Haaretz: Israele deve liberare Ahed Tamimi




Haaretz : Israel must free Ahed Tamimi


Sintesi personale


Tre donne della famiglia Tamimi sono detenute da Israele  fino a lunedì, per ordine del tribunale militare della Giudea. Ahed Tamimi è stata arrestata la scorsa settimana  Sua madre, Nariman, è stata successivamente arrestata con l'accusa di aver filmato le azioni di sua figlia  provocando così l'incitamento; Nour Tamimi è sospettato di aver partecipato all'incidente. Tutti e tre dovrebbero essere rilasciate immediatamente e gratuitamente. 

Questo è un requisito per l'uguaglianza  dato che questo è il modo di agire del governo nei confronti dei giovani coloni estremisti che a volte agiscono con maggiore violenza, maggiore disinvoltura e maggiori rischi per i soldati delle Forze di Difesa israeliane .  Ahed Tamimi, 16 anni,  è diventata un eroina popolare tra i palestinesi e in tutto il mondo. Ogni giorno  in più  di detenzione rafforzerà la sua immagine e causerà ulteriori danni a Israele. 

Lo stesso giorno suo cugino è stato colpito alla testa da soldati israeliani, Ahed è uscito nel cortile di casa con un parente e ha cercato di scacciare l'ufficiale e il soldato che stavano lì . Inizialmente  con parole e urla e più tardi con pugni e calci. I due soldati hanno dimostrato un rispetto lodevole e non hanno risposto agli attacchi. L'IDF ha ottenuto lodi  per il comportamento dei suoi soldati, incluso un articolo sul New York Times che ha elogiato la moderazione dei soldati. 

Come al solito, però, non è il mondo a interessare Israele, ma quello che gli estremisti di casa diranno. Sembra che Israele voglia respingere le critiche e lo sdegno espressi in Israele per la moderazione dimostrata dai soldati ,colpendo duramente la famiglia Tamimi.

Israele pagherà un prezzo pesante per la sua aggressione contro questa ragazza che resiste all'occupazione, che ha agito con una minima violenza verso i rappresentanti dell'esercito che hanno invaso la sua casa e in precedenza avevano ferito in modo critico suo cuginoLasciare Ahed Tamimi in prigione mostrerà ancora una volta  la violenza dell'occupazione israeliana.  
Non c'è e non c'è mai stata un'occupazione militare che non abbia suscitato una resistenza giustificata e comprensibile da parte degli occupati  e quella israeliana dura da 50 anni  e  non si vede la fine   all'orizzonte. Nell'ambito delle note possibilità di resistenza, Ahed Tamimi ha scelto la via meno violenta. 


A Tamimi e ai suoi parenti deve essere permesso di tornare a casa, e l'IDF deve riconoscere il valore della moderazione e incoraggiare i suoi soldati ad agire con la forza minima richiesta  soprattutto contro ragazze disarmate. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Jonathan Cooke : Tantura il massacro israeliano del 22 maggio 1948

GIDEON LEVY - LA POLIZIA ISRAELIANA HA INVESTITO UN ANZIANO PALESTINESE CHE PROTESTAVA CONTRO L'OCCUPAZIONE, POI È FUGGITA DAL LUOGO DELL'INCIDENTE

Violetta Silvestri Territori occupati, quell’apartheid che distrugge l’ambiente