Mae Elise Cannon : Trump sta mettendo in pericolo le vite americane infiammando il sentimento anti-americano nel Medio Oriente |

 

Mae Elise Cannon Trump is putting American lives in danger by inflaming anti-American sentiment in the Mideast | Opinion

 

 

Sintesi personale
I sostenitori dell'amministrazione Trump sostenevano che la sua decisione   di spostare l'ambasciata a Gerusalemme ,semplificava  la politica estera  e che le precedenti amministrazioni avevano subordinato gli  interessi americani  all' internazionalismo, non riconoscendo Gerusalemme come capitale d'Israele  .Come direttore esecutivo di un'organizzazione per la pace cristiana, Churches for Middle East Peace  ,considero  questo argomento  profondamente errato.
Riconoscere Gerusalemme come capitale unilaterale di Israele, ignorando la presenza e le aspirazioni di oltre 300.000 palestinesi residenti a Gerusalemme, i legami di oltre due milioni e mezzo di palestinesi in Cisgiordania e dei milioni di palestinesi della diaspora in tutto il mondo, non è nell'interesse nazionale degli Stati Uniti.
Una politica estera "America First" in Medio Oriente deve sicuramente fare affidamento sulla stretta cooperazione dei nostri alleati regionali. I nostri alleati nella regione non includono solo Israele, ma nazioni che simpatizzano profondamente con la difficile situazione dei palestinesi e la loro lotta per l'autodeterminazione. Un approccio sfacciatamente unilaterale al conflitto Israele-Palestina  compromette le nostre relazioni con la Giordania, l'Egitto, l'Arabia Saudita e la Turchia.
Affermo che non è mai nel migliore interesse degli Stati Uniti perseguire politiche che esacerbino le tensioni tra Israele e il mondo islamico.
  I settant'anni di politica estera degli Stati Uniti hanno faticosamente tentato di mantenere questa delicata coalizione  e , conseguentemente, definire questa politica  subordinata agli  interessi americani all'internazionalismo, al compromesso e al multilateralismo sconvolge ampiamente le complessità della conduzione della politica estera in questa regione.
Come sostenitore della pace cristiana spero ardentemente che gli Stati Uniti estendano i propri obiettivi di politica estera oltre il puro interesse personale e tengano conto del benessere di tutti i popoli di tutto il mondo.
Chiunque può vedere chiaramente come la decisione di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale di Israele si rivelerà dannosa per gli interessi degli Stati Uniti.
William Rogers, Segretario di Stato durante l'amministrazione Nixon - la cui politica estera era l'epitome della realpolitik di "America First" - scrisse nel 1969: "La nostra politica è e continuerà ad essere equilibrata. Abbiamo legami amichevoli sia con gli arabi che con gli israeliani Pertanto, la nostra politica è quella di incoraggiare gli arabi ad accettare una pace permanente basata su un accordo vincolante e ad esortare gli israeliani a ritirarsi dai territori occupati quando la loro integrità territoriale è assicurata come previsto dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza. " Il ritirarsi dal territorio occupato, come previsto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, include Gerusalemme Est. La politica di Nixon sul sostegno degli Stati Uniti a una pace basata sul ritiro israeliano dai territori occupati proveniva da un'amministrazione che difficilmente può essere definita "asservita all'internazionalismo".

Questo non vuol dire negare che i residenti ebrei di Gerusalemme e di  Israele non abbiano legami esclusivi con la città, storicamente, religiosamente e politicamente. Non sono in alcun modo contrario alle aspirazioni israeliane di vedere Gerusalemme Ovest come la loro capitale,ma  quando gli Stati Uniti riconoscono le affermazioni di Israele senza alcun riguardo per quelle  dei palestinesi, il messaggio che inviamo come nazione è che non vediamo alcun profitto politico in una risoluzione negoziata a questo conflitto. Questo è un messaggio molto pericoloso da inviare nell'attuale clima politico del Medio Oriente.

Cancellando tali avvertimenti  come hanno fatto molti difensori di questa amministrazione,si  ignora completamente la connessione tra la politica estera degli Stati Uniti, il sentimento anti-americano e le sue ultime conseguenze: la radicalizzazione.
Le vite in effetti sono  a rischio  con questa decisione: vite palestinesi, vite israeliane e vite americane.


 

 


 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Tom Pessah : Chi ha combattuto nel 1948? Un libro sfata l'usuale narrazione

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Odeh Bisharat : l nuovo antisemitismo israeliano: un ginocchio sul collo di un vecchio