giovedì 20 ottobre 2016

Mappa : la città vecchia di Gerusalemme


Una carta a colori da Limes 10/15 Israele e il Libro
“Sono trascorsi oltre duemila anni, ma il Monte del Tempio è rimasto fonte digrandi tensioni geopolitiche e religiose.

Il santuario ebraico non esiste più e al suo posto, quattordici secoli fa, i musulmani ne hanno edificati altri due, trasformando l’intera spianata nel terzo luogo santo dell’islam.

Nel 1948 gli ebrei hanno di nuovo fondato un loro Stato in Palestina. Nel giugno 1967 si sono impadroniti della Cisgiordania. Come al tempo dei romani, essi sono divenuti maggioranza in Terra d’Israele.

La differenza è che adesso sono loro a occupare territori di un altro popolo, la parte rimanente di quello spazio che nel novembre 1947 l’Onu aveva assegnato ai palestinesi e la parte orientale di Gerusalemme destinata a essere internazionalizzata.

Il fatto che si tratti delle bibliche regioni di Giudea e Samaria e della parte di Città Santa che include i santuari più importanti delle tre religioni monoteistiche contribuisce a rendere estremamente difficile la risoluzione del conflitto israelo-palestinese.”
Carta e citazione dall’articolo “Monte del Tempio, la disputa infinita“, presente in Limes 10/15 Israele e il libro.



rrelati

DUE PESI E DUE MISURE, I TRAVAGLI DELLA DEMOCRAZIA ISRAELIANA

I temi dell’esistenza stessa d’Israele e della sua salvaguardia informano ogni aspetto del dibattito politico. Il riferimento religioso nella definizione dello Stato non è unico al mondo. Si (ri)parla di scambi di territori con i palestinesi.

MONTE DEL TEMPIO, LA DISPUTA INFINITA

Origini e sviluppi della contesa fra ebrei e musulmani intorno alla sovranità su un luogo di centrale sacralità per entrambi. Perché il conflitto si sta inasprendo. Lo status quo non può essere mutato unilateralmente. La pressione dei gruppi nazional-religiosi.

Autori

Gli autori del numero di Limes 10/15 Israele e il L

Nessun commento:

Posta un commento