venerdì 30 dicembre 2016

Aluf Benn: quando Israele iniziò l'annessione e pose fine alla soluzione dei due Stati

 Sintesi personale

Aluf Benn : Opinion Let's Talk About Israeli Annexation


Il ministro della Giustizia Ayelet Shaked ha dichiarato che, a seguito della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro gli insediamenti, si dovrebbe  parlare di annessione - quindi parliamo di annessione. Cerchiamo di individuare il momento in cui Israele ha rinunciato alla soluzione dei due Stati e ha  posto le basi per uno stato tra il Mar Mediterraneo e il fiume Giordano. Il momento in cui si è deciso di unire la maggior parte della Cisgiordania a Israele e di  lasciare i palestinesi in una enclave circondata da coloni e soldati.

Ricordo bene quel momento. E 'stato 25 luglio 2000, al termine del vertice di Camp David, quando il leader palestinese Yasser Arafat respinse la proposta di Ehud Barak per un accordo. "Non abbiamo partner in questo momento," Barak disse  Sul volo di ritorno in Israele gli chiesi della  terza fase. "Morirà  di morte naturale" rispose

La "terza fase" doveva essere la fase finale degli accordi di Oslo.  Israele avrebbe dovuto  ritirarsi dai rimanenti territori  tranne che per gli insediamenti e per le  "posizioni militari specifiche." I palestinesi avevano immaginato un ritiro dal 90 per cento della Cisgiordania  con solo gli insediamenti, molto più piccoli  di quanto lo siano ora  e con i  campi militari  fino a quando non fosse stato siglato un accordo sullo status permanente.

Israele vedeva le cose in modo completamente diverso.  Barak e Benjamin Netanyahu,  in carica durante gli accordi di Oslo, avevano concentrato la loro politica  nel rinviare la terza fase. Netanyahu si oppose (e ancora lo fa) all' evacuazione di qualsiasi territorio e Barak  avrebbe voluto mantenere le "attività territoriali" nelle mani di Israele fino a quando una soluzione dello status finale, avesse permesso concessioni  ai palestinesi.

Ciascuno di essi ha agito in modo diverso  in base alle proprie esigenze politiche. Netanyahu con il suo negazionismo e con  l'attrito verso l'amministrazione degli Stati Uniti, Barak  con la sua   "generosoa" offerta non ritenuta accettabile dai Palestinesi .Il risultato è stato lo stesso. La terza fase è stato tolta   dall'ordine del giorno completamente e ogni modifica territoriale in Cisgiordania è stata rinviata fino allo  "status finale", cioè fino all'avvento del  Messia.

Quando il primo ministro Ariel Sharon ha evacuato i coloni da Gaza nel 2005,il  consigliere giuridico del ministero degli Esteri, Alan Baker, suggerì  che Israele dichiarasse  il disimpegno da Gaza come completamento parziale della terza fase, in modo da far credere che  Israele agisse in armonia con gli accordi di Oslo piuttosto che unilateralmente. Sharon respinse  l'idea

L'eliminazione della terza fase ha lasciato Area C (il 60 per cento della Cisgiordania) e di Gerusalemme Est sotto il pieno controllo  militare  e civile  israeliano . Gli insediamenti sono aumentati  e così gli  sforzi per rimuovere i palestinesi dall' Area C.  La maggior parte delle forze militari di Israele (55 per cento) sono oggi in Area C. Ora  Bennet vuole l' annessione formale di questa zona per Israele.

Netanyahu è soddisfatti del risultato in retrospettiva. Israele sta controllando i territori, anche senza formale annessione, la condanna internazionale è un prezzo tollerabile , così come  la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che definisce  gli insediamenti illegali. Egli spera che anche queste condanne  saranno limitate all'  epoca  di Donald Trump,ma Barak, che punta a  sostituire Netanyahu, avverte che mantenendo la presa sui territori , Israele  si trasformerà in uno stato binazionale,sprofondando in una guerra civile tra una maggioranza araba priva di diritti  e la minoranza ebraica che insiste nel mantenere il suo status di superiorità.

Le "attività territoriali" che Barak ha voluto mantenere quando era in carica sono diventate un peso, una corda che Israele ha avvolto attorno a sé. La terza fase potrebbe essere morta di morte naturale, come ha detto Barak al suo ritorno da Camp David, ma così facendo ha anche sepolto lo "stato ebraico e democratico" .

Nessun commento:

Posta un commento