giovedì 19 gennaio 2017

Arik Ascherman : Israele riuscirà a sfrattare un centenario israeliano perché non è ebreo?

Arik Ascherman (*), 16 Gennaio 2017, 11:30 6
I cittadini israeliani Musa Hussein (100 anni),  Amna (98) e Ahmed (74) ricordano tutti quel giorno del 1956, quando Haim Tzuri funzionario della minoranza israeliana, consegnò alla tribù Abu Al Qian la loro nuova casa. Erano stati espulsi dalle loro terre nel deserto del Negev, e si erano spostati più volte. Tzuri promise loro, in nome dello Stato di Israele, sia oralmente che per iscritto, che qui avrebbero potuto ricostruire le loro vite. Ricevettero allora contratti di locazione a lungo termine.

%d7%9e%d7%95%d7%a1%d7%94-%d7%94%d7%95%d7%a1%d7%99%d7%99%d7%9f-%d7%90%d7%91%d7%95-%d7%90%d7%9c-%d7%a7%d7%99%d7%90%d7%9f
Musa Hussein, 100 anni.
Quando ero giovane i miei genitori mi hanno insegnato che le promesse vanno mantenute. Leggiamo nei salmi: “Signore chi abiterà nella tua tenda? E chi dimorerà sulla tua santa montagna? Colui che dà la sua parola e non la ritira”. (15: 4)
Tuttavia, lo Stato di Israele ha ritrattato.
Ordini di sfratto/demolizione per  Musa di 100 anni e altri 30 membri della famiglia entreranno in vigore Lunedì (ndt. Lunedì 16 gennaio) . Ahmed è già stato costretto a lasciare la sua casa. Amna sa che tra poco toccherà a lei.


