giovedì 13 luglio 2017

Amazon pubblica in pagine vuote “Storia del popolo palestinese”

 

 

 

 

Questo nuovo libro di Assaf A. Voll, “pubblicista, redattore e specialista creativo” israeliano, riduce tre mila anni di storia e realizzazione della Palestina in 132 pagine vuote.

di Tom Suarez, 30 giugno 2017
Tradotto e adattato dall’ebraico da Alan Slater Volume Publishing; senza data
Video – ‘A History of the Palestinian People From Ancient Times to the Modern Era’ Assaf A. Voll

Questo nuovo libro di Assaf A. Voll, “pubblicista, redattore e specialista creativo” israeliano, riduce tre mila anni di storia e realizzazione della Palestina in 132 pagine vuote, ad eccezione di una bandiera palestinese in filigrana sovrapposta a colonne palestinesi / romaniche .
Il libro ha provocato una valanga di “recensioni” a cinque stelle su Amazon da parte di sionisti entusiasti e indignazione tra gli altri per la sua ovvia intenzione di essere un’arma razzista.
Quando Amazon, rispondendo alle denunce, ha rimosso il libro c’è stata nuova indignazione per la sua selettività. Come afferma JewishPress.com
Ipocrisia: Amazon rimuove il libro ‘Palestinian History’, continua a vendere ‘Protocols of the Elders of Zion’
In effetti l’affermazione del titolo è corretta: gli infami Protocolli sono facilmente disponibili su Amazon. Si potrebbe addirittura argomentare che, mentre un libraio privato e indipendente con un inventario specifico deve decidere quali libri soddisfano i criteri del negozio e meritano di occupare spazio sugli scaffali, Amazon è in realtà un common utility, un portale per qualsiasi cosa pubblicata e disponibile.




Amazon potrebbe rispondere mettendo un’avvertenza sul libro in elenco: Avviso: In conflitto con la descrizione dell’editore, questo libro è costituito da 132 pagine vuote. Non esiste alcun testo.
Invece ha tolto il libro mentre, come sottolineano i critici, vende riconosciute odiose falsità.
L’espediente di questo libro di ‘storia’ vuoto non è nuovo. Più di recente, a febbraio, un libro vuoto intitolato ‘Reasons To Vote For Democrats: A Comprehensive Guide’ ha riscosso successo raggiungendo un numero ad una sola cifra nella classifica delle vendite di Amazon. Il libro vuoto 2011 ‘Everything Obama Knows About the Economy’ è stato un altro grande successo di vendite. A un livello del tutto diverso, c’è poi da ricordare un libro concepito negli anni ’60 dal drammaturgo surrealista H.M. Koutoukas, intitolato ‘The Great Book of Lesbian Humor’, composto da 7 pagine vuote – se mai si fosse fatto.
Se questi quattro esempi sono identici nell’espediente, sono molto diversi nella loro chimica umana. Il tomo sui democratici e Obama può essere facilmente liquidato come vignetta di satira politica, offensivo solo per la sua monotonia. Con libro apocrifo di Koutoukas, sono in gioco l’intento dell’autore e le sensibilità mutevoli del pubblico e della società.
Ma ‘History of the Palestinian People’ è esplicitamente inteso per rafforzare la disumanizzazione di un intero popolo per lubrificare la macchina dell’oppressione e della pulizia etnica. Quello di cercare di cancellare la storia di una civiltà vivace e antica è comunque soltanto il suo secondo peggior crimine, il primo è l’implicita mentalità secondo cui la grandezza della storia dei propri predecessori determina il proprio ‘diritto’ a vivere la propria vita sulla propria terra.
La disumanizzazione è ovviamente stata una tattica standard del colonialismo di colonizzazione razzista per secoli – anzi, si può dire con sicurezza, millenni – ed è stata una caratteristica sempre presente nel sionismo. Può prendere una forma sottile ma insidiosa, come Ben-Gurion quando fa riferimento ai palestinesi come “arabi che si trovano in Palestina”, forma ovviamente grottesca, come questa vignetta del 1948 del noto illustratore e caricaturista politico Arthur Szyk – e una forma presumibilmente benigna, umoristica come il libro in questione, che rischia di essere difesa da grida contro il  ‘politicamente corretto’, mentre in verità è ingranaggio di una brutale campagna militare lunga 70 anni condotta da un movimento più che centenario di razzialnazionalismo.
Traduzione Simonetta Lambertini – invictapalestina.org
Fonte http://mondoweiss.net/2017/06/palestinian-dehumanize-subjugate/?utm_campaign=trueanthem&utm_content=5957b26104d3010998f58b7b&utm_medium=social&utm_source=facebook

Nessun commento:

Posta un commento