Amira Hass: Israele annulla il divieto per un cittadino americano nato a Gaza di visitare la madre morente a Nablus

sintesi personale

Israele ha annullato  il divieto iniziale per  un cittadino americano, nato a Gaza,   di recarsi a Nablus, nella West Bank, per visitare la madre morente
A Haaretz è stato detto dal COGAT, l'ufficio del Coordinatore delle attività governative nei Territori, che il permesso di ingresso per l'americano nato a Gaza , Awni Abu Rjaila, era stato approvato lunedì sera, ma a partire da mercoledì mattina, dopo 12 giorni di in attesa, non aveva ancora ricevuto  il permesso di entrare in Cisgiordania.
Mercoledì pomeriggio  gli è stato permesso di entrare.
L' ufficio del coordinatore ha dichiarato che la richiesta non soddisfaceva i criteri definiti , ma in ogni caso gli sarebbe stato concesso  di entrare in Cisgiordania come gesto umanitario.
Abu Rjaila, un medico che vive a Tampa, in Florida, ha appreso a gennaio che sua madre, che si trova a Nablus, soffriva di cancro al pancreas  che di solito provoca la morte del paziente in un breve periodo di tempo. Ha subito un ictus e ha perso la vista. Ha quindi deciso  un viaggio per visitarla  recandosi in Cisgiordania attraverso la Giordania.
La moglie di Abu Rjaila, Sawsan Rashid, un medico, e le loro due figlie  sono cittadine  americane  e non possiedono carte d'identità palestinesi. Sono entrati in Cisgiordania dalla Giordania il 16 febbraio.
Israele non consente ai palestinesi, registrati come residenti di Gaza, di recarsi  in Cisgiordania senza un permesso speciale. Quando la moglie di Abu Rjaila è arrivata  a Nablus e ha chiesto  all'ufficio  del COGAT il permesso per il marito  , non ha ricevuto alcuna  risposta .  Il 20 febbraio il gruppo israeliano Gisha, che cerca di garantire libertà di movimento per i palestinesi, ha inoltrato  nuovamente la  domanda per conto di Abu Rjaila.
Lunedì pomeriggio, 25 febbraio, è arrivato un rifiuto, firmato dal 1 ° tenente Roni Vaknin,  responsabile di Gaza. Il giorno seguente, martedì, Haaretz ha chiesto al portavoce di COGAT una risposta.
Nella lettera che Gisha ha ricevuto lunedì, il tenente Vaknin ha spiegato che la richiesta di Abu Rjaila di vedere sua madre era stata respinta per tre motivi :  la richiesta era di entrare a Gaza, non in Cisgiordania; sua madre vive illegalmente in Cisgiordania dal 2011 dopo aver ricevuto il permesso di lasciare Gaza per cure mediche;  Abu Rjaila stesso aveva lasciato Gaza attraverso il valico di Rafah con l'Egitto, piuttosto che attraverso Israele o in coordinamento con le autorità israeliane.
Gisha ha precisato  che  la madre di Abu Rjaila era rimasta a Nablus dopo  essere stata curata,  perché la sua salute non le permetteva  di rientrare a Gaza  per  le pessime condizioni di vita della Striscia . Inoltre l'organizzazione ha aggiunto  che il fatto che Abu Rjaila avesse  lasciato Gaza  attraverso l' Egitto non avrebbe dovuto  precludere una visita umanitaria per vedere sua madre morente .
Il coordinatore delle attività governative nei Territori ha rilasciato una risposta mercoledì a mezzogiorno, affermando che, come inizialmente aveva riferito ad  Haaretz, la richiesta di Abu Rjaila era stata effettivamente approvata, ma era in attesa di un controllo di sicurezza. "Va notato che Abu Rjaila era partito per un soggiorno all'estero senza  autorizzazione e sua madre risiedeva illegalmente a Gaza", un riferimento alla sua partenza da Gaza via Egitto,ma andarsene  attraverso Israele  non è  permesso alla maggior parte degli abitanti di Gaza. "Tuttavia, alla luce delle circostanze umanitarie ,si è  deciso di approvare [la richiesta] come eccezione. "
Amira Hass
Corrispondente di Haaretz

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio