venerdì 26 maggio 2017

MIKO PELED :L’imperatore visita le province.

Israele tira un sospiro di sollievo, mentre Trump lascia la regione  e senza una proposta di  “accordo”  gli permette di continuare a uccidere, trasferire, arrestare e torturare i palestinesi, prendere la loro terra e l’acqua per darli agli ebrei. La visita di Trump a Gerusalemme è stata come la venuta di Cesare in visita nelle province lontane. Israele lo ha accolto con sorrisi, bandiere e una parata militare perfettamente organizzata, mentre i palestinesi hanno manifestato il loro stato d’animo mettendo in atto uno sciopero generale – il primo sciopero che  dopo oltre venti anni ha incluso anche la Palestina del 1948 . Lo sciopero e le proteste, il cui significato ha raggiunto  probabilmente  Trump, è stata  anche una dimostrazione di solidarietà nei confronti dei prigionieri in sciopero che a questo punto sono  senza cibo da quasi quaranta giorni.
Trump è arrivato a  Tel Aviv dall’Arabia Saudita dove ha annunciato un accordo tra i due paesi che sicuramente porterà alla morte di molti innocenti nello Yemen. Vicino  al corrotto e invecchiato  Re saudita Salman, Trump ha annunciato che l’accordo sulle armi vale molti miliardi di dollari e ha assicurato che questo accordo porterà investimenti negli Stati Uniti e fornirà “lavoro, lavoro, lavoro,” per gli americani.
A Gerusalemme i media non hanno potuto e tuttora non riescono a ottenere abbastanza da Trump. Nessuno si è  lamentato del fatto che, sebbene Trump abbia raggiunto Gerusalemme in volo da Tel Aviv, l’autostrada che collega le due città è stata chiusa per parecchie ore “per sicurezza”. In un notiziario mattutino un gruppo che comprendeva l’intero schieramento politico sionista ha discusso la visita di Trump ed è risultato ovvio dalle loro discussioni chi  effettivamente comanda qui. Trump non rappresenta i  sionisti liberali “sani”,  né  il Likud del “centro destra”, ma piuttosto la fanatica e allucinante Daniella Weiss, la voce  dei più estremisti e fanatici coloni osservanti.


Ha esordito affermando che Trump non avrebbe portato alcun cambiamento, perché anche Trump , bravo a stipulare accordi, non può annullare ciò che è stato concordato tra Dio e il popolo ebraico quando  promise a “noi” la terra d’Israele. Poi ha dichiarato che ora ci sono 750.000 ebrei che vivono in Giudea e Samaria, e nessuno di loro potrà  o sarà mai rimosso.
“Che ne pensa dei circa tre milioni di palestinesi?”, le è stato chiesto.  Ha risposto chiaramente che non fanno parte della sua visione messianica. Il numero tre milioni è quello che i sionisti considerano come il numero degli abitanti palestinesi. Benché in Palestina vivano più di sei milioni di palestinesi, vengono presi in considerazione solo i palestinesi della Cisgiordania. Weiss è stata contestata da Omer Bar-Lev, veterano del gruppo liberista sionista Peace Now e membro della Knesset per il partito “Zionist Camp”, che con fervore ha affermato che “persone come lei stanno distruggendo la visione sionista” perché forzano una realtà in cui gli ebrei non saranno più una maggioranza e finirà in uno stato bi-nazionale (questo è il risultato della “sinistra”).


