Gideon Levy Il Profeta Amos Oz è stato l'ultimo dei sionisti morali





 Sintesi personale
Come puoi amare una persona così tanto quando le sue  opinioni esprimono tutto ciò che odi della sinistra sionista? Come puoi amare un sionista giurato così pieno di una fede penetrante nella giustizia del sionismo?Come puoi amare un ottimista così incorreggibile? Come puoi amare il volto più bello del paese, un paese la cui immagine è stata trasformata in un'illusione? Come puoi amare una persona così raffinata,  le cui frasi pronunciate sembrano  provenire dal suo ultimo libro? Come poteva Amos Oz essere così amato; come poteva non essere così amato? Il segreto era nella sua personalità vincente e nel suo fascino, nella sua straordinaria modestia, nella sua magia. Ogni incontro con lui è stata un'esperienza mozzafiato; ogni conversazione telefonica era piena di speranza, incluso l'ultimo giorno quando  aveva promesso che, nel momento in cui la sua febbre fosse sparita, ci saremmo incontrati di nuovo.C'era qualcosa di indimenticabile in lui ogni volta che ci incontravamo. Questo fu chiaro fin  dal giorno in cui gli portai  la bozza di uno dei discorsi importanti su Shimon Peres . È stato chiaro nel Yom Kippur del 2002, quando ho seguito le orme di "Una storia d'amore e di  oscurità". Sono  andato al 175 Ben Yehuda Street dove vivevano sua madre e sua sorella e da lì a Yefe Nof Street, Il vicolo di Tel Aviv dove sua madre camminava  prima di suicidarsi.È stato chiaro alla cena del 2010 con AB Yehoshua e Mario Vargas Llosa, dove Oz immaginava che uno di loro avrebbe vinto il premio Nobel poche settimane dopo. (Vargas Llosa ha vinto.). Israele sarà un paese diverso senza di lui. Non accadrà subito, ma improvvisamente vedremo che non è rimasto niente del paese che una volta pensavamo fosse bello e giustoChe siamo rimasti con Miri Regev .Abbiamo già una mini-Trumputopia qui, ma  c'erano alcune vecchie luci distinguibili che illuminavano l'oscurità travolgente. Ora questi proiettori sono stati estinti. Abbiamo sempre saputo che, nonostante tutto, avevamo ancora Amos Oz. Questo non è più il caso. Qualche mese fa mi diede una fotocopia di una lettera scritta decenni fa dal filosofo Yeshayahu Leibowitz all'editore del giornale Davar, Hannah Semer. "Sono vicino all'opinione di Amos Oz secondo cui l'occupazione dei" territori "- dove stiamo schiavizzando  un milione e mezzo di arabi - distruggerà il popolo e il paese e ci corromperà come ebrei e come persone nella nostra  natura nazionale, sociale,umanitaria  e  morale ", ha scritto Leibowitz. "E diventeremo una Rhodesia israeliana, condannata alla degenerazione e alla distruzione".La data era l'8 settembre 1967, tre mesi dopo la guerra dei sei giorni. Oz aveva 28 anni. Il profeta Amos  nel 1989: "Il  messianico, ignorante e crudele, che nasce da un angolo oscuro del giudaismo, minaccia di distruggere tutto ciò che ci è caro e santo per noi, per lanciare su di noi una follia rituale di spargimento di sangue .... Nablus e Hebron sono solo i mezzi, solo le stazioni sul sentiero di Levinger e Kahane per diffondere il loro folle controllo su Tel Aviv, Gerusalemme e Dimona. "E il profeta Amos, nello stesso discorso: "Se non ti alzi - tu Mr. Shamir, e anche tu, signor Rabin . e chiami omicidio di omicidio, anche tu non sarai immune dai proiettili degli assassini.Non aveva ragione su tutto. Credeva che gli ebrei e i palestinesi dovessero divorziare, come disse lui, adottando un approccio simmetrico verso entrambi i popoli, una simmetria che non è mai esistita in alcun modo. In una delle sue ultime lezioni, che è diventata virale con più di 100.000 visualizzazioni su YouTube, ha attaccato la soluzione a uno stato che il suo buon amico Yehoshua aveva abbracciato,  affermando che non ci sarebbe mai stato uno stato binazionale, ma solo uno stato arabo con un Minoranza ebraica. In quel discorso è andato contro le mie descrizioni dell'apartheid. L'ultimo dei sionisti morali non poteva credere che la situazione fosse diventata così grave e incorreggibile.Sì, Oz era l'ultimo dei sionisti morali. Esattamente come credeva l'altro giorno che ci saremmo incontrati per un caffè, credeva che il paese sarebbe stato diviso. Non è successo Apparentemente non succederà mai. Che tristezza, che tristezza.

