domenica 12 marzo 2017

Gideon Levy : La Corte israeliana ha chiesto ai genitori palestinesi di provare che il ragazzo imprigionato è un amputato



 Sintesi personale

Gideon Levy : Israeli court asked Palestinian parents to prove jailed boy is an amputee



Un ragazzo amputato arrestato dai soldati nel cuore della notte nel campo profughi dove vive la nonna. Un ragazzo amputato picchiato durante l'interrogatorio sulla schiena e sulla gamba, fino a quando la sua protesi va fuori fuori posto. Un ragazzo amputato in una prigione militare.
Gli interroganti si sono ritratti con orrore alla vista della protesi  la madre precisa , riferendosi a ciò che suo figlio le ha detto quando lo ha incontrato in un tribunale militare, durante la sua audizione . Per  quattro giorni è stato tenuto  in una prigione militare.
Due giorni fa, mercoledì, è stato finalmente rilasciato senza cauzione.
Il ragazzo amputato era stato già detenuto in una prigione militare 18 mesi prima,  dopo essere stato colpito ad entrambe le gambe dai soldati israeliani. Era  stato ricoverato per due mesi e mezzo all'Hadassah Medical Center di Ein Karem, Gerusalemme, i medici non avevano avuto altra scelta che amputargli una gamba. Il ragazzo amputato aveva 12 anni quando è stato ferito ed ora ne ha 14.
  I suoi genitori, Rada e Ahmed, entrambi di 35 anni, vivono a Betlemme, ma Issa è stato arrestato giovedi scorso nel vicino campo profughi di Deheisheh, fuori dalla casa di sua nonna malata, dove lui e Rada stavano passando la notte. Negli ultimi mesi le figlie della ottantenne Nonna Amina , costretta a letto ,facevano a turno   per dormire lì.
E 'lì che abbiamo incontrato Rada questa settimana. Sua madre si trova immobile in un letto di ferro accanto alla parete del soggiorno. Di tanto in tanto il sudore le viene asciugato dal viso, a volte sussurra qualcosa. Lei è affetta da elefantiasi.
. Issa è il suo primogenito; lei ha altri due figli e una figlia. Le prove degli ultimi anni l'hanno esaurita.
Deheisheh, a sud di Betlemme, è un campo profughi misero e affollato. La casa della nonna si trova al secondo piano di un edificio vicino alla grande moschea del campo. A mezzogiorno i vicoli sono pieni di bambini e molti giovani che non hanno un posto dove stare. Le pareti ovunque sono coperte di graffiti militanti . Ogni straniero suscita sospetti istantanei e sguardi ostili.
Issa è stato  ferito nel settembre 2015. Era un venerdì, e Issa e suo fratello minore (di un anno), Adnan, erano sulla strada  vicino alla barriera di sicurezza intorno alla città. Sentendo che gli scontri erano in corso vicino alla Tomba di Rachele, si affrettarono lì. Verso sera  Issa è stato colpito in entrambe le gambe  dal  fuoco vivo da soldati israeliani.
 La ferita alla gamba destra era molto grave.
 Issa è stato arrestato e, secondo la madre, detenuto per mezz'ora prima che l'ambulanza israeliana lo portasse all' Hadassah.  Nei  primi 28 giorni del suo ricovero in ospedale, Issa è stato in  detenzione con entrambe le mani incatenate al suo letto. In una mossa rara, alla madre è stato concesso di stare con lui,  forse a causa della gravità della lesione e della sua giovane età.
Durante la seconda settimana   i soldati l'hanno anche lasciata dormire nel letto accanto al suo . Lei non ha lasciato il capezzale di Issa durante quel periodo. Suo marito, che lavora  in un insediamento nelle vicinanze, si occupava degli altri bambini, tra cui un neonato di 10 settimane insieme con la madre . 
   Dopo quattro settimane   Issa, che ancora aveva bisogno di essere ricoverato in ospedale, è stato rilasciato dalla detenzione su una cauzione di 2.000 shekel (circa $ 500).
Durante il suo ricovero in ospedale, la sua gamba destra è stata amputata 
  I medici apparentemente hanno fatto ogni sforzo per salvare la gamba, ma la cancrena li ha costretti a tagliarla sotto il ginocchio. Issa è stato dimesso dall'ospedale il 1 ° dicembre 2015.
Musa Abu Hashhash, un ricercatore di campo per B'Tselem, dichiara di non aver  mai incontrato un ragazzo così disperato come lo era Issa  quando ha lasciato l'ospedale, paralizzato per tutta la vita. "Era il ragazzo più triste che io abbia mai visto in vita mia. Non dimenticherò mai quella vista "
     Lo scorso agosto, si è deciso di mandarlo in un ospedale di riabilitazione a Detroit, Michigan, per una protesi della gamba, con le spese coperte da una Ong .
A 13 anni Issa è stato inviato negli Stati Uniti da solo. Una famiglia palestinese a Detroit lo ha aiutato in ospedale. Una foto scattata in America lo mostra con un sorriso schivo, la sua nuova gamba non ancora montata. È tornato circa un mese più tardi con la protesi
Quest'ann   Issa è tornato a scuola. La vita a poco a poco ha ripreso una parvenza di normalità per questo ragazzo disabile palestinese di  famiglia povera. Secondo Rada, però, è diventato un ragazzo teso, irritabile, che litiga con tutti e poi si chiude per ore nella sua stanza. Egli piange lì? Lei non lo sa.
Circa alle 02:00 di giovedi scorso  Rada si è svegliata in casa di sua madre per i suoni di granate assordanti che venivano sparate e l'odore acre dei lacrimogeni che entravano  in casa dalla strada. Le forze speciali hanno fatto irruzione nel campo profughi quella notte, in una delle frequenti operazioni della Forza di Difesa di Israele per arrestare i residenti locali. Come sempre, gli scontri sono scoppiati tra i giovani ed i soldati.
Dopo un po'sembrava a Rada che i soldati se ne fossero andati  ed è uscita con Issa, che si era ovviamente svegliato, ma  le forze speciali erano ancora lì. Rada non ha idea di ciò che è accaduto nel buio della notte, ma Issa ad un certo punto è stato arrestato insieme ad altri sei giovani. Suo figlio era il più giovane del gruppo. Al mattino  venne a sapere che era stato portato per essere interrogato nella struttura di Etzion e da qui alla prigione di Ofer.
All'Unità del portavoce dell'IDF è stato chiesto di rispondere alle seguenti domande questa settimana:
1. Perché Issa al-Mouati è stato arrestato?
2. I soldati che lo hanno arrestato  sapevano che lui è un amputato ?
3. Erano i suoi interroganti consapevoli di questo?
4. Ha detto al suo avvocato che è stato colpito sulla schiena e hanno preso a calci la protesi della sua gamba La vostra risposta?
5. Forse la corte che lo aveva in custodia cautelare al carcere di Ofer domenica ,non sa che lui è un amputato?

