale", era necessario trovare un compromesso storico con i palestinesi.
Livni, secondo la tradizione Likud fondata decenni prima da Ze'ev Jabotinsky, credeva  nel primato dello stato di diritto ed era  anche disposta a mettere da parte le divisioni sinistra-destra per  abbracciare una nuova forma di centrismo politico.
Netanyahu, che aveva  scelto Livni  per il suo primo incarico pubblico nel 1996, respinse tutto ciò avvertendo che  un compromesso con i palestinesi avrebbe solo aggravato le minacce esistenziali che Israele doveva affrontare . E nonostante Likud fosse al potere per la maggior parte degli ultimi tre decenni, credeva che l'establishment , i tribunali, i media e il mondo accademico fossero  ancora nelle mani della "sinistra". Da allora è rimasto al potere perché è riuscito a ottenere che la maggioranza di elettori la pensassero allo stesso modo (anche se a volte ha preferito includere nelle sue coalizioni centristi come Ehud Barak e persino Livni nel 2013, per concedersi una maggiore flessibilità).
Nel 2009 la coalizione Netanyahu  costituita  da israeliani arrabbiati e scontenti sentiva di essere priva del diritto di voto  a causa  dell' élite" di sinistra. Nel decennio successivo è riuscito a consolidare il suo "noi" e "loro" come marchio della politica israeliana fino a maggio 2019, quando Avigdor Lieberman decise di non unirsi alla sua coalizione di destra / religiosa e gli negò la maggioranza.
In questo decennio, anche se quella maggioranza non fu mai superiore al 55 percento del voto totale e Likud sotto di lui ricevette il minor numero di seggi che avesse mai avuto , rimase in carica sia per la sua tenacia che per l'incapacità di un opposizione divisa tra ideologi di sinistra deboli e opportunisti centristi. Netanyahu ha vinto perché nell'ultimo decennio siamo diventati tutti Netanyahu. Perfino gli israeliani che lo detestano, la sua personalità e le sue politiche gli hanno permesso di definirli.
Tra il 1992 e il 2009, il centro-sinistra israeliano ha adottato una serie di politiche che potrebbero essere approssimativamente descritte come raggiungere un compromesso attraverso la forza con i palestinesi, cercando di distribuire  nella società parte della nuova ricchezza israeliana derivante dall' alta tecnologia  e gradualmente porre rimedio allo stagnante status quo in materia di religione e stato. Alcuni di sinistra consideravano queste politiche come "neoliberali" e insufficientemente radicali, ma era un piano per il futuro di Israele.
Nel suo decennio Netanyahu non solo è riuscito a contrastare questo piano e ad attuare la sua visione alternativa, ma ha  costretto il  centro-sinistra  a  dimenticato la propria visione costringendolo a concentrarsi invece su una battaglia sempre più personale contro di lui.Netanyahu è l'ultimo politico. È un ideologo con una chiara comprensione intellettuale delle questioni in gioco, felice di combattere i suoi avversari sul campo di battaglia delle idee. Può passare ore a spiegare in modo ironico la sua visione della geopolitica e della macroeconomia ,ma  allo stesso tempo, è anche un astuto  maestro  che si diletta nel trasformare le sue complesse posizioni in slogan .
Negli anni '90 il centro-sinistra pensava di poter battere Netanyahu  ritenendo che gli israeliani si sarebbero resi conto che nel "nuovo Medio Oriente", il compromesso fosse preferibile al conflitto eterno. Lo ha scambiato per un imbroglione e non si è reso conto che c'era un duro nucleo ideologico  che avrebbe fatto presa su molti israeliani, specialmente quando la rosea visione di Oslo si sarebbe abbattuta sulla realtà della persistente violenza palestinese .
Ha fatto lo stesso errore nelle elezioni del 2009. Nel suo ultimo incontro di gabinetto prima di quella elezione, il predecessore di Netanyahu, Ehud Olmert ,come Livni  un Likudnik  emigrato al centro, disse :  "il sogno della Grande Terra di Israele è finito e non esiste più, e nessuno si illuda . ”Netanyahu ha dimostrato che erano i suoi avversari politici ad essere deliranti.
