lunedì 6 marzo 2017

Coloni israeliani avvelenano campi coltivati e sradicano ulivi palestinesi a At-Tuwani

La mattina del 5 marzo, un contadino palestinese ha trovato parte dei suoi campi avvelenati dai coloni israeliani. Gli stessi hanno anche stradicato 15 ulivi, piantati negli ultimi mesi. Le coltivazioni avvelenate si trovano tra il villaggio Palestinese di At-Tuwani e la colonia israeliana di Ma’on.
Questo tipo di danni, provocati dalle forze israeliane e dai coloni, sono parte di una strategia per espropiare i palestinesi dalle loro terre. Il proprietario palestinese dei campi ha sporto denuncia alla polizia israeliana, che si è recata sul luogo insieme all’amministrazione civile, ma si troverà a dover affrontare la realtà giuridica dell'occupazione israeliana: come riportato dall’ organizzazione israeliana Yeshdin, l’85% delle indagini relative a reati ideologicamente motivati contro i palestinesi sono chiuse a causa del fallimento delle indagini della polizia israeliana. Solo il 1,9% delle denunce presentate dai palestinesi porta a una sentenza di condanna. Nell’ultima settimana i coloni israeliani hanno danneggiato anche un pozzo, nel villaggio palestinese di Magayr Al Abeed


 
UPDATE: Israeli settlers poison Palestinian crops and uproot olive trees in At-Tuwani

Nessun commento:

Posta un commento