'Essere etiope in Israele significa dover costantemente lottare per qualcosa'. di Yehuda Biadga




INVICTAPALESTINA.ORG
L’uccisione di Yehuda Biadga ha riacceso le tensioni tra la comunità etiope israeliana e la polizia, a lungo accusata di usare la mano pesante contro le minoranze del Paese. “La brutalità della polizia è il risultato del razzismo contro i neri”, dice Ziva Mekonen-Degu. Edo Konrad – 1 febb...


L’uccisione di Yehuda Biadga ha riacceso le tensioni tra la comunità etiope israeliana e la polizia, a lungo accusata di usare la mano pesante contro le minoranze del Paese. “La brutalità della polizia è il risultato del razzismo contro i neri”, dice Ziva Mekonen-Degu.
Edo Konrad – 1 febbraio 2019
Foto di copertina: Migliaia di Israeliani etiopi e di loro sostenitori hanno marciato contro la violenza della polizia a Tel Aviv il 30 gennaio 2019, settimane dopo la fatale uccisione di Yehuda Biadga. (Oren Ziv / Activestills.org)
Per la terza volta negli ultimi anni, questa settimana migliaia di cittadini etiopi di Israele hanno manifestato contro la violenza della polizia. Il 18 gennaio gli agenti hanno ucciso a colpi d’arma da fuoco Yehuda Biadga, un 24enne israeliano di origini etiopi, che  camminava per le strade del suo quartiere nella città di Bat Yam, appena a sud di Tel Aviv.
Secondo i familiari il giovane, che soffriva di una grave forma di disturbo da stress post traumatico dopo il  congedo dall’esercito, era sconvolto e aveva con sé  un coltello quando era uscito di casa  la sera di quel fatale giorno. La famiglia  aveva immediatamente chiamato la polizia, informandola che Biadga soffriva di una malattia mentale e che non aveva preso le sue medicine, ma che tuttavia non rappresentava alcun pericolo.
La polizia impiegò poco più di 50 minuti per arrivare e iniziare la ricerca del giovane. Fu durante questa  prolungata ricerca che, come riferì la polizia,  uno degli ufficiali vide Biadga avvicinarsi con un coltello e gli ordinò di fermarsi,  senza che questi seguisse gli avvertimenti dell’ufficiale. L’ufficiale, che come riferito disse che aveva ragione di temere per la sua vita, sparò due colpi alla parte superiore del corpo di Biadga, uccidendolo. I funzionari di polizia hanno respinto le accuse secondo cui l’ufficiale aveva aperto il fuoco perché Biadga era nero, sostenendo invece che la vita del poliziotto fosse stata in pericolo.
Il Dipartimento Investigazioni Interne della polizia del Ministero della Giustizia – un’agenzia esterna incaricata di indagare e perseguire i funzionari – ha avviato un’indagine. La polizia ha congedato l’ufficiale, come  da sua richiesta.
La sparatoria ha riacceso le tensioni tra la comunità etiope israeliana e la polizia, a lungo accusata di usare la  mano pesante contro le minoranze del Paese, in particolare contro i cittadini di origine etiopica. Più di 15.000 Israeliani etiopici e di loro sostenitori hanno marciato nelle strade di Tel Aviv mercoledì, bloccando l’autostrada Ayalon, una delle arterie principali del Paese, chiedendo la fine della “violenza razzista della polizia”, ​​che dicono sia per loro un’esperienza quotidiana.
Nonostante la grande affluenza, i membri della comunità etiope sono  esasperati a causa della brutalità della polizia. L’omicidio di Biadga è solo l’ultimo incidente, il più grave,  dice Efrat Yerday, importante attivista etiope-israeliana, ma è un chiaro esempio del modo in cui gli ufficiali israeliani trattano i giovani etiopi. “La polizia  parla della violenza di Biadga, ma non parla del fatto che la famiglia abbia dovuto aspettare un’ora per l’arrivo degli agenti o del fatto che gli hanno sparato due volte nella parte superiore del corpo invece che nelle gambe. Stanno costruendo una narrativa che fa apparire come vittima il poliziotto che ha sparato. ”




La polizia respinge i dimostranti durante una protesta contro la brutalità della polizia che ha come bersaglio gli Israeliani di discendenza etiopica, il 3 luglio 2016. (Oren Ziv / Activestills.org)

