lunedì 24 luglio 2017

Ambasciata di Israele ad Amman: due giordani uccisi e un israeliano ferito


 
 
 
 
 
Le forze di sicurezza di Amman hanno sigillato e messo sotto controllo il quartiere. Poche notizie date dalla polizia giordana. Il ministero israeliano degli esteri pone…
asianews.it

Amman (AsiaNews/Agenzie) - Due giordani sono stati uccisi e un israeliano ferito in un apparente attacco contro l’ambasciata israeliana nella capitale giordana. I due locali lavoravano per una ditta di mobili ed erano entrati nell’ambasciata prima degli spari. Le forze di sicurezza giordane hanno sigillato l’area (v. foto).
Per ora gli unici a comunicare dati sull’incidente sono la polizia e le forze di sicurezza giordana. Le autorità israeliane non hanno espresso alcun commento e hanno imposto un quasi silenzio stampa. Il portavoce del ministero israeliano degli esteri, Emmanuel Nahshon, ha detto che l’incidente è sotto “piena censura” e vieta a giornalisti israeliani e media accreditati in Israele di riportare l’accaduto.
Intanto il personale israeliano all’ambasciata di Amman è stato evacuato. Non si conoscono per ora le ragioni dell’attacco.
Nei giorni scorsi, il venerdì 21 luglio, richiamati da gruppi di sinistra e integralisti musulmani, migliaia di giordani hanno manifestato davanti all’ambasciata israeliana contro l’istallazione di metal-detector e telecamere per l’entrata sulla Spianata delle moschee nella Gerusalemme vecchia. La misura, dopo l’uccisione di due soldati israeliani, è vista dai musulmani come un’ingerenza nella gestione del luogo sacro, il più importante per l’islam dopo Mecca e Medina.
La Giordania è ufficialmente “custode” di questo luogo santo all’islam.
Lo scorso venerdì 21 luglio, migliaia di musulmani in Israele si sono rifiutati di passare sotto i metal detector e hanno pregato per le strade. Negli scontri con la polizia in diverse zone di Gerusalemme e dei territori occupati, sono stati uccisi tre giovani palestinesi.
Ieri papa Francesco ha lanciato un appello perché tutte le parti mettano in atto “moderazione e dialogo” e perché “il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”.





22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti
La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.


19/07/2017 08:54:00 ISRAELE - PALESTINA
Gerusalemme: scontri fra polizia e fedeli musulmani
Le violenze sono esplose alla fine della preghiera serale. I fedeli pregavano fuori dalla Spianata in protesta contro i metal detector. Fatah incoraggia il “Giorno dell’Ira”.


18/03/2014 ISRAELE-PALESTINA-GIORDANIA
Amman condanna l'escalation di Israele sulla Spianata delle moschee
Israele ha permesso la visita al ministro Uri Ariel, responsabile delle abitazioni e costruzioni, grande sostenitore degli insediamenti nei Territori occupati. Scontri fra giovani e soldati israeliani. Altri scontri sono avvenuti per aver limitato l'entrata di musulmani al di sotto dei 40 anni alla preghiera del venerdì. La Giordania teme maggiori violenze e crescita dell'estremismo religioso.

14/07/2017 09:15:00 ISRAELE - PALESTINA
Sparatoria a Gerusalemme: tre palestinesi morti e tre israeliani feriti
I tre assalitori palestinesi hanno aperto il fuoco alle 7:00, ferendo i tre poliziotti israeliani, per poi essere uccisi. Non sono ancora conosciute le identità.


25/05/2017 13:39:00 ISRAELE - PALESTINA
Nel giorno della sua 'riunificazione', Gerusalemme è più divisa che mai
Israeliani marciano per ricordare la presa dell’area est durante la Guerra dei sei giorni. Alcuni attivisti e palestinesi cercano di fermare la marcia, fermati dalla polizia. Scontri dentro e intorno alla Spianata delle moschee. Peace Now: usare il Monte del Tempio per motivi politici è un’altra form di colonizzazione, la maggioranza degli israeliani si oppongono a queste celebrazioni.


Nessun commento:

Posta un commento