lunedì 10 aprile 2017

Palestinesi :Quando potrò mettere un fiore sulla tomba di mio figlio?


 
 
 
More than 120 Palestinians are buried in unnamed graves, Israel has admitted.
electronicintifada.net
 
 Sintesi personale
 
Di Budour Youssef Hassan
The Electronic Intifada
Gerusalemme 8 Aprile 2017

La Festa della mamma ha assunto una nuova dimensione per Ibtisam al-Aghwani.
Su di sé  sente un “grande senso di responsabilità” nei confronti di suo figlio Louay. “Mi ha sempre dato fiori e un grande abbraccio in quel giorno,” ha detto. “Adesso voglio avere la possibilità di mettere i fiori sulla sua tomba.”
Ibtisam non sa esattamente cosa  sia  successo a suo figlio.
Nel febbraio 2008, è stato riferito che Louay e un altro combattente palestinese avevano effettuato un attentato suicida a Dimona .
Le forze israeliane avevano sparato e ucciso uno dei combattenti   che, come riferito, non era riuscito a far esplodere la sua cintura esplosiva . Un cittadino israeliano è stato ucciso nell'attentato .
Dubbi sono stati rapidamente manifestati se Louay era stato coinvolto in questo incidente. Il giorno seguente Hamas ha rivendicato la responsabilità per l'attentato dichiarando l'appartenenza degli attentatori alla città di Hebron .

Louay era cresciuto a Gaza City. Egli non era affiliato ad Hamas, ma al suo rivale Fatah e al braccio armato di quel partito, le Brigate dei Martiri di al-Aqsa .
Non sapevo se credere alla notizia o no”, la madre, Ibtisam, ha detto al telefono. “Ma ho specificato a suo padre che finché non avessimo visto il suo corpo o il suo luogo di sepoltura, non  avremmo creduto che lui fosse morto.”
  Per quattro anni, ha cercato qualsiasi informazione che potesse portare a capire la sorte di suo figlio.
Alla fine,un funzionario del Comitato internazionale della Croce Rossa le ha detto nel 2012 che Louay era sepolto in uno dei cimiteri “di numeri” di Israele .
Questi sono cimiteri anonimi - designati come zone militari chiuse - dove Israele seppellisce le persone che descrive come "nemici combattenti". Le persone sono identificate solo da numeri incisi su lastre di metallo.
È impossibile conoscere il numero preciso dei corpi sepolti in questi cimiteri. Secondo il Centro di assistenza legale e per i diritti umani di Gerusalemme , ci sono almeno 268 palestinesi in quei cimiteri. Questa cifra non comprende i 19 palestinesi che sono stati uccisi nel corso dell'attacco a Gaza nel 2014 e i cui corpi non sono ancora stati restituiti alle famiglie.
L'esercito israeliano ha dichiarato che ci sono 123 palestinesi sepolti in questi cimiteri. La dichiarazione è stata fatta nel corso di un'audizione dell'alta corte israeliana nel marzo di quest'anno.
L'udienza ha fatto seguito ad una causa intentata dal Centro di assistenza legale e per i diritti umani di Gerusalemme in nome delle famiglie di oltre 100 combattenti palestinesi. Le famiglie chiedono che Israele divulghi i luoghi di sepoltura dei combattenti, la loro identificazione attraverso il test del DNA e di restituire i loro corpi per la sepoltura.
Nel mese di marzo, l'Alta corte ha ordinato che entro tre mesi  l'esercito israeliano avrebbe dovuto identificare tutti i corpi sepolti in questi cimiteri.

Mufid Naalwa da Tulkarem in Cisgiordania è alla ricerca di suo fratello, Kamal da quasi 34 anni.
Trentaquattro anni è un tempo molto lungo”, ha detto Mufid. “Ma noi non lo dimenticheremo neanche tra 100 anni. Dico sempre ai miei figli  che era coraggioso e ha combattuto per la giustizia e la libertà, in modo che la sua memoria possa continuare a vivere in mezzo a loro quando morirò “.
Kamal aveva venticinque anni quando è diventato un combattente con l' Organizzazione per la Liberazione della Palestina . Nel corso del 1980 ha resistito all'invasione israeliana del Libano .
Nel mese di agosto del 1983 Kamal è stato ucciso dai militari israeliani nella cittadina libanese al-Mukhtara.
“E 'morto tra le mie braccia”, ha detto il suo amico e compagno Hamid Ali Barho.
Barho è  'stato arrestato  e detenuto ad Ansar, un centro di detenzione nel sud del Libano.
Tre mesi più tardi era tra 5.000 prigionieri rilasciati come parte di un accordo di scambio . I prigionieri sono stati rilasciati in cambio della consegna dell' OLP di più di sei soldati israeliani catturati.
Barho ha appreso attraverso la Croce Rossa che Kamal era stato sepolto in un “cimitero di numeri.
Barho ora vive nella città cisgiordana di Ramallah . Gli è stato permesso di tornare in Palestina dopo gli accordi di Oslo nel 1990.
● Merce di scambio?
Così come ha seppellito i palestinesi in tombe senza nome, Israele ha tenuto molti corpi negli obitori per lunghi periodi.
Dopo una rivolta palestinese iniziata nel mese di ottobre 2015, Israele ha ritardato la consegna dei cadaveri delle persone uccise dalle sue truppe. Circa 140 cadaveri sono stati tenuti negli obitori e poi quasi tutti consegnati alle famiglie .
  Israele conserva ancora i cadaveri di otto palestinesi, quattro dei quali sono di  Gerusalemme .
Gli otto corpi sono quelli di Abd al-Hamid Abu Srour , Muhammad al-Faqih , Muhammad Tarayra , Rami Awartani , Misbah Abu Sbeih , Fadi Qunbar , Ibrahim Matar e Siham al-Nimir .
Nel gennaio di quest'anno il governo israeliano ha deciso di trasferire i corpi nei  “cimiteri dei numeri.”
È stato suggerito che i corpi potrebbero essere utilizzati come merce di scambio nei negoziati volti a garantire il ritorno dei soldati israeliani o dei loro cadaveri presumibilmente tenuti da Hamas a Gaza.
L'Alta corte israeliana ha emesso un'ingiunzione contro una tale mossa a marzo, tuttavia. Il tribunale ha ordinato all'esercito israeliano di fornire una giustificazione entro 45 giorni per la sua decisione di mantenere i cadaveri dei palestinesi.
“Non abbiamo mai contato sui tribunali israeliani per darci la giustizia”, ha detto Azhar Abu   in attesa che Israele consegni il corpo di suo figlio Abd al-Hamid. “Ma io sono , ovviamente, sollevata dal fatto che non hanno trasferito il corpo di mio figlio nei cimiteri dei numeri. Il fatto che ad Israele sia permesso di imprigionare i nostri figli, anche dopo la loro morte è un crimine in sé e per sé “.
Abd al-Hamid Abu Srour, un residente del campo profughi di Aida a Betlemme , è morto nel mese di aprile 2016, come riferito, per le ferite subite durante un attacco su un autobus a Gerusalemme.
Azhar sta conducendo una campagna per la liberazione di tutti i corpi dei palestinesi  Lei sta progettando di continuare a fare una campagna anche dopo che il corpo di suo figlio verrà restituito.
“Non posso  immaginare come si sentono le famiglie i corpi dei i cui figli sono nei cimiteri dei numeri

Nessun commento:

Posta un commento