sabato 22 luglio 2017

Aluf Benn : Messaggio di Netanyahu al mondo: accettare Israele come è con l'occupazione e gli insediamenti

Sintesi personale

Aluf Benn Netanyahu’s Message to the World: Accept Israel as It Is, Occupier and Settler




Il  "discorso di Budapest" del primo ministro Benjamin Netanyahu, dove ha invitato l'Europa a smettere di sostenere i palestinesi, è stata la più chiara espressione della sua visione del mondo.  I leader della Polonia, della Slovacchia e della Repubblica Ceca hanno voluto incontrarlo accanto al suo ospite ungherese.

In un forum semi-chiuso  Netanyahu  ha abbandonato la correttezza politica   Non ha parlato  di "pace" o di "soluzione a due stati", ma del potere crescente di Israele nel costituire  alleanze con altri paesi, un messaggio ripetuto in tutti I suoi discorsi dell'ultimo anno.
A Parigi  Netanyahu ha sorpreso nel criticare duramente l'amministrazione  Trump. Ha accusato il suo amico nella Casa Bianca di mettere in pericolo gli interessi di sicurezza di 'Israele con  l'accordo di cessate il fuoco russo-americano nella Siria meridionale

. Netanyahu parlava in questo modo di Barack Obama e del suo accordo nucleare con l'Iran,
Dopo otto anni di rotture con Obama ci si  sarebbe aspettato che Netanyahu e Trump risolvessero  tranquillamente le loro differenze e non rivelassero le crepe del loro rapporto.  Netanyahu non ha mostrato  alcuna inquietudine nel criticare  l'accordo di Trump con la Siria  ed ha anche pubblicamente disprezzato l'iniziativa di pace del presidente.
Cosa è successo? Netanyahu apparentemente sente Trump  debole e isolato, ha difficoltà a funzionare e, soprattutto, non ha alcun controllo sul Congresso, il bastione di supporto di Netanyahu. Questa settimana  alcuni ribelli repubblicani nel Senato hanno annullato la legge  sanitaria di Trump, lasciando così  quella di Obama Netanyahu comprende la politica e sa che  anche in questa situazione non ha nulla da temere . Sa che il  Congresso ostacolerà ogni tentativo di Trump di imporre "l'affare ultimo" con i palestinesi su Israele.
La base per l'attivismo diplomatico di Netanyahu scaturisce dalla  valutazione che l'America stia diventando sempre più debole e si ritragga gradualmente dal Medio Oriente.
L'America non dipende più dal Medio Oriente per la sua fornitura. L'opinione pubblica è isolazionista, contraria alle guerre lontane da casa. Le fratture interne dell'America sono profonde e crescenti.  Forse il sostegno bipartisan non è più possibile quando gli americani sono così divisi su tutto. È meglio avere il sostegno dei repubblicani, dal momento che il loro controllo sul Congresso sembra certo .Netanyahu vede la comunità cristiana come il bastione di sostegno più importante  per Israele in America, accanto agli ebrei ortodossi. Le sue recenti decisioni contro i movimenti della Riforma e dei Conservatori  riflettono un disimpegno strategico dagli ebrei liberali americani. Netanyahu vede l'ebreo liberale come un fenomeno transitorio che scomparirà da solo nell'arco  un'altra generazione. .Questo è il messaggio di Netanyahu: chiunque voglia sostenere Israele deve accettarlo come è  con l'occupazione e gli insediamenti. Chiunque accetta Israele solo nelle linee precedenti al 1967, come l'Unione europea, è "pazzo"

Nessun commento:

Posta un commento