Peter Beinart La scelta di Israele di sparare ai palestinesi dovrebbe fare orrore - ma non sorprenderci


Peter Beinart Israel’s Choice To Shoot Palestinians Should Horrify — But Not Surprise Us



sintesi personale

L'altro giorno una conoscenza approfondita,  alla mia destra politicamente, mi ha fatto una domanda. Ha chiesto che cosa consiglierei a Israele di fronte a migliaia di palestinesi, alcuni probabilmente inclini alla violenza, che stanno cercando di prendere d'assalto la barriera che separa la Striscia di Gaza dal resto di Israele. (Dico "resto d'Israele" perché credo che Gaza resti ancora sotto l'occupazione israeliana .
Gli ho detto che non lo so. Non lo so perché non sono un pianificatore militare o un esperto nel controllo della folla. E poiché non lo so, ho evitato di criticare l'esercito israeliano per aver usato "una forza sproporzionata". Sono perfettamente disposto a riconoscere che, nel momento in cui migliaia di manifestanti sono confluiti nella recinzione, nessuna delle opzioni di Israele è stata buona,ma  è la domanda sbagliata.
Verso la metà e la fine degli anni '60, le rivolte scoppiarono ancora e ancora nei quartieri neri delle città americane. Dal punto di vista del controllo della folla, la polizia ha dovuto affrontare una scelta difficile: come impedire alle persone di distruggere proprietà e persino commettere violenze, senza usare la forza letale,ma  qualcuno in quel momento ha chiesto: "Cosa dovrebbe fare la polizia?" Avrebbero fatto la domanda sbagliata. La domanda giusta non era "Come dovrebbe la polizia americana rispondere alle rivolte", era: "Come dovrebbero i leader americani rispondere alle lamentele che hanno prodotto le rivolte in primo luogo."
Questo vale anche per  Gaza. Molto prima che i soldati israeliani decidessero se sparare ai manifestanti, i leader israeliani hanno deciso di impedire agli agricoltori di Gaza di esportare spinaci, patate e fagioli. Hanno deciso di vietare ai pescatori di Gaza di pescare oltre sei miglia nautiche. Hanno deciso di impedire agli studenti di Gaza di lasciare la Striscia per studiare, di impedire agli sposi di entrare legalmente con i loro mariti o mogli in Cisgiordania, di impedire ai nipoti di andarsene per assistere ai funerali dei loro nonni. Hanno deciso di impedire alle persone a Gaza di importare i pezzi di ricambio necessari per ricostruire la rete elettrica della Striscia.
Non si trattava di decisioni provenienti da soldati giovani e spaventati. Erano politiche formulate da politici in uffici con aria condizionata. Quei politici hanno risposto alla vittoria di Hamas nelle elezioni legislative del 2006, aiutando a silurare un governo di coalizione palestinese che avrebbe lasciato Mahmoud Abbas come presidente dell'Autorità palestinese. Rifiutarono i negoziati con Hamas  scegliendo   una politica di punizione collettiva: una politica che ha punito il popolo di Gaza per essere governato da Hamas. Più di un decennio dopo  Hamas rimane in carica,ma  Gaza - che ha a malapena elettricità o acqua potabile - è sul punto, secondo le Nazioni Unite, di diventare " invivibile ".Una settimana fa, Hamas ha di nuovo sollevato l'idea di una tregua a lungo termine con Israele. Non ha operato questa selta perché ha smesso di essere un'organizzazione autoritaria e illiberale con una storia di terrorismo che rifiuta il diritto di esistere di Israele. Lo ha fatto perché è geopoliticamente isolato. Nondimeno, una tregua a lungo termine costituirebbe un progresso . Se Israele avesse accettato l'offerta e preso provvedimenti per alleggerire il blocco ( alcuni aspetti dei quali hanno poco a che fare con la sicurezza), le uccisioni di ieri avrebbero potuto essere evitate,ma  Benjamin Netanyahu, secondo le notizie , non ha risposto.
Non ha risposto per la stessa ragione per cui ha intensificato la costruzione degli insediamenti e ha respinto uno stato palestinese vicino alle linee del 1967: Perché vede i palestinesi non come esseri umani con diritti inerenti, ma come un nemico da soggiogare.
Dozzine di palestinesi sono morti , migliaia sono  feriti  non a causa delle decisioni prese da Israele in un solo giorno, ma a causa delle decisioni prese da molti anni. Ogni politico americano, e ogni leader ebreo americano, che ha difeso quelle decisioni - che ha difeso la brutale  politica israeliana nei confronti di Gaza è implicato nel massacro di ieri.
Sono possibili scelte diverse. Sono sempre stati possibili,ma  richiedono ai cittadini, sia in Israele che in America, la volontà di esigere che i loro leader agiscano prima che altri palestinesi finiscano morti.

Commenti