giovedì 4 maggio 2017

BDS: il Boogeyman preferito di Netanyahu

manipolatehttp://forward.com/opinion/370547/bds-netanyahus-favorite-boogeyman/

Focusing on the BDS movement is a Netanyahu-led strategy designed to distract those of us who care about Israel yet oppose the occupation.
forward.com


BDS: il Boogeyman preferito di Netanyahu

 Sintesi personale

Sono passati cinquant'anni dalla Guerra dei Sei Giorni  e dall'inizio dell'occupazione di Israele della Cisgiordania e di Gaza. Per coloro che sostengono la soluzione di due Stati e che lavorano per la fine dell'occupazione, questo anniversario è un'opportunità per riflettere e rinnovare l'attenzione.
Cinquant'anni di occupazione hanno devastato i palestinesi e hanno  corroso la democrazia israeliana. Almeno il novanta per cento dei palestinesi in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est sono nati sotto l'occupazione;  I palestinesi non hanno visto un'elezione presidenziale dal 2005; i  tentativi di ogni amministrazione americana di mediare la pace sono falliti. 
  Tutto ciò ha lasciato gli israeliani e i palestinesi cinici e spaventati e meno disposti a rischiare per la pace.
Le prospettive di una soluzione al conflitto oggi come oggi è così difficile e cupo che si è tentati  di rinunciare completamente alla speranza, eppure la storia ci dice che i conflitti  finiscono. La Francia e la Germania hanno ora una moneta e le frontiere aperte, l'apartheid sudafricano è finito, l'Irlanda del Nord non è più torturata dalla violenza settaria e gli Stati Uniti ora chiamano il  Giappone uno dei suoi " alleati più forti ". Le risoluzioni di questi conflitti  sono imperfetti, ma  ci ricordano che il conflitto tra i palestinesi e gli israeliani e l'occupazione dei territori palestinesi possono
finire  
Terminare l'occupazione richiederà un enorme sconvolgimento dello status quo e sarà un lungo processo. Non ci sono correzioni rapide e nessuna strategia singola porterà al successo.
Il governo ultranazionalista israeliano lavora per  rafforzare l'occupazione e diventare permanente. I potenti partner della coalizione hanno sollecitato il primo ministro Netanyahu unilateralmente ad annettere  alcune parti della Cisgiordania e  a rovesciare l'Autorità palestinese , il primo ministro  è abbastanza esperto per capire che tali mosse aggressive potrebbero sconvolgere il suo potere. Invece,
 ha perseguito una serie di politiche intese a cancellare progressivamente la linea verde.


Nel 2010, la Knesset ha confermato una legge che la rende un reato civile per un israeliano  chiedere, partecipare o sostenere pubblicamente qualsiasi boicottaggio in Israele "o in qualsiasi area sotto il suo controllo" ,ossia gli  insediamenti israeliani nei territori palestinesi. Questa legge è stata destinata a punire gli artisti israeliani e le icone culturali che,,considerando   gli insediamenti una minaccia per  i  due stati e per la  democrazia, hanno chiesto pubblicamente ai loro colleghi di impegnarsi In un pacifico e non-violento boicottaggio nei territori compresi nella  linea verde. E il mese scorso  la  Knesset ha approvato un divieto di viaggio che   punisce coloro che sostengono pubblicamente un boicottaggio in Israele e  in qualsiasi "area sotto il suo controllo".
In Israele, gli insediamenti rimangono una questione incredibilmente controversa, e non c'è consenso nazionale  e quelli che si oppongono considerano un loro diritto  chiedere un boicottaggio. La  loro posizione echeggia fuori di Israele .
  L'amministrazione di Obama ha ritenuto che gli insediamenti sono "illegittimi"; l'amministrazione di Trump ha affermato che la loro espansione  "potrebbe non essere utile".
. Il diritto internazionale considera illegali gli insediamenti. Anche le Federazioni Ebraiche dell'America del Nord vietano il finanziamento "di costruzione o di manutenzione di strutture " sulla Linea Verde, anche se permettono il finanziamento  "dei servizi sociali per gli ebrei bisognosi ovunque siano nel mondo". La maggior parte del mondo e praticamente tutti gli amici più stretti di Israele considerano gli insediamenti  fondamentalmente distinti  dal territorio compreso nella  linea verde.
Il movimento globale per il boicottaggio  (BDS) non fa alcuna distinzione . I sostenitori del BDS credono che tutta la società israeliana sia complice  dell' 'occupazione; Molti sostengono "un boicottaggio completo di Israele", comprendendo  le istituzioni accademiche e culturali.
A causa di questo il BDS è diventato il bogeyman preferito utilizzato da Netanyahu e dai suoi alleati per nutrire la paura profonda nella base che lo vota . La  paura di essere individuati, perseguitati e attaccati  verrà rievocata  il giorno delle elezioni.

I membri del  governo israeliano hanno trasformato il BDS in un raduno. Netanyahu lo ha definito una "minaccia strategica",versando  milioni di dollari  per combattere il BDS . Molte  organizzazioni ebraiche americane stanno  raccogliendo fondi
 contro il BDS 
Considerare  il movimento BDS come punto focale    è una strategia guidata da Netanyahu, destinata a distrarre quelli di noi che si preoccupano di Israele e lavorano per opporsi all'occupazione. Quelli di noi che non sostengono il movimento globale BDS dovrebbero prestare attenzione a non cadere nella trappola del governo di Netanyahu. Invece, dobbiamo finalizzare la nostra energia in altre tattiche che riteniamo possano  aiutare a porre fine all'occupazione e portare alla democrazia, all'uguaglianza e ai diritti umani per tutti, per esempio rafforzando i gruppi israeliani della società civile che lavorano per trasformare il proprio governo e la società dall'interno.
Netanyahu concentra la discussione sul BDS perché non vuole che parliamo dell'occupazione.Gli americani sono complici della strategia di Netanyahu quando evitano  o silenziano  le discussioni . Quando definiscono l'opposizione all'ioccupazione  "anti-Israele", quando proibiscono  alle  organizzazioni anti-occupazione di parlare nei campus, quando rifiutano  di menzionare l'occupazione nelle sinagoghe. In tal modo si aiuta e si favorisce lo smantellamento della democrazia israeliana
  Coloro che vogliono vedere la fine di questo conflitto non dovrebbero  giocare con le  strategie del governo pro-occupazione. Si sta avvicinando  questo 50 ° anniversario, l'occupazione non deve rimanere avvolta nell'oscurità.
Daniel Sokatch è Amministratore Delegato del Fondo New Israel , che promuove la democrazia e l'uguaglianza per tutti gli israeliani.

Nessun commento:

Posta un commento