La marcia di mercoledì si è conclusa con una veglia a Rabin Square, uno dei punti di raccolta centrali di Tel Aviv e luogo di scontri sanguinosi nel 2015, quando migliaia di Etiopi manifestarono in seguito a numerosi episodi di violenza da parte della polizia . Quegli scontri provocarono decine di feriti, dopo che la polizia a cavallo  picchiò i manifestanti con manganelli antisommossa e usò per disperderli gas lacrimogeni e granate stordenti. Gli Israeliani rimasero sconvolti dalle numerose  immagini di manifestanti insanguinati nella piazza pubblica più famosa del paese.
Meno di un anno dopo, gli Etiopi-Israeliani tornarono ancora una volta nelle strade. Quella volta protestarono contro la decisione di non processare due agenti che  avevano usato il taser contro Yosef Salamsa, un Israeliano etiope di 22 anni, nella città settentrionale di Zichron Yaakov nel 2014.
Tre mesi dopo l’incidente, Salamsa, rimasto traumatizzato dall’episodio, si suicidò saltando da una scogliera. Gli investigatori non ritennero i poliziotti colpevoli di condotta criminale, ma raccomandarono solo azioni disciplinari per aver mentito sul fatto di non avere avvertito Salamsa prima di sparargli con il taser e per averlo lasciato fuori dalla stazione di polizia per 35 minuti, ferito e senza assistenza.




Parenti e membri della comunità etiope ebraica protestano durante la marcia tenuta in memoria di Yosef Salamsa, il 4 gennaio 2015. Salamsa si tolse la vita dopo presunte molestie da parte della polizia. (Activestills.org)

“È incitamento contro gli Etiopi, chiaro e semplice”
Più di 135.000 ebrei etiopi vivono in Israele, la maggior parte dei quali sono figli di coloro che sono immigrati nella metà degli anni ’80 o nei primi anni ’90. Ora Israeliani di seconda generazione, la maggior parte della comunità sta ancora lottando per essere integrata nella società. Il loro status socio-economico è basso e soffrono di carenze in materia di alloggi, istruzione e impiego. Secondo un rapporto del 2011 del Myers-JDC-Brookdale Institute di Gerusalemme, il 65% dei bambini etiopi in Israele vive in povertà.
“Essere Etiopi in questo Paese significa lottare costantemente per qualcosa”, dice Ziva Mekonen-Degu, direttore esecutivo dell’Associazione israeliana per gli Ebrei Etiopi, fondata nel 1993 per colmare le lacune sociali e migliorare la vita degli Israeliani etiopi. “Abbiamo lottato da quando siamo venuti in questo Paese per essere riconosciuti e trattati equamente. Oggi la lotta è contro la brutalità della polizia, che è il risultato del razzismo contro i neri presente in questo Paese”.
Yerday, l’ attivista, afferma che le ragioni alla base del profiling della polizia sono duplici: una profonda convinzione che gli Etiopi e le persone di colore in generale siano intrinsecamente più violente e l’incapacità dei media di indagare sugli episodi di violenza della polizia. Invece di investigare in modo indipendente, i media spesso riportano la versione della polizia come versione principale,afferma.
“Sostenevano che la marcia sarebbe stata violenta, che le vite degli agenti di polizia sarebbero state messe in pericolo. Tutte le maggiori testate giornalistiche hanno copiato i loro titoli direttamente dal playbook della polizia. È incitamento contro gli Etiopi, chiaro e semplice “, dice.
Questa volta, tuttavia, le dimostrazioni sono state in gran parte pacifiche. La polizia si è astenuta dall’usare misure violente  nel controllare la folla, come avevano invece fatto nel 2015. Ci sono stati alcuni scontri isolati quando un piccolo gruppo di manifestanti si è staccato dalla manifestazione principale, danneggiando le macchine parcheggiate e un caffè e dando fuoco ai bidoni della spazzatura. La polizia ha arrestato 11 persone, nove delle quali sono state portate di fronte al giudice giovedì mattina.




