Haaretz : delegittimazione degli Arabi attraverso la rivalutazione di Kahane e la legge dello Stato Nazione

Sintesi personale 

Una linea retta collega la legittimazione del primo ministro Benjamin Netanyahu alle dottrine del  rabbino Meir Kahane , i tentativi di delegittimare qualsiasi cooperazione con "i membri della Knesset araba" e l'emanazione della legge dello  stato-nazione Ciò che li accomuna  è il rimuovere i diritti di uguaglianza dei cittadini arabi di Israele .
Ciò che rende inaccettabile la legge dello stato-nazione è il suo rifiuto di riconoscere che ci sono non ebrei che vivono qui  ed  Israele è il loro paese. Anche la nuova costituzione nazionalista approvata dal primo ministro Viktor Orban in Ungheria riconosce le minoranze come parte del popolo che sostiene lo stato. E lo stesso valeva per la Dichiarazione d'indipendenza di Israele.
La legge dello stato-nazione ha fatto il contrario. Anche se la Corte Suprema stabilisca che non vi è  nella legge la violazione incostituzionale dei diritti delle minoranze, ciò non cancella il messaggio antidemocratico che la legge invia. La legge dello stato-nazione dice ai non ebrei che sono sudditi, non cittadini con uguali diritti  chiamati a partecipare alla costruzione di Israele.
La sua emanazione ha intensificato la delegittimazione della cooperazione con i parlamentari arabiE di fronte allo spirito malvagio di questa legge, è necessario sottolineare che in realtà non esiste qualcosa come "forgiare una maggioranza bloccante".
I tentativi di affermare che forgiare un'alleanza con i partiti arabi equivale a tradire o tentare di distruggere lo stato, non è reale : la cittadinanza israeliana degli arabi ha un valore limitato  . I loro voti non contano davvero. Il fatto che siano "autorizzati" a essere eletti (soggetti a una pletora di tentativi per squalificarli) è una foglia di fico destinata a coprire il fatto che i loro voti sono considerati illegittimi nel formare una maggioranza   capace di  prendere decisioni significative sul paese.
Nel tentativo di deviare la critica che Netanyahu, il suo partito del Likud e l'intero campo di destra hanno sofferto per la  loro alleanza con i Kahanisti , il primo ministro e i suoi seguaci hanno affermato : "Ma la sinistra sta pensando di parlare con gli arabi". Questo argomento rivela il punto di incontro ideologico tra la destra israeliana e il Kahanismo . Israele  ha bisogno di uno spirito controcorrente per opporsi allo spirito nazionale e antidemocratico della legge dello stato-nazione, all'odio per gli arabi e alla delegittimazione dei cittadini arabi e dei loro rappresentanti nella Knesset. Ha bisogno di leader abbastanza saggi  da spiegare ai connazionali israeliani che la cooperazione tra ebrei e arabi non è solo legittima, ma auspicabile  e che qualsiasi società israeliana sana deve cercare di estenderla. Anche se è ancora difficile immaginare una coalizione di governo dove  i partiti arabi siedano insieme ai partiti sionisti, poiché non sarebbero in grado di concordare le linee guida del governo, una tale partnership non deve essere squalificata a causa del razzismo. Naturalmente è anche possibile che le parti arabe sostengano il governo senza farne parte.
L'articolo sopra riportato è l'editoriale principale di Haaretz, pubblicato sui giornali ebraico e inglese in Israele.



Editorial Blight of the Nation-state Law

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio