'Quando Israele dà ai polacchi la colpa dell'Olocausto , alimenta il nazionalismo illiberale

di Oded Even Or

When Israel ignorantly blames the Holocaust on the Poles, it boosts their illiberal nationalists *** haaretz.com


Sintesi personale 
La nuova legge polacca che vieta l'attribuzione della colpa collettiva al popolo polacco per l'Olocausto è profondamente preoccupante. La legge, che prevede una pena fino a tre anni per i trasgressori, è un freno autoritario alla libertà di parola da parte del  governo nazionalista polacco, e si unisce alla persecuzione continua degli studiosi dell'Olocausto per indagare sulle atrocità polacche.





Chiaramente è una situazione complicata che richiede una risposta ponderata e tuttavia energica. I leader israeliani hanno invece optato per equiparare la legge polacca alla  negazione dell'Olocausto, evidenziando ignoranza , folle alterigia e pregiudizi.
Ignaranza  perché ignora i fatti storici, alterigia perchè  perché gioca solo nelle mani del governo polacco che ora può legittimare la legge dicendo che è stata decisa per difendere l'onore nazionale polacco.
"La storia non può essere cambiata ed è vietato negare l'olocausto", ha detto il primo ministro Benjamin Netanyahu. Il ministro del Gabinetto, Yisrael Katz, ha scritto su Twitter: "La legge del parlamento polacco nega la partecipazione della Polonia e la responsabilità per il massacro che ha avuto luogo sul suo territorio." Non dimenticheremo o perdoneremo ". C' è stato uno  scambio di Twitter tra Yair Lapid e l'ambasciata polacca in Israele. Lapid  ha  ha accusato la Polonia di negare "la complicità polacca" nell'Olocausto, usando il termine discutibile "campi di sterminio polacchi" per rafforzare la sua richiesta.
L'Ambasciata ha risposto con un link dove condanna  l'uso del termine , sottolienando : "Le vostre affermazioni insopportabili mostrano quanto sia necessaria un'educazione sull' Olocausto, anche in Israele". Lapid ha risposta con l' altezzosa richiesta di scuse immediate per aver tentato di "istruire ",lui  figlio di un sopravvissuto all'Olocausto, .
La risposta dell'ambasciata polacca a Lapid è stata grossolana e la sua insinuazione sommessa che l'educazione all'Olocausto in Israele sia difettosa è profondamente offensiva,ma l'implicita rivendicazione del politico israeliano di un monopolio sulla verità storica è ridicola e presuntuosa.
Ancor prima di discutere  di una "colpevolezza polacca" per l'Olocausto, si dovrebbe ammettere che il concetto stesso di colpevolezza collettiva è pieno di pericoli. Nessuno lo sa meglio degli ebrei, che la Chiesa ha eliminato dalla colpa collettiva per la morte di Gesù solo nel 1965. Nella modernità  nessun pogrom in Russia è stato realizzato senza il preambolo di una presunta atrocità da parte di un ebreo. Persino i nazisti ricorsero all' l'assassinio di un diplomatico tedesco a Parigi, per "giustificare" la Kristallnacht nel 1938, quando più di 90 ebrei furono uccisi in attacchi in tutta la Germania.
Anche in relazione alla Germania la questione della colpa o della responsabilità collettiva è stata oggetto di accesi dibattiti da eminenti filosofi ebrei come Karl Jaspers e Hannah Arendt. Mentre Arendt si opponeva a questo, Jaspers difendeva l'uso del concetto, dicendo che "Esiste una solidarietà tra gli uomini come esseri umani che rende ciascuno responsabile di ogni errore e di  ogni ingiustizia nel mondo, specialmente per i crimini commessi in sua presenza o di cui è a conoscenza . Se  non riesco a fare tutto ciò che posso per prevenirli, anch'io sono colpevole ".
Ma nel caso della Polonia, attribuire la colpa collettiva è più difficile .
Contrariamente ad altri paesi europei, come la Francia o la Norvegia, la Polonia era direttamente controllata dalla Germania nazista. In Polonia non esisteva un regime fantoccio  come i governi di Vichy o di Quisling   e i nazisti annettevano parti del paese, mentre ponevano il resto sotto il controllo di un governatore tedesco, Hans Frank.
Frank ha sottoposto la Polonia a un terrore "molto più feroce e più [...] prolungato di qualsiasi altro posto in Europa", afferma lo studioso Norman Davies, come citato dall'Olocausto Memorial Museum degli Stati Uniti.
Questo terrore includeva la pena capitale per chiunque aiutasse gli  ebrei.
Mentre è vero che i polacchi  favorirono e parteciparono all'Olocausto (si stima che 200.000 ebrei morirono in mani polacche ), è anche vero che 6.500 polacchi furono riconosciuti come giusti tra le nazioni, più che in qualsiasi altro paese e si ritiene che questo numero sia solo la punta dell'iceberg.
Il terrore nazista includeva anche l'uccisione di almeno un milione e mezzo di civili polacchi, oltre a un genocidio culturale mirato specificamente a rendere i polacchi i migliori lavoratori per i loro padroni tedeschi. Mentre in Francia gli intellettuali erano liberi di continuare i loro sforzi - Sartre, per esempio, produsse  Being and Nothingness nel 1943 nella Parigi occupata - l'intellighenzia polacca fu praticamente cancellata.
Non solo, ma i nazisti cercarono di garantire che non ci sarebbe stato nessuno a sostituirli . Come afferma l'US Holocaust Memorial Museum: "Per impedire la nascita di una nuova generazione di polacchi istruiti, i funzionari tedeschi hanno decretato che la scuola dei bambini polacchi finisca dopo alcuni anni di istruzione elementare. L'unico scopo di questa scuola è insegnare loro semplici elementi di matematica ,   far  scrivere il proprio nome e  diffondere  la dottrina che  è legge divina obbedire ai tedeschi. . . . Non penso che la lettura sia desiderabile ", ha scritto Himmler nel suo memorandum del maggio 1940.
Considerando, quindi, che la Polonia era sotto diretto dominio nazista, che questo regime era spietato verso i civili polacchi, e che aiutare gli ebrei era un reato capitale, la costernazione della Polonia per essere accusata di complicità nazionale con i nazisti è ragionevole. 
Detto questo, la nuova legge è fuorviata e le sue ripercussioni sono agghiaccianti Come rilevato dalla Fondazione Helsinki per i diritti umani, la legge può scoraggiare la discussione su  alcuni aspetti della storia della Polonia a causa del rischio di dover affrontare sanzioni penali.Questo è molto probabilmente l'obiettivo dei nazionalisti polacchi, e quando i leader israeliani hanno preso di mira la legge non su questa base, ma sulla base della "complicità polacca" nell'Olocausto, stanno solo aiutandoli nei loro sforzi Tra tutte le risposte israeliane, la  condanna di Yad Vashem alla legge polacca si è distinta per la sua chiarezza e uniformità
"Yad Vashem, il World Holocaust Remembrance Center, si oppone alla nuova legislazione approvata dal parlamento polacco, che rischia di offuscare le verità storiche sull'assistenza che i tedeschi hanno ricevuto dalla popolazione polacca durante l'Olocausto, non c'è dubbio che il termine" I campi di sterminio polacchi "sono una falsa rappresentazione storica! I campi di sterminio sono stati istituiti nella Polonia occupata dai nazisti per uccidere il popolo ebraico nel quadro della" Soluzione finale ". Tuttavia le restrizioni sulle dichiarazioni degli studiosi e di altri riguardo alla  complicità diretta o indiretta  del popolo polacco con i crimini commessi sulla loro terra durante l'Olocausto, è una grave distorsione: Yad Vashem continuerà a sostenere la ricerca volta a denunciare la complessa verità sull'atteggiamento della popolazione polacca nei confronti degli ebrei durante l'Olocausto

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : . La soluzione a tre classi .

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri