giovedì 6 ottobre 2016

Il tempo che viviamo : il ragno, la tela ,gli insetti








Un ragno intrecciò una rete resistente.
L'invisibilità non era certa. .
Un lieve raggio di luce la illuminò per un istante .
Alcuni insetti se ne accorsero, ma che fare?
Avvisarono gli altri.

Alcuni si fidarono, altri no.
La notizia cominciò a diffondersi.
Alcuni si fidarono, altri no .

A debita distanza cominciarono a sorvegliare la tela.
Nessuno più si avvicinò .
Il ragno non se ne accorse. 

Chiuso nella sua corazza, si riteneva invincibile.
Diventò così troppo debole per creare un'altra ragnatela

2 commenti:

C. Lib ha detto...

bella parabola. Ma non tutti i ragni sono ciechi a causa della loro arroganza. Alcuni hanno dei buoni consiglieri che sanno dettare le regole giuste per una flessibilità che alla fine i rende davvero invincibili. Spero che il ragno della metafora non ascolti consigl
ieri.

arial ha detto...

vero,m lui è chiuso nella sua arrogante corazza, quindi non ascolta nessuno ... penso

Posta un commento