La differenza tra fanatici zelanti come Daniella Weiss e i liberisti sionisti è che i primi non vedono i palestinesi mentre questi ultimi hanno l’incubo ricorrente in cui Israele è costretto a concedere ai cittadini dei diritti di cittadinanza. Entrambe le parti credono che finché i palestinesi non avranno diritti Israele potrà pretendere di essere uno Stato ebraico.
I sionisti liberali sostengono che perché ci sia la “pace” gli ebrei debbano poter mantenere una maggioranza nella Palestina occupata nel 1948 e pochi “adeguamenti”  dei confini. Quella che gli ebrei liberali considerano  pace è una grande prigione palestinese a cielo aperto che si estende lungo quella che un tempo era la Cisgiordania. Chiameranno questo carcere uno stato e tutto andrà bene. Questo è secondo loro ciò che salverà gli ebrei dal dover vivere in mezzo ad una maggioranza araba. In questa visione pacifica e liberale, la maggior parte della Cisgiordania rimarrà parte di Israele. “Il consenso nazionale”, ha affermato Bar-Lev, “è che i principali blocchi di insediamenti rimangano”. Inoltre, secondo il consenso nazionale, tutta la valle del fiume Giordano e tutta Gerusalemme Est con i suoi sobborghi – o in altre parole la maggior parte di quello che era la Cisgiordania – rimarrà come parte di “Israele”.
Daniella Weiss rappresenta il vero volto del sionismo che ha sempre sostenuto che gli ebrei non dovrebbero preoccuparsi di  cose banali come di alcuni milioni di arabi. Bar-Lev, che comandava una delle unità più criminali di Israele, rappresenta la foglia di fico che copre il vero volto del sionismo. Quando si viaggia nella regione montuosa a sud di Hebron, che è per lo più un deserto bello e selvaggio, si avvistano città palestinesi e piccoli villaggi e si vede l’azione sionista in azione. I villaggi palestinesi sono piccoli, quindici o venti famiglie che vivono in grotte e tende, alcuni hanno costruito case. Di solito non c’è acqua corrente o elettricità e pochissime strade asfaltate. Anche dopo cinquant’anni di controllo israeliano, l’acqua, l’elettricità e le strade asfaltate non hanno raggiunto queste aree remote finché non sono arrivati  i coloni ebrei. Non appena sono arrivati hanno cacciato i palestinesi dalla loro terra e hanno costruito “avamposti” che sono come piccoli insediamenti. Poi, miracolosamente, sono arrivate l’acqua corrente, l’elettricità e strade ben asfaltate che però non hanno raggiunto nessuno dei villaggi palestinesi circostanti.
È così che gli ebrei fanno fiorire il deserto.
“Possiamo sentir dire che Trump è un grande amico”, ha detto un operatore Likud alla televisione. “Parla di pace e naturalmente anche noi vogliamo la pace, ma non abbiamo alcun partner per la pace”.
Così, mentre Trump parla di un “accordo” possiamo leggere i segnali.” I segnali sono il genero come nuovo ambasciatore degli Stati Uniti, che è un vero sionista come Daniella Weiss. Sono stato rimproverato una volta per aver affermato che il genero è ebreo, come se non avesse importanza, ma se qualcuno pensa che l’essere ebraico di Jared Kushner non sia importante, può chiedere a qualsiasi israeliano per strada. Vi diranno esattamente che cosa è un “buon amico” di Israele e quanti soldi la sua famiglia ha dato agli insediamenti e all’IDF.
Jared Kushner con la moglie Ivanka e il suocero, Donald Trump
Quindi, per riassumere la politica in Medio Oriente di Trump, la dinastia saudita è al sicuro e può continuare a uccidere i civili nello Yemen usando le migliori tecnologie in grado di acquistare e, in tal modo, fornisce anche 


“lavoro, lavoro, lavoro, ” agli americani. Trump è un grande amico di Israele, siamo tutti d’accordo sul fatto che Israele non ha partner per la pace e, a differenza di Obama, Trump sembra non mettere restrizioni all’espansione e alla campagna di pulizia etnica di Israele.
È una grande giornata per Israele quando l’imperatore viene in visita!


Israele respira un sospiro di sollievo, mentre Trump lascia la regione e senza una proposta di “accordo” gli permette di continuare a uccidere, trasferire, arrestare e torturare i palestinesi, prendere la loro terra e l’acqua per darli agli ebrei. La…
invictapalestina.org

Trad. Invictapalestina.org
Fonte: https://mikopeled.com/2017/05/24/the-emperor-visits-the-provinces-by-miko-peled/

Nessun commento:

Posta un commento