domenica 2 ottobre 2016

Haaretz :la morte di Peres è un requiem per l'Israele che fu





Sintesi personale

I leader degli stati occidentali che porgono l'ultimo saluto a Shimon Peres , non sono venuta a Gerusalemme solo per dire addio a un uomo di Stato che aveva sostenuto la pace,  il progresso tecnologico e lo sviluppo umano. Essi sono anche venuta a dire addio al paese che Peres ha rappresentato durante i suoi anni di attività pubblica e internazionale.Israele è  stato fondato nel Medio Oriente, ma ha voluto integrarsi  con i valori  dell' Occidente , nonostante il suo conflitto con gli arabi.
Peres era un realista che   apprezzava la forza e riteneva che lo sviluppo economico avrebbe moderato la violenza e il conflitto tra i popoli e paesi. L'Israele,  da  lui rappresentato, era ben lungi dall'essere perfetto, così come i paesi occidentali non sempre sono all'altezza degli standard morali che predicano agli altri.
  Peres era chiaramente e inequivocabilmente dalla parte del progresso. . Era un  laico    e questo lo ha reso unico tra i leader di Israele. Disprezzava  il potere della religione come strumento di mobilitazione politica  e per questo i suoi avversari di destra lo definivano un agente straniero.   Benjamin Netanyahu lo loderà  durante la cerimonia funebre ,ma  questo sarà solo un mero spettacolo dell'arte di governare.
Come il suo predecessore,  morto questa settimana, l'attuale primo ministro parla di tecnologia israeliana utile per combattere la fame in Africa e i  malfattori dello Stato Islamico.,ma a differenza di Peres, Netanyahu  vede  l'Occidente come un bastione di ostilità antisemita, non come un faro  splendente che illumina la collina del progresso .
L'omaggio dei   leader occidentali  a Peres , riflette il crescente divario che separa Israele dalla democrazie liberali, non la sua appartenenza al club.
Unlike Shimon Peres, Netanyahu and his government value the past far more than they do the future. The honor Western leaders will pay him reflects the widening…
haaretz.com|Di Haaretz Editorial






Nessun commento:

Posta un commento