domenica 1 gennaio 2017

Matt Kennard :I crudeli esperimenti dell' industria degli armamenti di Israele nei Territori occupati

Sintesi personale
 ·

Sul retro del principale ospedale di Ramallah si trova la casa di Iyad Haddad, un 52enne ricercatore per i diritti umani. Il suo ufficio   ,a prima vista, sembra un negozio di bric-à-brac,ma  gli oggetti posti sui tavoli non sono ciondoli domestici. Le superfici sono, infatti, ingombre di munizioni , candelotti lacrimogeni , proiettili in spugna e bossoli.
Haddad ha trascorso gli ultimi tre decenni documentando la violenza delle forze israeliane che occupano la terra del suo popolo. Questi brutti piccoli pezzi  sono il suo testamento a quel processo.
Molte di queste armi sono state sparate su manifestanti pacifici che protestano contro il muro e gli insediamenti nella Cisgiordania occupata da Israele. I villaggi di Ni'ilin , Bilin e Nabi Saleh hanno organizzato proteste regolari per anni. Con mia grande sorpresa  Haddad non approva quelle manifestazioni.
"A volte ci stanno utilizzando in modo da poter  sapere come usare ogni tipo di arma. Per me, questo tipo di protesta da parte dei palestinesi diventa utile agli israeliani,infatti, rende questa zona un laboratorio per testare le loro armi, per potenziarle al fine di venderle ad altri paesi."
L'idea che  si possano testare nuove armi  su una popolazione in cattività è ora ampiamente accettata.
Israele sperimenta armi in Cisgiordania e a Gaza e poi le presenta come "provate" per il mercato internazionale.
L'alta velocità del lacrimogeno è stata pesantemente testata in Bilin. Nel 2009 l'arma ha ucciso Bassem Abu Rahmah , un attivista locale disarmato .. Alla fine del 2011  un altro manifestante, Mustafa Tamimi , è stato ucciso a Nabi Saleh da un candelotto lacrimogeno, sparatogli alla testa.
C'è un senso di stanchezza nella voce di Haddad. "Ho vistoin che modo  stanno sviluppando i loro strumenti e la loro industria delle armi. In  30 anni, non ho mai sentito  che vi sia stato il minimo   di responsabilità per qualsiasi soldato. " Il laboratorio dei territori occupati è dove le cose possono essere messe a punto, possono essere testate, possono essere sottoposte nuovamente al test", ha detto Neve Gordon , professore di politica alla Ben Gurion University del Negev . "Si può dire: Hey questo prodotto  è stato utilizzatodall' 'IDF [l'esercito di Israele], questo deve essere buono.' E ciò aiuta la commercializzazione dei prodotti
A Ramallah, ho incontrato Abdallah Abu Rahmah , coordinatore del Comitato di lotta popolare contro il muro e gli insediamenti a Bilin. Ogni venerdì - da un decennio - lui e i suoi vicini di casa protestano .
Abu Rahma per questa sua attività è stato arrestato e imprigionato da Israele un certo numero di volte.
"Ci sono molte segnalazioni  che attestano che l'IDF ha  cercato di vendere  prodotti militari affermando che erano stati utilizzati a  Bilin. Per esempio  l'acqua "puzzola"l'hanno usata per la prima volta nel nostro paese."
L'acqua "puzzola" è un liquido dall'odore putrido che viene spruzzato contro i manifestanti, al fine di farli disperdere. "Poiché Bilin è famosa, a volte quelli che vengono fanno video e fotografie per  mostrare l'efficacia delle armi nel fermarela protesta ", ha detto Abu Rahmah.
Jeff Halper, autore di Guerra contro il Popolo , un libro sulle armi di Israele e le industrie di tecnologia della sorveglianza, ha detto: "Israele ha mantenuto l'occupazione, perché è un laboratorio per le armi.  Ora l'ala destra vuole annettere tutto,ma questo va contro  gli interessi dei  militari e dei commercianti che considerano l'occupazione una risorsa per loro   "
Eitay Mack , un avvocato di Gerusalemme per i diritti umani e attivista, pensa che  che Israele usi i palestinesi come cavie anche per le aziende di armi straniere .
"A Gerusalemme Est gli americani danno ad Israele proiettili in spugna. Hanno  iniziato con una pallottola in spugna blu, ma poi hanno deciso - questa è la loro affermazione ,che  non era molto efficace e l'hanno sostituita con la spugna nera . Ora  ci sono decine di palestinesi che hanno perso i loro occhi e altri organi del loro corpo ".
I proiettili in spugna nera sono prodotti da Combined Tactical Systems, una società della Pennsylvania che fornisce Israele anche di gas lacrimogeni.
La brochure della società per questi proiettili  avverte :  "colpi alla testa, al collo, al torace, all cuore alla colonna vertebrale possono provocare lesioni mortali o gravi."
Le truppe israeliane hanno iniziato ad utilizzare le pallottole nere nel 2014.
L'industria delle armi israeliane è dominata da quattro società: Israel Aerospace Industries , Elbit , Rafael e Israel Military Industries .
Più del 75 per cento di tutte le armi esportate da Israele sono fatte dalle prime tre imprese. Nel 2015, il valore totale delle esportazioni di armi di Israele è arrivato a $ 5.7 miliardi di dollari.
L'attacco a Gaza del 2014  ha permesso a Israele di mostrare alcune delle sue più recenti armi. È stato riferito , per esempio, che la Hermes-900  ha fatto il suo "esordio operativo" in quell'assalto.
Israele destina oltre il 5 per cento del prodotto interno lordo ai militari. Ciò significa che Israele investe  sull'esercito persino più degli Stati Uniti, unica superpotenza mondiale.
Alcuni veterani militari israeliani sono diventati  esperti del settore degli armamenti.
Shlomo Brom è uno di loro. E' un generale di brigata in pensione, ora lavora presso l' Istituto per gli studi sulla sicurezza nazionale a Tel Aviv .
Ho chiesto a Brom se è vero che le aziende di armi israeliane testano  i loro prodotti sui palestinesi per ottenere business internazionale. "Certo", ha risposto. "Perchè no?  "
Uzi Rubin, uno dei fondatori di Arrow, un programma di missili anti-balistici israelianop, ora è un ricercatore presso il Centro Begin-Sadat per gli Studi Strategici alla al-Bar University vicino a Tel Aviv.Difende  il modo in cui Israele commercializza le sue armi come "battaglia provata."
"E 'legittimo questo modo di agire. La guerra del Vietnam ha favorito la vendita di un sacco di armi,ma questo non vuol dire che Israele stia cercando una guerra al fine di vendere armi. "Un'altra esperta in questo campo  ha avuto incarichi all' Israel DefenseNews , una rivista di settore per i produttori di armi. Lei sostiene che Israele dovrebbe destinare maggiori risorse per "tecnologie meno letali  come gas lacrimogeni e acqua skunk già testate in Cisgiordania.
"Sto parlando di spettro elettromagnetico o forni a microonde ad alta potenza per far venire alla gente le vertigini o il mal di stomaco durante le manifestazioni
I suoi commenti rivelano molto sulla mentalità sadica dei responsabili delle armi di Israele e dei loro promotori. Per loro, i palestinesi non sono esseri umani degni di rispetto, ma soggetti di un continuo esperimento crudele 
 
 
 
 
 
 
The occupied West Bank and Gaza Strip are Israeli weapons manufacturers' laboratories, and Palestinians are their subjects.
electronicintifada.net

Nessun commento:

Posta un commento