Muhammad Shehada :L'uccisione dell'infermiera di Gaza dimostra quanto sia di poco valore il nostro sangue per Israele (video)



 Sintesi personale

Killing Of Gaza Nurse Shows How Cheap Our Blood Is to Israel

Il primo giugno il paramedico volontario Razan al-Najjar è stata  uccisa  a colpi di arma da fuoco durante le proteste di Gaza mentre soccorreva i manifestanti feriti vicino al muro della separazione.

Chiunque abbia il più piccolo minimo di decenza morale dovrebbe essere distrutto, devastato e sopraffatto per la  sua morte, così come dovrebbero essere devastati dall'orribile proiettile che ha colpito un asilo in Israele . Entrambi gli incidenti meritano una condanna inequivocabile, per lo meno, anche se solo uno ha provocato la morte (grazie a Dio nessuno dei bambini è rimasto ferito).

 L’ omicidio di al-Najjar ci mostra qualcos'altro, qualcosa di orribile che trascende le sparatorie ai confini. La sistematica disumanizzazione del popolo palestinese, in particolare a Gaza, non avviene  solo  attraverso le armi e le  politiche israeliane, ma anche attraverso i  media e i  sostenitori di Israele. Al -Najjar, stava combattendo contro l'inumanità della vita a Gaza , stava salvando  la vita dei palestinesi feriti che protestavano contro il blocco, combatteva per il mondo e per la  sua stessa società per riconoscerne  il coraggio, il duro lavoro e la forza. "Nella nostra società le donne sono spesso giudicate", ha detto a un giornalista durante un'intervista a Gaza il mese scorso, "ma la società deve accettarci. Se non vogliono accettarci per scelta, saranno costretti ad accettarci perché abbiamo più forza di qualsiasi uomo. "

Il giorno della sua morte, al-Najjar si è avvicinata alla recinzione con le mani alzate, prima di essere colpita al petto con un proiettile vivo mentre cercava di salvare una vita.

Eppure  per  troppe persone, la stessa al-Najjar e la sua famiglia, i suoi amici e colleghi, che piangevano all'ospedale, sono da biasimare. Come uno scrittore ha inserito in News24, i palestinesi "sono, consapevolmente o involontariamente, complici del  deliberato sacrificio di vite palestinesi a scopo di propaganda".

Questa è stata la narrativa prevalente durante le proteste di Gaza. I palestinesi sono gli " scudi umani " inconsapevoli di Hamas. Hamas è totalmente da incolpare, come richiesto dall'ambasciatore statunitense all'ONU Danny Dannon.

Se si deve credere alla narrativa di Israele, al-Najjar è stata svegliata nel cuore della notte e condotta  alla protesta sotto la minaccia di Hamas, costretta  a stare immobile come uno scudo umano davanti alla recinzione fino alla sua morte, proprio come i  45.000 manifestanti secondo il manuale di disumanizzazione completamente indifferente  alla loro agonia e non  toccato  dalla loro morte lenta.

E come sappiamo che Hamas è la causa di tutto ciò che accade alla barriera di confine, compresa l'uccisione di medici e giornalisti? Perché è impossibile che l'esercito più morale del mondo uccida civili innocenti.

Questo è ciò che il mondo vede: Hamas ha vinto una guerra di pubbliche relazioni , come recitava un titolo, ogni volta che nei media apparivano  immagini terrificanti di bambini e donne morte e mutilate  a  Gaza. Alexander Downer, ex ministro degli esteri australiano e Alto commissario britannico, ha scritto su  Financial Review: "L'80% delle vittime erano combattenti di Hamas, non i manifestanti della domenica pomeriggio. Per Hamas è stato un trionfo. Hanno ottenuto quello che volevano. I martiri, come amano chiamare le vittime, li hanno aiutati a vincere una guerra di propaganda mediatica in tutto il mondo ".

"Il sacrificio dei bambini" era una pratica comune tra i manifestanti neri nella rivolta di Soweto   in Sud Africa , secondo il regime dell'apartheid. Nel sud americano, durante il movimento per i diritti civili  i segregazionisti  hanno affermato che si stavano solo difendendo da minacce credibili. Quindi perché dovrebbe essere diverso a Gaza?

L'IDF aveva sicuramente una ragione per colpire, leggiamo più e più volte. L'IDF non ha cattiveria, i suoi difensori ci assicurano. Noi abitanti di Gaza siamo destinati ad essere estinti.

Il nostro sangue non è nelle mani dei cecchini che tirano il grilletto, ma sui nostri genitori piangenti, sul nostro governo avaro e sui cameraman che hanno documentato le uccisioni.

Per troppo tempo  siamo stati sottoposti a narrative disumanizzanti sui palestinesi. Gli abitanti di Gaza non sono eroi straordinari o simboli infrangibili. Amiamo le nostre vite e facciamo tesoro dei nostri figli proprio come fanno tutte le persone. Non siamo robot automatizzati che si affrettano verso la morte a comando.

Al-Najjar, insieme agli altri 122 civili uccisi e ai 13.000 manifestanti feriti nelle recenti proteste di Gaza, non ha  mai scelto questa vita. Tutto quello che i manifestanti volevano era uscire dalla loro prigione, trovare una vita e un futuro. Il loro appello per il diritto al ritorno mostra l'estremo livello di disperazione che hanno raggiunto: hanno abbandonato completamente la gabbia invivibile dove  sono intrappolati e stanno chiedendo di correggere l'unico errore nella loro vita che causa tutta la loro miseria : essere nati  dalla parte sbagliata della barricata.

Noi di  Gaza siamo in un  luogo invivibile e inabitabile, dove l' acqua che beviamo e il terreno dove piantiamo stanno   avvelenando noi e i nostri figli. La nostra aria, terra e mare sono  completamente isolati da Israele e dalla potenza militare dell'Egitto. Noi abitanti di Gaza affrontiamo un disastro umanitario, generazione dopo generazione  e ci  viene negato anche il diritto più elementare di sfuggire a una morte lenta. Siamo due milioni di prigionieri civili, ingabbiati in una baraccopoli tossica dalla nascita alla morte.

Noi  siamo né più né meno resilienti e risoluti come  qualsiasi altro popolo umano in questo mondo. Anche noi proviamo dolore e sofferenza. Anche noi abbiamo un punto di rottura.

Ma come al-Najjar, anche noi abbiamo sogni e speranze per un futuro vivibile.

Muhammad Shehada è uno scrittore e attivista della società civile della Striscia di Gaza


Commenti