martedì 18 ottobre 2016

Gideon Levy: Pace è giustizia, e la giustizia non ha bisogno di un partner





di Gideon Levy
Haaretz – 16 ottobre 2016
Israele non è nelle condizioni di chiedere una controparte per porre fine all’occupazione.
Deve porre fine all’occupazione. Non ha il diritto di porre condizioni prima di farlo.
Uno dei principali argomenti della propaganda israeliana – che non c’è una controparte per la pace – è anche uno dei peggiori. Infatti c’era, c’è e ci sarà un partner. Ma lasciamo perdere. Non c’è bisogno di nessun partner.
Molti israeliani ipocriti dicono di volere così fortemente i due Stati e di essere così contrari all’occupazione, – e poi arriva lo straziante lamento, che porta tutta la tristezza del destino ebraico – ma non c’è una controparte. Se solo ci fosse. Se solo. E’ disposto a tutto per la pace, ma non c’è nessuno con cui farla. E così egli deve, è obbligato contro la propria volontà, vittima miseranda che non è altro, a continuare l’occupazione. Negli ultimi anni questo discorsetto è diventato un trucco centrale della propaganda di Sion. Con l’eccezione dell’estrema destra, che afferma apertamente che vuole l’apartheid per sempre perché la nazione ebraica è superiore, tutti l’utilizzano.
La verità è che non c’è una controparte per continuare l’occupazione. Non c’è una controparte per l’interminabile dilazione e per le tattiche di rifiuto da parte di Israele. Non c’è una controparte per il ridicolo discorso di Israele sulla richiesta di riconoscimento come Stato ebraico, così come non c’è una controparte per le altre vuote richieste di Israele. Non c’è una controparte per l’incredibile insolenza ebraica [chutzpah, in yiddish] della richiesta di Israele per negoziati “senza precondizioni”, mentre la madre di tutte le precondizioni, l’attività di colonizzazione, prospera senza tregua.
Non c’è una controparte per Gerusalemme eternamente unita, e non ci sarà mai. Non c’è una controparte per le infinite richieste di sicurezza di Israele, come se fosse la parte debole, vittima di violenza, la cui sicurezza ed esistenza sarebbero in pericolo, piuttosto che il popolo palestinese, contro cui le azioni di Israele possono essere solo descritte come criminali.
E’ dubbio che si possa trovare un serio partner per la demilitarizzazione unilaterale, nient’altro che un’insolenza ebraica: sicuramente non ci saranno partner per lasciare la maggioranza dei coloni sul posto.
Non c’era una controparte quando Israele si rifiutò per anni di parlare con l’OLP e non ci sarà una controparte finché Israele continuerà a tenere la gente di Gaza in una gabbia. Non c’era una controparte quando Israele ha fatto tutto il possibile per schiacciare l’allora presidente palestinese Yasser Arafat e non c’è una controparte dopo che Israele ha fatto di tutto per trasformare il suo successore, Mahmoud Abbas, in una penosa barzelletta agli occhi del suo popolo. Né ci sarà un partner, finché continuerà l’occupazione – e non c’è niente di più violento – per la richiesta di Israele che finisca la resistenza violenta.
In breve, non c’è nessun partner. Come l’uomo che ha ucciso i suoi genitori e poi chiede clemenza sulla base del fatto che è un orfano – la classica definizione di insolenza ebraica- Israele ha fatto di tutto perché non ci sia una controparte, e poi si lamenta perché non c’è un partner.
In effetti, non ce n’è bisogno. Per ristabilire la giustizia, non c’è bisogno di una controparte. Israele non è nelle condizioni di chiedere una controparte per porre fine all’occupazione. Deve terminare l’occupazione. Non ha il diritto di fare richieste prima di farlo. Nella nebbia della propaganda israeliana, queste fondamentali verità sono state oscurate e dimenticate. Il semplice fatto che la vittima reale sia il popolo palestinese è stato dimenticato. Sono loro in pericolo mortale e loro vivono in condizioni disumane, il che dovrebbe essere cambiato prima di qualsiasi altra cosa. Non dovrebbero essere poste condizioni per restituire una parte della terra di un popolo, la sua libertà e dignità. Deve essere esattamente il contrario. Prima ripristinare la (parziale) giustizia per i palestinesi e poi parlare di qualunque altra questione. Israele non ha mai avuto un uomo di Stato che abbia cambiato tutto e si sia impegnato a porre fine all’occupazione prima di qualunque altra cosa. Si è sempre iniziato con un calcolo delle precondizioni poste da Israele. E’ sempre finita col dire che non c’è una controparte.
La controparte apparirà dopo. Dato che la maggior parte, non la totalità, del popolo palestinese vuole vivere in pace con Israele – 30 anni di copertura giornalistica dell’occupazione mi hanno persuaso di ciò, senza ombra di dubbio – è molto probabile che si troverà una controparte per porre fine all’occupazione. E sennò, tanto peggio per Israele. Ma neanche questo può assolverlo dai suoi obblighi di porre termine all’ingiustizia ed al male.
(traduzione di Amedeo R

Nessun commento:

Posta un commento