Migliaia di israeliani etiopi e di loro sostenitori hanno marciato contro le violenze della polizia a Tel Aviv il 30 gennaio 2018, settimane dopo l’uccisione di Yehuda Biadga. Le proteste si sono concluse con una veglia a Rabin Square. (Activestills.org/Oren Ziv)

“Si tratta di razzismo in grande stile  contro le persone di colore “
Secondo i dati della polizia forniti alla Associazione Israeliana per gli Ebrei Etiopi, il numero di casi aperti contro membri della comunità etiope tra il 2014 e il 2017 è aumentato del 20%, mentre è diminuito del 6% per la popolazione ebraica totale.
Durante quegli stessi anni, i casi contro gli Etiopi accusati di aver aggredito un ufficiale sono aumentati del 25 per cento.
Inoltre, un rapporto pubblicato dal Public Defender’s Office nel 2016 ha rilevato che quasi il 90 per cento dei giovani detenuti israeliani di origine etiopica sono condannati al carcere – tre volte la percentuale dei minori ebrei non immigrati e il doppio rispetto ai minori arabi.
Sia le carenze sociali che la violenza della polizia hanno spinto le autorità governative ad agire. Dopo le sanguinose proteste del 2015, il governo israeliano ha istituito un comitato ministeriale guidato dal primo ministro Benjamin Netanyahu per esaminare le raccomandazioni formulate nel Rapporto Palmor 2016, che riconosceva la discriminazione istituzionalizzata contro gli Etiopi e cercava soluzioni che avrebbero  colmato le lacune socio-economiche.
Il comitato ministeriale ha adottato un piano di 71 punti per integrare gli Etiopi ad un costo stimato di 165 milioni di shekel (45 milioni di dollari) all’anno. Il piano include l’aumento della percentuale di cittadini israeliani etiopi ammissibili per l’immatricolazione scolastica superiore; l’aumento delle opportunità per gli studenti dotati con il loro inserimento in appropriati programmi educativi; l’aumento del numero di ufficiali etiopi nell’esercito e nelle forze di polizia; l’ integrazione degli accademici nel settore privato con lavori più remunerativi; l’istituzione di voucher per le attività extracurriculari dei bambini.
“Il rapporto Palmor ha mostrato molto chiaramente che la polizia israeliana ha colpito in modo sproporzionato gli Etiopi”, dice Anne Suciu, un avvocato per l’Associazione per i Diritti Civili in Israele che si concentra sulla profilazione razziale e sulla violenza della polizia.
Suciu dice che il governo ha riconosciuto che tra le minoranze gli Etiopi sono il gruppo più sorvegliato, ed è questa ammissione che ha portato il Ministero della Giustizia a consentire agli Etiopi di richiedere la cancellazione dei loro casellari giudiziari. Eppure, dice Suciu, la polizia continua a prendere di mira gli Etiopi a causa del colore della loro pelle.
Nel frattempo, la polizia ha destinato milioni di shekel a vari progetti per rafforzare i legami con la comunità etiopica – una decisione che è stata criticata dai leader etiopico-israeliani. “Questa è la stessa polizia il cui ex commissario ha detto che “è naturale che gli agenti sospettino degli Etiopi”, dice Mekonen-Degu. “Non ho bisogno che imparino la mia cultura, non ho bisogno di loro per mangiare il mio cibo. Ho bisogno che smettano di guardare mio figlio con sospetto. ”
Il problema, aggiunge Yerday, è il razzismo della polizia contro i neri, sia che  riguardi i cittadini etiopi o i rifugiati africani: “Se pensiamo che il razzismo inizi e finisca con eritrei e richiedenti asilo sudanesi, ci sbagliamo di grosso. Riguarda il razzismo in grande stile contro tutte le persone di colore
Yerday è esasperato e lo dimostra. “Non so più cosa dire alla mia comunità”, dice. “La gente mi chiama ogni giorno per dirmi che si sentono impotenti e senza speranza. Uomini e donne che hanno paura del futuro. Hanno paura per se stessi. Questo posto si sta deteriorando e temo che non avremo alcuna ragione per restare qui. È estremamente preoccupante. ”
Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù”-  Invictapalestina.org
Fonte: https://972mag.com/ethiopian-israel-police-brutality-racism/139931/?fbclid=IwAR2XziRS3bQJebA0vVyB_6X6ysZ_Pb8Ir5W91kNrL3k5Gk0LUVPKvQLBIQ0

Commenti

Post popolari in questo blog

Netanyahu si è affrettato a denunciare l'antisemitismo di Yair Lapid -. Per 5 volte è rimasto in silenzio. Antisemitismo giudaico?