lunedì 24 ottobre 2016

Video : Gerusalemme: l'invasione degli ultracristiani


L’invasione

degli

+


I cristiani sionisti, in prevalenza evangelici, sono sempre di più decisivi per il sostegno alle politiche della destra israeliana e al movimento dei coloni
Cristiani sionisti riuniti a Gerusalemme. (Foto: Michele Giorgio)
Cristiani sionisti riuniti a Gerusalemme. (Foto: Michele Giorgio)
di Michele Giorgio    il Manifesto
Gerusalemme, 24 ottobre 2016, Nena News – «E ora salutiamo con un applauso il Paese che amiamo e ammiriamo: Israele». Esplode la gioia dei cinquemila stipati nella Pais Arena, il palazzo dello sport di Gerusalemme, accompagnata da musica sparata a tutto volume. Sulle tribune è un tripudio di colori, di bandiere diverse. Chi le sventola è giunto dalla Cina, dal Perù, dal Brasile, dalle isole Fiji, da Taiwan, dall’Africa, dall’Europa, dagli Stati Uniti.
In lontananza si scorgono anche un paio di bandiere italiane. Tanti alzano le braccia al cielo tenendo gli occhi chiusi. Altri danzano, sorridono, si abbracciano catturati dall’estasi. Poi scende il silenzio quando sull’ampio paloscenico prende la parola Jurgen Buhler. Tedesco, scienziato prestato alla fede e da alcuni anni direttore esecutivo dell’Ambasciata Cristiana Internazionale a Gerusalemme (Acig), Buhler per una trentina di minuti rivolge ai presenti un discorso, quasi un appello, a sostegno di Israele, della coppia «che è fatta di un uomo e di una donna» ripete più volte, della centralità della famiglia e di una copiosa procreazione e della fede in Dio e in Gesù Cristo «che possono salvarci dalle malattie e donarci la vita eterna».
(foto Michele Giorgio)
(foto Michele Giorgio)
A questo punto sul palcoscenico salgono altri predicatori. Insieme a Buhler invitano gli ammalati gravi ad avvicinarsi. Inizia una processione di decine di persone con la disperazione dipinta in volto, in lacrime, alcuni giovani, che avanzano lentamente verso i predicatori che a turno afferrano il microfono e scandiscono urlando «Credi in Dio, credi in Cristo, ti stanno già guarendo, tu stai già meglio grazie alla tua fede».
Anche quest’anno è stata un successo la settimana di iniziative, dibattiti, tour, preghiere collettive, organizzata a Gerusalemme dall’Ambasciata Cristiana Internazionale, in occasione della festa ebraica dei Tabernacoli. Le presenze aumentano di anno in anno grazie al lavoro delle 18 sedi aperte dall’Acig in altrettante parti del mondo (una anche in Italia). E se prima a mobilitarsi in questa occasione erano esclusivamente gli evangelici, ora a questa folta schiera si uniscono anche tanti cattolici e qualche ortodosso.
Tutti insieme giovedì hanno sfilato per le strade di Gerusalemme sventolando le loro bandiere e quelle di Israele, per sollecitare i vertici delle Chiese e i leader politici cristiani a rinunciare alla diplomazia per abbracciare senza esitazioni le posizioni Israele, così da respingere «la minaccia islamica» e negare le rivendicazioni territoriali dei palestinesi. In questo quadro Gerusalemme è solo di Israele e la recente risoluzione dell’Unesco sulla Spianata delle Moschee è vista come una «vergognosa negazione» dei diritti degli ebrei sul Monte del Tempio, distrutto duemila anni fa e che dovrà essere ricostruito.
Un tempo si sarebbe parlato un fenomeno riconducibile soltanto a correnti all’interno delle chiese evangeliche. In particolare negli Stati Uniti, alla Christian Coalition of America, l’organizzazione che include esponenti del mondo cristiano fondamentalista e neo-evangelicale, fondata da Pat Robertson. Oppure si sarebbe fatto riferimento al pastore americano John Hagee, notissimo, che da anni annuncia la seconda venuta di Cristo a difesa di Israele e la distruzione dell’Anticristo (l’Islam) che in un suo video propagandistico è raffigurato come un cavallo di colore verde che sta per travolgere l’umanità. E non si può dimenticare il reverendo Tim LaHaye, morto qualche mese fa, coautore con Jerry Jenkins della serie di bestseller apocalittici “Left Behind”: 16 romanzi, scritti tra 1995 e 2007, basati sui libri di Isaia, Ezechiele e dell’Apocalisse che hanno venduto 65 milioni di copie nella cosiddetta “cintura della Bibbia” spodestando autori del calibro di John Grisham.
Oggi però è più giusto parlare di cristiani sionisti, una galassia di persone ed organizzazioni in tutto il mondo, spesso in contrasto con le Chiese protestanti tradizionali, che ha un bacino di militanti e simpatizzanti intorno ai 30 o 40 milioni solo negli Usa, che abbina ad obiettivi politici molto concreti, come il sostegno allo Stato di Israele e al suo controllo territoriale tra il Mediterraneo e il fiume Giordano, al messianesimo che vede nel ritorno degli ebrei nella Terra Promessa il segno del progressivo compimento delle profezie bibliche e del nuovo avvento di Cristo.