Gideon Levy
Opinion 

The Prophet Amos Oz Was the Last of the Moral Zionists

How can you love a person so much whose views express everything you hate about the Zionist left? How can you love a sworn Zionist so filled with a piercing faith in the justice of Zionism?
How can you love such an incorrigible optimist? How can you love the country’s loveliest face, a country whose image has been twisted into an illusion? How can you love such a polished person whose every spoken sentence sounds like it came from his last book? How could Amos Oz have been so beloved; how could he not have been so beloved?
The secret was in his winning personality and charm, his amazing modesty, his magic. Every meeting with him was a breathtaking experience; every telephone conversation was full of hope, including the last one the other day in which he promised that the minute his fever broke we’d meet up again.There was something unforgettable about him every time we met. This was clear since the day I brought him a draft of one of Shimon Peres’ important speeches for him to comment on. It was clear on Yom Kippur 2002, when following in the footsteps of “A Tale of Love and Darkness,” I went to the house on 175 Ben Yehuda Street where his mother and sister had lived, and from there to Yefe Nof Street, the Tel Aviv alley where his mother last walked before committing suicide.
It was clear at the dinner in 2010 with A.B. Yehoshua and Mario Vargas Llosa, where Oz imagined that one of them would win the Nobel Prize a few weeks later. (Vargas Llosa won.)
Israel will be a different country without him. It won’t happen right away, but suddenly we’ll see that there’s nothing left of the country we once thought was beautiful and just. That we’ve been left with just Miri Regev.
We’ve already got a mini-Trumputopia here, but on the fringes there were some discernible old lights, ever so slightly illuminating the overwhelming darkness. Now these floodlights have been extinguished. We always knew that despite it all, we still had Amos Oz. That’s no longer the case.A few months ago he gave me a photocopy of a letter written decades ago by philosopher Yeshayahu Leibowitz to the editor the newspaper Davar, Hannah Semer. “I am close to Amos Oz’s opinion that the occupation of ‘territories’ – thereby enslaving a million and a half Arabs – will destroy the people and the country, and will corrupt us as Jews and as people from a national, social and humanitarian-moral standpoint,” Leibowitz wrote. “And we will become an Israeli Rhodesia, condemned to degeneration and destruction.”
The date was September 8, 1967, three months after the Six-Day War. Oz was 28. The Prophet Amos.
The Prophet Amos in 1989: “So messianic, ignorant and cruel, arising from a dark corner of Judaism, it threatens to destroy all that is dear and holy to us, to cast upon us a mad ritual of bloodletting …. Nablus and Hebron are only the means, only stations on Levinger and Kahane’s path toward spreading their mad control over Tel Aviv, Jerusalem and Dimona.”
And the Prophet Amos, in the same speech: “If you don’t stand up – you Mr. Shamir, and you, too, Mr. Rabin … and call murder murder, even you won’t be immune from the murderers’ bullets.”
He wasn’t right about everything. He believed that the Jews and the Palestinians must divorce, as he put it, taking a symmetrical approach to both peoples, a symmetry that never existed in any way. In one of his last lectures, which went viral with more than 100,000 views on YouTube, he attacked the one-state solution, which his good friend Yehoshua had embraced, and said there could never be a binational state but only an Arab state with a Jewish minority.
In that speech he also came out against my descriptions of apartheid. The last of the moral Zionists couldn’t believe that the situation had grown so grave and incorrigible.
Yes, Oz was the last of the moral Zionists. Exactly as he believed the other day that we would meet for coffee, he believed that the country would be divided. Neither happened. They apparently never will happen. How sad, how very sad.



Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri