Elior Levy :Intervista a un giovane palestinese che lancia gli aquiloni

 (Photo: AFP)
  •   Sintesi personale 
"Inviamo gli aquiloni e andiamo su Facebook per osservare gli incendi dalla tua parte", ha detto H., che appartiene alla "unità di aquiloni" di Gaza. I  Palestinesi dipingono i loro aquiloni con i colori della bandiera palestinese e talvolta aggiungono anche una svastica.
(Foto: AFP)
"L'aquilone è l'arma migliore e l'arma più importante che abbiamo a Gaza, è meglio di tutti i razzi .Quando un missile viene lanciato da Gaza, hai una risposta, ma per gli aquiloni non hai una risposta e causano molti danni", ha spiegato. Lunedì, il ministro della Difesa Avigdor Lieberman ha detto che circa 9.000 dunam di raccolti e foreste sono stati bruciati a causa degli incendi iniziati dagli aquiloni. Gli aquiloni continuano a causare immensi danni nelle comunità di confine di Gaza e mettono in pericolo la vita degli israeliani che vivono vicino alla striscia.
 (Photo: AFP)
(Foto: AFP)
H. è stato ferito due settimane fa durante gli scontri del venerdì "March of Return" vicino al recinto di confine. Un  oggetto non identificato è esploso vicino a lui e un pezzo di granata ha colpito una gamba. All'inizio della campagna "March of Return", circa due mesi fa, faceva parte della "unità che bruciava le gomme", ma  due settimane dopo si è trasferito alla "unità degli aquiloni". Ha rivelato che l' "unità di aquiloni" opera come un'organizzazione, ma afferma di non avere alcun collegamento con Hamas. "Siamo giovani provenienti da tutta la Striscia di Gaza, siamo divisi in gruppi in base alle aree, ogni gruppo ha una persona responsabile che decide quando far  volare gli aquiloni e quanti. Non abbiamo aiuti da Hamas Ogni kite, con il suo dispositivo incendiario, ci costa tre o quattro shekel ", La  sua "unità" sta progettando di far  volare una grande quantità di aquiloni venerdì, per celebrare il Naksa Day  che commemora la sconfitta nella Guerra dei Sei Giorni del 1967. "Guardiamo la TV e ci rendiamo conto   che avete una grande paura di questi aquiloni, per cui ogni venerdì ci sono sempre più giovani che partecipano a questa attività", ha aggiunto.
Aggiungi didascalia
Sembra che lui e i  suoi amici non si sentano in colpa per il danno ambientale che causano. "Se Israele non ha problemi a bruciare Gaza, perché dovremmo avere qualche problema a bruciare Israele?"ha chiesto . H. ha detto che lui e i suoi complici non hanno paura. "Non voglio diventare uno shahid (martire), ma non ho paura delle minacce di assassinio: se inizi a ucciderci, aumenteremo gli  aquiloni  fino a rimuovere l'assedio da Gaza "
 

 
 
H., a member of the strip's 'kites unit,' says they have no ties to Hamas; 'We have no aid from Hamas and we don't need it. Preparing each kite, with its incendiary device, costs us three or four shekels,' he says.
Palestinians sending incendiary kites over the Gaza border into Israel have no intention of stopping, 21-year-old H. told Ynet.  
"We send the kites up and go to Facebook to watch the fires on your side," said H., who belongs to Gaza's "kite unit."
The kite fliers paint their kites in the colors of the Palestinian flag and sometimes add a swastika as well.


(Photo: AFP)
 "The kite is the best weapon and the most important weapon we have in Gaza, it's better than all of the rockets and weapons we have," H. said.
"When a rocket is fired from Gaza, you have a response to it, but for the kites you don't have a response, they cause you a lot of damage," he explained.
On Monday, Defense Minister Avigdor Lieberman said some 9,000 dunams of crops and forests have been burned as a result of fires started by the kites, which are affixed with an incendiary device.
The kites continue causing immense damage in Gaza border communities and endanger lives of Israelis living near the strip.


(Photo: AFP)
 
H. was wounded two weeks ago during Friday "March of Return" clashes near the border fence. He said an unidentified object blew up next to him and a piece of shrapnel hit his leg.
At the beginning of the "March of Return" campaign, about two months ago, he was part of the "tire burning unit," and two weeks later moved to the "kites unit."
He revealed the "kites unit" operates like an organization, but claimed it has no connection to Hamas.
"We're young people from all across the Gaza Strip. We're divided into groups according to areas, and each group has one person in charge who decides when to fly kites and how many. We have no aid from Hamas and we don't need it. Preparing each kite, with its incendiary device, costs us three or four shekels," he explained.
H. said his "unit" is planning to fly a large amount of kites on Friday, to mark Naksa Day, which commemorates the defeat in the 1967 Six-Day War.
"We watch TV and realize you have great fear of these kites. Because of that, every Friday there are more and more youths who participate in this activity," he added.



The interview with H. included many hate-filled comments against Israel, and it appeared he and his friends feel no guilt for the environmental damage they cause. "If Israel has no problem burning Gaza, why should we have any problem burning Israel?" he demanded.
Due to the lack of a real solution to this simple and cheap weapon, there have been increasing calls in Israel to eliminate kite fliers in Gaza.
H. said he and his accomplices are not afraid. "I don't want to become a shahid (martyr), but I'm also not afraid of the threats of assassination. If you start assassinating us, we will increase the number of kites we're flying your way. We'll continue with the kites method until you remove the siege from Gaza," he argued.

First published: 06.07.18, 09:56
 
 

Commenti