In questi ultimi anni tra i cristiani sionisti ha preso sempre più piede “l’ala politica” che proponendo, di fatto, la sostituzione e applicazione sul terreno del testo biblico al diritto internazionale, mira ad annullare le rivendicazioni dei palestinesi sotto occupazione e a cancellare definitivamente la soluzione dei “Due Stati”, Israele e Palestina. Non a caso si sono fatti sempre più stretti i rapporti di questi cristiani con la destra israeliana e il movimento dei coloni ebrei in Cisgiordania. Mercoledì è stato Naom Arnon, uno dei rappresentanti più noti del movimento dei coloni, a guidare nelle strade di Hebron una delegazione di 18 parlamentari cristiani giunti da tutto il mondo per «verificare di persona le bugie che raccontano i media sulla condizione della città».
La cosiddetta ambasciata cristiana a Gerusalemme (foto Michele Giorgio)
La cosiddetta ambasciata cristiana a Gerusalemme (foto Michele Giorgio)
Lungo le sale della Tomba dei Patriarchi, Arnon, presentato con un esperto di religioni forte di un dottorato, ha spiegato ai parlamentari e ai giornalisti presenti che «Abramo comprò il sito di Hebron in modo che venisse consegnato migliaia di anni dopo allo Stato di Israele e al popolo ebraico». Nonostante si tratti di un racconto religioso e la stessa esistenza e la storicità di Abramo (ritenuto il padre del monoteismo anche da musulmani e cristiani) non siano mai state confermate da testimonianze indipendenti dalla Genesi, molti dei presenti hanno annuito ascoltando le parole di Arnon. Una conferma di quanto stia prevalendo anche in settori del mondo politico occidentale l’idea di una supremazia del testo biblico sulla storia e il diritto internazionale.
Il sostegno dei cristiani sionisti alla colonizzazione si è moltiplicato. «Raccolgono fondi ingenti per gli insediamenti coloniali – ci dice Liat Schlesinger, una ricercatrice del Centro per il Rinnovamento della Democrazia “Molad”, che da anni tiene sotto osservazione queste attività – ci sono Ong cristiane che mettono centinaia di volontari a disposizione delle attività dei coloni e finanziano generosamente un numero crescente di progetti nelle colonie». Negli ultimi dieci anni, spiega Schlesinger, i cristiani sionisti leader hanno sviluppato stretti legami con importanti politici e parlamentari in Israele ai quali talvolta offrono favori e vacanze pagate in località esotiche. Dal 2006 al 2014, una ventina di parlamentari israeliani hanno goduto di 69 viaggi in varie destinazioni in tutto il mondo per gentile concessione di organizzazioni cristiane che in cambio otterrebbero facilitazioni per l’apertura chiese e centri di teologia in Galilea. «Soprattutto questi cristiani hanno stretto i legami con i coloni con i quali condividono una agenda sociale conservatrice e una profonda ostilità verso l’Islam», aggiunge la ricercatrice di Molad «negli ultimi anni, decine di milioni di dollari, sono affluiti negli insediamenti per progetti che vanno dalla costruzione di edifici pubblici alla quella dei serbatoi dell’acqua. Le organizzazioni cristiane sioniste offrono un gran numero di volontari per gli agricoltori nelle colonie, anche negli avamposti illegali». All’interno di Israele, conclude Schlesinger, «queste organizzazioni svolgono campagne contro l’aborto e i gay assieme alla destra locale. Dicono di essere cristiani che amano gli ebrei mentre in realtà amano solo la destra e i coloni». I vertici della politica israeliana hanno un doppio atteggiamento verso i cristiani sionisti.
cristianisionisti
(foto di Michele Giorgio)
Da un lato ricercano e ottengono il loro appoggio, specie negli Stati Uniti e in Europa, e contano sempre di più sulle loro attività a sostegno “diplomatico” di Israele. Da qualche tempo esiste un coordinamento tra le due parti volto a combattere il Bds, la campagna di boicottaggio di Israele avviata in molti Paesi occidentali in reazione alla negazione dei diritti dei palestinesi e dell’occupazione di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme est. Gruppi cristiani sionisti hanno contribuito a mobilitare un po’ ovunque governi e parlamenti contro il Bds nonchè a bloccare iniziative, anche culturali, di enti locali e istituzioni pubbliche a sostegno dei palestinesi facendole passare come attività fiancheggiatrici del terrorismo e antisemite. Dall’altro l’establishment politico israeliano mantiene all’interno del Paese un atteggiamento prudente. Sul piano religioso questa corrente cristiana crea non pochi imbarazzi, poichè vede nel compimento delle profezie il momento in cui gli ebrei accetteranno Gesù Cristo come il loro messia.
Le autorità religiose da parte loro guardano con occhi diversi ai cristiani sionisti. «I rabbini che fanno capo alla destra religiosa e al movimento dei coloni, pensano che questi gruppi vadano usati tatticamente a beneficio di Israele» ci spiega l’analista Michael Warshawski «allo stesso tempo sono diffidenti, sanno che il fine ultimo di questi cristiani non è il bene degli ebrei. I rabbini della comunità ultraortodossa invece non hanno alcun contatto con questi sionisti non ebrei e, a mio avviso, molti di essi neppure conoscono questa corrente, fuori dai loro interessi e campo di studio». Nena News
GUARDA IL VIDEO DELLA CONVENTION 2016 DEI CRISTIANI SIONISTI A GERUSALEMME




Nessun commento:

Posta un commento