%d7%90%d7%9e%d7%a0%d7%94-2
Fragile e incapace di alzarsi dal letto senza aiuto, Musa ricorda dettaglio dopo dettaglio dal 1956. Tuttavia, egli diventa agitato e timoroso quando pensa alla sua espulsione imminente. Le sue parole non escono. Anche a me mancano le parole. Qual’è la causa? Quello che posso dire è che  il mio paese non mantiene le sue promesse  e un tizio che compie 100  anni è espulso dalla sua  casa semplicemente perché non è ebreo, e lo Stato ebraico è determinato  a far sì che gli ebrei vivano lì?
%d7%90%d7%97%d7%9e%d7%93-%d7%a2%d7%9c-%d7%99%d7%93-%d7%91%d7%99%d7%aa%d7%95-%d7%94%d7%97%d7%93%d7%a9
Ahmed Abu Al Qian davanti alle baracche di latta, la sua nuova casa.
Ahmed e una trentina di membri della famiglia il mese scorso sono stati costretti con un  “accordo” a spostarsi alla vicina  cittadina beduina di Hura e a demolire le proprie case. In caso contrario, Israele avrebbe demolito le loro case e  addebitate  le spese.
Nonostante tutti i discorsi sul generoso compenso,  ora vivono in baracche di latta con spifferi in un “quartiere” della borgata Hura. All’inizio di quella che potrebbe eventualmente essere una strada adeguata che porta al loro “quartiere”,  ci sono tubi   che spuntano dal terreno forse per futuri allacciamenti a una rete idrica. Anche il compenso di 900 NIS al metro quadrato che era stato promesso alla famiglia  di Ahmed per le  case che hanno lasciato non è arrivato e Ahmed non ci  crede più.
%d7%a4%d7%a0%d7%99%d7%9d-%d7%a9%d7%9c-%d7%90%d7%97%d7%93-%d7%94%d7%91%d7%99%d7%aa%d7%99%d7%9d-%d7%a9%d7%9c-%d7%9e%d7%a9%d7%a4%d7%97%d7%aa%d7%95-%d7%a9%d7%9c-%d7%90%d7%97%d7%9e%d7%93
Interno di una delle camere assegnate a Ahmed per la sua famiglia
Perché? Per quale ragione possibile Musa, Amna, Ahmed e circa altri 400 uomini, donne e bambini devono lasciare le case che erano state loro promesse? I bulldozer  KKL hanno iniziato a lavorare nel mese di agosto 2015 per costruire l’ebraica “Hiran” sulle macerie della non-ebraica “Umm al-Hiran.”
12027777_956051301123295_785574567837989639_n
Cantiere KKL JNF – Keren Kayemeth LeIsrael – Jewish National Fund, per la costruzione della città ebraica di “Hiran” sulle macerie di “Umm al-Hiran” dei non ebrei.
Questo fa parte del  grande piano di sviluppo  Arad. Infatti, mentre la legislazione Begin-Prawer che avrebbe portato alla demolizione di decine di villaggi, il trasferimento di circa 40.000 cittadini non ebrei dalle loro case e massiccia espropriazione è stato congelato nel 2013, molti elementi del piano sono in corso di attuazione, senza alcuna legge in tutto il Negev. (Se il ministro Uri Ariel continua così, ci sarà anche un ritorno alla normativa. Un progetto già esistente.)
I residenti di Umm al-Hiran  con amarezza comparano la loro situazione a quella  di Amona.
Loro hanno vissuto correttamente per 62 anni in una terra all’interno di Israele, in un territorio assegnato loro dallo Stato.
I residenti di Amona hanno costruito  case senza permesso su terreni appartenenti ad altri. La situazione dei residenti di Amona ha suscitato enorme empatia,  dimostrazioni e  proposte  della Knesset. Il governo sta offrendo loro enormi quantità di compensazioni ed è determinato a trasferirli in una posizione accettabile.
Unauthorized outpost of Amona
Poliziotti israeliani si scontrano con coloni ebrei nella avamposto illegale di Amona, 1 ° gennaio 2006. Gli scontri sono scoppiati poco dopo che l’Alta Corte israeliana ha dato il via libera per smantellare una mezza dozzina di case nell’avamposto. (Nati Shohat / Flash90)
Mentre il sistema giudiziario israeliano è stato inequivocabile per quanto riguarda l’attuazione della giustizia nel caso di Amona, è stato incredibilmente equivoco per quanto riguarda Umm al-Hiran. I migliori esperti legali israeliani, i professori Mordechai Kremnitzer e Hanoch Dagan hanno scritto per conto del Democracy Institute di Israele che la Corte suprema israeliana ha dichiarato giuste le richieste di Umm al-Hiran, ma ha rifiutato di intervenire perché “l’appello è arrivato troppo tardi.”
A un certo punto sembrava di essere arrivati a un compromesso poi la soluzione è stata tragicamente chiusa, evidentemente era tutto fumo negli occhi.
I residenti di Umm al-Hiran sarebbero disposti a vivere in Hiran insieme agli ebrei, ma agli ex coloni religiosi accampati nella vicina foresta, finché stanno li, non interessa niente di tutto ciò. Israele afferma che la comunità sarà aperta a tutti, ma tutti sappiamo che possibilità ai non ebrei sarà data attraverso il comitato di accettazione. I residenti sono disposti a parlare di una nuova destinazione che permette loro di continuare a vivere la loro vita, e accordi a livelli elevati sembravano progredire ben fino a quando Israele ha imposto il trasferimento immediatamente a Hura senza accordo o garanzie.
Per qualche strana ragione i residenti di Umm al-Hiran temono che, una volta trasferiti, lo Stato smetterà ogni mediazione. Come potrebbero arrivare a un accordo, come è stato possibile  con un villaggio beduino non riconosciuto nel nord?
16142217_10209939959007722_7338064623431984862_n
Il parlamentare Ayman Odeh colpito alla testa durante gli sgomberi.
Chi se ne frega se i residenti e i loro figli, o anche l’intera comunità beduina del Negev si sentono parte dello Stato? Siamo in grado di utilizzare tutta la potenza dello Stato per ottenere ciò che vogliamo, senza la necessità di un accordo, e senza  concedere nulla. La scorsa settimana il Negev Bedouin Development  e l’Autorità per gli Insediamenti hanno spedito ai  residenti di Umm al-Hiran una lettera dicendo che, nonostante tutto quello che era stato detto durante i vari incontri, non si è arrivati a un  accordo e l’Autorità ha preferito negoziare separatamente con ogni famiglia.
arik-ascherman-medium
Il rabbino Arik Ascherman
Noi ebrei, che abbiamo  conosciuto tante sofferenze, e indicato di non trattare gli altri come siamo stati trattati, “Non opprimerete il non-Ebreo che vive in mezzo a voi, per scoprire l’anima dello straniero, perché siete stati stranieri nel paese d’Egitto. (Esodo 23: 9)
L’antico midrash rabbinico insegna che, quando Dio stava contemplando l’idea di avere pietà degli egiziani, gli angeli ricordarono a Dio quanto avevano sofferto i figli di Israele .
Ho paura che un giorno nella corte celeste, un vecchio centenario di nome Musa Hussein Abu Al Qian, espulso dalla casa di Israele, farà  una testimonianza silenziosa contro di noi. Nessuna  sofferenza passata degli ebrei, senza riferimenti alle ingiustizie degli arabi contro di noi per i quali Musa non è responsabile, e nessun confronto sui maggiori mali commessi in altre parti del mondo, ci saranno di aiuto.
Gli ordini di sfratto / demolizione per  Musa Hussein di cento anni e la sua famiglia entrano in vigore oggi.
Ma non è troppo tardi per fermare questa ingiustizia  se tutti noi facciamo la nostra parte. Siamo in grado di bloccare gli ordini di sfratto/demolizione  e tornare ai negoziati.
E’ancora possibile che nella corte celeste e agli occhi del mondo Musa darà una testimonianza che lo Stato ebraico ha saputo essere responsabile, ricordare il passato del nostro popolo, attualizzare il sogno di uguaglianza presenti nella nostra Dichiarazione di Indipendenza, trovare il modo per risolvere i problemi attraverso un accordo e costruire un futuro comune per tutti gli israeliani.
Ken Yehi Ratzon. Possa essere la volontà di Dio, e la nostra

(*)Arik Ascherman
Il rabbino Arik Ascherman   è un co-fondatore di “Hakel (il campo) – Ebrei e  arabi in difesa dei diritti umani. Rabbi Ascherman è un ricercatore conferenziere, ha ricevuto numerosi premi per il suo lavoro sui diritti umani.

Trad. Invictapalestina.org
Fonte: http://blogs.timesofisrael.com/will-israel-evict-hundred-year-old-israeli-because-he-isnt-jewish/

Nessun commento:

Posta un commento