giovedì 22 dicembre 2016

Amira Hass :Israele confisca un rimorchio adibito a clinica per i palestinesi della Cisgiordania

 
 
 
di Amira Hass 21/12/2016 Le autorità affermano che la struttura non aveva un permesso mentre la gente del luogo teme che saranno rimosse altre due cliniche…
bocchescucite.org
 
 
 

21/12/2016

Le autorità affermano che la struttura non aveva un permesso mentre la gente del luogo  teme che saranno rimosse altre due cliniche simili.

L’Amministrazione Civile israeliana ha confiscato la scorsa settimana un rimorchio che i palestinesi avevano iniziato a utilizzare come una clinica a Al-Markaz, un piccolo villaggio all’interno di Masafer Yatta, una città che, a sua volta, si trova all’interno di un settore di tiro militare a sud della Cisgiordania chiamato Firing Zone 918.

I residenti e il capo del consiglio del villaggio temono che l’Amministrazione Civile confischerà altri due rimorchi che sono entrati in funzione come cliniche in due villaggi adiacenti, Safai e Majaz. I tre rimorchi si trovano tra i 12 piccoli villaggi che esistevano prima del 1967 nella zona, che Israele ha designato Firing Zone 918. Si chiede inoltre che oltre 1.000 residenti in otto dei villaggi siano sfrattati in modo permanente. Lo stato vieta loro il collegamento alla rete idrica o alla rete elettrica, nonché a qualsiasi costruzione, comprese le strutture per i bisogni pubblici, come le cliniche o le scuole. L’ufficio del portavoce del coordinatore delle attività del governo nei Territori ha commentato: “La confisca delle case mobili è stata fatta perché sono stati messe in funzione senza l’autorizzazione da parte delle autorità del Firing Zone 918, dove ogni presenza è un pericolo per il pubblico.”

L’assistenza medica, sotto la responsabilità dell’Autorità palestinese, era stata precedentemente prevista in tende in cinque comunità. Secondo le statistiche del ministero della Sanità palestinese, circa 400 persone, tra le quali 90 con patologie croniche, visitano le tende ogni mese – insieme a 120 bambini, che vengono per lo più per le vaccinazioni. All’inizio dell’anno, un gruppo più grande di operatori ha iniziato a lavorare lì cinque giorni alla settimana. Senza strade di accesso decenti, l’equipe medica arriva in un veicolo a quattro ruote motrici. Le condizioni meteorologiche rendono difficile il trattamento dei pazienti nelle tende; nella vicina Jenbah, hanno smesso di usare la tenda due mesi fa. Inoltre, i pazienti si sono lamentati per la mancanza di riservatezza. Così, tre rimorchi muniti di un bagno e di un serbatoio di acqua ciascuno, sono stati portati circa 10 giorni fa a Al-Markaz, Safai e Majaz. Il rimorchio di Al-Markaz è stato confiscato tre giorni dopo il suo arrivo.

Il Ministero della Sanità palestinese ha iniziato fornito assistenza nella tenda solo nel 2013. Prima di allora, Al-Karmel, che si trova a circa 15-20 chilometri dalle tre comunità, è stato il paese più vicino con un centro medico. In mancanza di strade di accesso adeguati e mezzi di trasporto pubblico, i pazienti che necessitano di cure urgenti sono stati portati lì sui trattori. Alcuni sono morti prima di arrivare al luogo di assistenza. Altri hanno rinunciato a causa del difficile viaggio. A volte i soldati del checkpoint di Beit Yatir avrebbero prestato i primi soccorsi e chiamato un’ambulanza.

Dopo che il rimorchio è stato confiscato, il capo del consiglio del villaggio di Masafer Yatta, Nidal Abu Aram, ha presentato una petizione all’Alta Corte di giustizia attraverso l’avvocato Neta Amar Shiff. La petizione chiede all’Alta Corte di ordinare al ministro della Difesa Avigdor Liebmeran e al capo dell’Amministrazione Civile, Gen. Achvat Ben-Hur, di non smantellare e di non confiscare eventuali rimorchi che servono come cliniche, fino alla fine dei procedimenti giudiziari.

Domenica, il giudice della Corte Suprema, Noam Sohlberg, ha ordinato allo Stato di rispondere alla petizione entro una settimana, ma ha rifiutato la richiesta di emettere un ordine restrittivo contro lo smantellamento e la confisca delle cliniche.

Nel mese di gennaio, l’Alta Corte terrà audizioni per quanto riguarda la petizione degli abitanti del villaggio per evitare che lo stato li sfratti dalle loro case per consentire ai militari di tenere le esercitazioni di tiro nelle aree. La mediazione tra lo Stato e i rappresentanti del villaggio (avvocato Shlomo Lecker e l’Associazione per i Diritti Civili in Israele) non ha dato alcun frutto nel corso degli ultimi due anni.

Il COGAT (Coordination of Government Activities in the Territories)  anche commentato: “L’Amministrazione Civile lavora in coordinamento con l’Autorità palestinese e con le organizzazioni internazionali per investire in progetti organizzati in Giudea e Samaria e per soddisfare le esigenze mediche dei residenti. Il coordinatore sanitario dell’Amministrazione Civile organizza la formazione per i medici palestinesi, giornate di studio congiunte e organizza gite per i bambini palestinesi che sono trattati in Israele “.

In risposta alla dichiarazione del COGAT, Amar Shiff ha detto che “corsi, formazione, giornate di studio e viaggi non possono sostituire attivamente l’installazione, da parte del COGAT, di cliniche nell’Area C. In alternativa, in assenza di sviluppo di servizi medici e della immissione di cliniche all’interno dei villaggi palestinesi in Area C, l’Amministrazione civile dovrebbe sostenere le organizzazioni umanitarie che forniscono le cliniche piuttosto che demolirle.“

Pubblicato da  a 05:49


Israele confisca un rimorchio adibito a clinica per i palestinesi della Cisgiordania

http://diegosiragusa.blogspot.it/2016/12/israele-confisca-un-rimorchio-adibito.html

Nessun commento:

Posta un commento