L'Unità del portavoce dell'IDF ha fornito la seguente risposta: "Alle 03:00 del 2 marzo 2017, durante l'attività operativa delle forze di sicurezza nel campo profughi Deheisheh,  i palestinesi,  hanno lanciato pietre, bottiglie molotov e granate improvvisate ai soldati . Le forze hanno arrestato un certo numero di individui, tra i quali Issa al-Mouati,  uno dei partecipanti  attivi  . La situazione medica di Issa non era nota  ed è stato trasferito per continuare gli interrogatori ".
Domenica scorsa, l'avvocato di Issa, Tareq Barghout, ha chiesto che il ragazzo fosse rilasciato, a causa della sua disabilità. L'accusa ha obiettato. Si è convenuto che la famiglia avrebbe presentato documentazione medica alla corte dimostrando che è un amputato. Dopo o sei giorni di carcere, è stato finalmente mandato a casa.
La polizia di Israele ha affermato che "il sospetto è stato arrestato per aver lanciato pietre Il sospetto ha partecipato attivamente a questa attività, nonostante la sua disabilità.
Dopo il suo arresto, è stato arrestato per essere interrogato dalla polizia, e la corte ha esteso la sua custodia cautelare.
 Pochi giorni fa è stato rilasciato con restrizioni. Una indagine ha accertato che nessuna forza è stata utilizzata durante gli interrogatori A causa di un reclamo sollevato per quanto riguarda il suo stato di salute, è stato chiesto di fornire documenti medici che consentano il trattamento durante la sua detenzione. . "
Gideon Levy
Haaretz Correspondent


Nessun commento:

Posta un commento