Dopo il ritorno di Netanyahu, il centro-sinistra ha riposto le sue speranze sul presidente degli Stati Uniti Barack Obama costringendo il primo ministro a proseguire sulla strada del compromesso. Obama  che inizialmente ha fatto pressioni su Netanyahu, costringendolo a concordare un congelamento temporaneo per la costruzione di insediamenti e  a  fare  il "discorso di Bar-Ilan"  dove  sembrava accettare la soluzione dei due stati, mancava della tenacia per mantenere la pressione . Ancora una volta le concessioni di Netanyahu dovevano dimostrarsi egoistiche e transitorie.
Con le elezioni del gennaio 2013  il partito Yesh Atid di Yair Lapid è venuto alla ribalta con vaghe politiche di benessere. Likud non si è nemmeno preoccupato di pubblicare un manifesto allora (e non lo ha fatto da allora), semplicemente dicendo che "Il nostro record al governo è il nostro manifesto". In altre parole, Netanyahu è il nostro manifesto.Nel disperato tentativo di riconquistare il terreno centrale ceduto a Lapid, i laburisti elessero più leader centristi coome Isaac Herzog e Avi Gabbay ,ma  avevano già ceduto nella battaglia delle idee: nessuno dei due era disposto ad articolare politiche chiare.
La politica israeliana ha da tempo cessato di riguardare idee o principi reali. Si tratta solo di essere l'alternativa a Netanyahu. I suoi due principali rivali nel 2019 sono stati Benny Gantz , a livello nazionale, e Gideon Sa'ar, che lo hanno sfidato per la leadership di Likud .
Gantz, l'uomo che l'intero centrosinistra sta riponendo tutte le sue speranze, ha lanciato la sua campagna un anno fa con quattro video  :  tre dei quali hanno esaltato la sua sete di sangue come comandante dell'esercito nella Striscia di Gaza e solo uno ha parlato di lottare per la pace. Nei suoi manifesti il suo partito Kahol Lavan  dichiara un  vago  impegno  per "separarsi dai palestinesi".
Nella sua fallita sfida a Netanyahu Sa'ar lo ha costantemente elogiato come leader, non ha detto una parola sull'accusa di corruzione contro di lui e ha basato la sua intera campagna sul presupposto che Netanyahu non può più formare un governo mentre lio lo può fare .
Gantz non è disposto a confrontarsi con Netanyahu su questioni ideologiche o di  politicaEntrambi hanno fatto una campagna solo per essere non Netanyahu. Questo è il loro unico punto di forza. Il resto dei politici israeliani e la maggior parte degli elettori  si sono posti una sola domanda: Netanyahu continuerà come leader di Israele e chi potrà sostituirlo?
Nel suo discorso di addio alla politica dello scorso febbraio , Livni ha affermato che evidenti valori morali “sono diventati controversi. Pace è diventata una parolaccia. La democrazia è sotto attacco e una posizione politica diversa dal governo è diventata una maledizione. I tentativi di separarsi dai palestinesi per mantenere la maggioranza ebraica sono stati sostituiti da idee di annessione che porteranno a una maggioranza araba ".
Un  epitaffio appropriato per un decennio politico iniziato con Livni che affrontò brevemente Netanyahu come un avversario , ma si concluse con il suo completo dominio. Nel suo discorso, Livni ha criticato i suoi colleghi di centrosinistra tanto quanto il loro rivale in comune. Avevano rinunciato alla battaglia delle idee, avevano abbandonato qualsiasi tentativo di presentare una visione alternativa per Israele e avevano acquisito l'ossessione di Netanyahu per la sua inevitabile leadership eterna. Loro e tutti noi con loro , siamo diventati immagini speculari di Netanyahu.

Anshel Pfeffer
Haaretz corrispondente

Commenti

Post popolari in questo blog

Hilo Glazer : Nelle Prealpi italiane, gli israeliani stanno creando una comunità di espatriati. Iniziative simili non sono così rare

La carta degli insediamenti israeliani in Cisgiordania e a Gerusalemme Est dal 1967 a oggi

Joel Swanson : Opinion | Wake up, Jewish establishment: Seth Rogen speaks for a lot of us young Jews

Il Giorno della Memoria è il momento di tradire la nostra israelità (FONTE EBRAICA ISRAELIANA)