Yehuda Bauer È il governo israeliano antisemita?





 Sintesi personale
Nel mondo occidentale la violazione dei diritti degli ebrei religiosi di  pregare secondo la propria  tradizione è considerata un chiaro segno dell'antisemitismo . Come è noto, il governo israeliano si è ritirato dall'accordo di consentire agli ebrei non ortodossi di pregare all'estremità meridionale del Muro Occidentale che non fa parte dello spazio controllato dagli ortodossi e dagli ultra-ortodossi. Possiamo quindi dire che il governo israeliano ha  adottato una politica antisemita?
È vero che la questione   è  complicata.
In ogni caso, la decisione di impedire agli ebrei di pregare è uno schiaffo in faccia da parte di un governo che presume essere ebraico, ma è controllato dagli Hionti e dai sionisti religiosi .
Qual è lo sfondo politico di questa situazione? I sionisti ortodossi e Haredim insieme costituiscono circa il 10 per cento dell'ebraismo mondiale. In Israele, questi due gruppi religiosi, secondo i dati e le indagini, rappresentano circa il 21 per cento degli ebrei israeliani (il 40 per cento si vede come secolare , il resto è  tradizionale con diversi gradi di osservanza religiosa.
I rappresentanti dei due partiti ultra-ortodossi nella Knesset (Shas e United Torah Judaism) dispongono di 13 posti, mentre il sionista religioso  Habayit Hayehudi  ne ha 8  ,in totale quindi  21 (17,5 per cento) di tutti i legislatori israeliani. Altri  sette Mc si identificano come religiosamente osservanti, ovvero un totale di 28 (o 23.3 per cento) di tutti i Mk. Quindi abbiamo una situazione in cui una piccola minoranza di Haredi e di ebrei religiosi-sionisti impedisce agli altri ebrei di godere della libertà di culto.
Inoltre  gli ebrei non ortodossi in Israele non possono sposarsi o divorziare, se non in un contesto ortodosso. La  negazione del diritto degli ebrei (non ortodossi)
di godere della loro libertà di base e di sposarsi secondo la loro visione del mondo
 è un fenomeno unico. Israele è l'unico paese occidentale in cui il governo adotta tali posizioni antisemite.
Allo stesso tempo stiamo assistendo ad un drammatico aumento dell'antisemitismo negli Stati Uniti che ospita quasi 6 milioni di ebrei. È altamente probabile che l'attuale amministrazione statunitense abbia liberato l'antisemitismo latente che negli Stati Uniti esiste . Il fatto che parte della famiglia del presidente Donald Trump sia ebraica non fa alcuna differenza . 
A parte sua figlia e genero, il suo governo include un segretario ebraico nel Tesoro e un esperto di economia ebraica. Non c'è niente di nuovo in questo fenomeno  usato  dagli antisemiti in quanto  conveniente per loro per diversi motivi. Ma ciò non impedisce che l'antisemitismo possa rafforzarsi .
L'ebreo americano in maggioranza  è liberale  sia in termini religiosi che politici, si  trova in una situazione molto difficile: a Charlottesville, i razzisti e i neonazisti non hanno dimostrato  contro i neri , ma contro gli ebrei (il sindaco di Charlottesville è ebreo). 
  L'identificazione parziale di Trump con questi manifestanti ("C'erano persone molto belle da entrambi i lati") ha creato  disagio.
Questo è stato espresso la scorsa settimana nella dichiarazione di organizzazioni che rappresentano i rabbini della riforma, del conservatori  che rifiuteranno di parlare con Trump se li chiama per il solito round di saluti  pre festivi . Il Consiglio Rabbinico Ortodosso d'America ha condannato i suprematisti bianchi e i loro sostenitori a Charlottesville, ma ha annunciato  di non poter rifiutarsi di parlare con il presidente degli Stati Uniti 
Gli ebrei liberali americani  non possono contare sul governo israeliano . Al contrario delle 
dure condanne pronunciate dai leader europei contro l'estrema destra di Charlottesville  il governo israeliano ha fatto una breve dichiarazione .
Non c'è niente di nuovo qui. Il governo israeliano ha risposto con dichiarazioni deboli contro le recenti affermazioni del  governo polacco e  ungherese  che ha giustificato il comportamento antisemitico di alcuni cittadini (Polonia) o del governo (Ungheria) durante l'Olocausto.in nome degli interessi economici e di sicurezza.
Sarebbe un'esagerazione dire che in Israele c'è un governo antisemita.,ma  probabilmente non sarebbe un errore dire che questo governo sta adottando una politica che mostra chiari segni di antisemitismo verso la stragrande maggioranza del popolo ebraico.
Il prof. Yehuda Bauer è uno studioso e consulente accademico dell'Olocausto di Yad Vashem, centro mondiale della memoria dell'Olocausto.

Yehuda Bauer
Haaretz Contribuente

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprendere la minacciosa ascesa dell'ultranazionalista partito di Israele

Nir Gontarz : I palestinesi potrebbero morire per mancanza d'acqua. 'Non posso aiutare. Sono occupato'

Haaretz: continua l'attacco a Gaza, missili in Israele e 25000 riservisti