domenica 16 ottobre 2016

Gaza assediata raggiunge i due milioni di abitanti


 

 
 
 
 
 
16 ottobre 2016 Il neonato Walid Shaat è diventato il duemilionesimo residente del territorio, ma affronta un futuro incerto. di Belal Aldabbour & Ahmed Abdelal 15 ottobre 2016 Rafah, nella Striscia di Gaza - La Striscia di Gaza assediata ha…
bocchescucite.org

 

 

Il neonato Walid Shaat è diventato il duemilionesimo residente del territorio, ma affronta un futuro incerto.

di Belal Aldabbour & Ahmed Abdelal
15 ottobre 2016

Rafah, nella Striscia di Gaza – La Striscia di Gaza assediata ha raggiunto una pietra miliare con la nascita di Walid Shaat .Ora la  popolazione del territorio è di  due milioni.

“E ‘un dono,” il padre del bambino, il funzionario Jihad Shaat, ha detto ad Al Jazeera pochi giorni dopo la nascita di Walid .

Ma tra i sorrisi, i palloncini colorati e in posa per le fotografie, Jihad è apparso preoccupato.

“Spero che Walid vedrà giorni migliori di suo fratello maggiore, Motasem”, ha detto, riferendosi al fratellastro di Walid, che aveva solo 28 giorni quando una bomba israeliana ha distrutto la casa della famiglia, uccidendo la prima moglie di Jihad, a Khan Younis, durante la guerra di Gaza nel 2014.

“Motasem e sua madre sono stati sepolti sotto le macerie per 40 minuti. Sua madre è stata uccisa, ma lui  è sopravvissuto   e vive senza una madre.”

Jihad infine si è risposato  e oggi  abita in un appartamento in affitto, in attesa di  una nuova  casa . Come decine di migliaia di dipendenti di Gaza, Jihad non ha ricevuto un pieno stipendio per più di due anni.

“E ‘difficile sentirsi pienamente felice. Con tanta povertà e disoccupazione, non possiamo che provare angoscia per l’incertezza che incombe sul futuro dei nostri figli.”

“Durante i 10 anni di assedio la popolazione di Gaza è aumentata di quasi mezzo milione,” Jamal al-Khoudary, un deputato palestinese e capo del Comitato popolare per porre fine all’ assedio di Gaza, ha dichiarato ad Al Jazeera.

“Questa crescita della popolazione avrebbe dovuto essere accolta da nuove infrastrutture, più linee elettriche, impianti di depurazione, scuole … [ma] a causa dell’assedio israeliano niente di tutto questo è accaduto e, inoltre, le guerre israeliane hanno danneggiato una parte significativa di tutte le risorse che la popolazione aveva”.

Secondo il Monitor per i diritti umani Euromed ( EMHRM ) il 40 per cento della popolazione di Gaza vive al di sotto della soglia di povertà, mentre l’80 per cento è dipendente dagli aiuti alimentari. Più di tre quarti degli impianti industriali del territorio hanno rallentato o cessato l’attività in quanto l’assedio ha paralizzato il movimento dentro o fuori di Gaza.

“La situazione è a dir poco catastrofica”, ha  aggiunto .

Mohammad Abu Jayyab, capo redattore del Gaza Journal of Economics, sostiene che la crescita della popolazione rappresenta una passività piuttosto che un bene, infatti le Nazioni Unite hanno avvertito che Gaza potrebbe essere inabitabile nel giro di quattro anni.  Abu Jayyab accusa la leadership palestinese per lo stato disastroso delle cose.  “La disoccupazione si è avvicinata ad uno sbalorditivo 50 per cento e 27.000 nuovi laureati entrano nelle fila della disoccupazione ogni anno. Nel frattempo  nessuna nuova occupazione nel settore pubblico è avvenuta  - La Striscia di Gaza ha un disperato bisogno di piani strategici per affrontare l'aumeento della popolazione ,ma questo  non può accadere finché i palestinesi rimangono divisi. Purtroppo    le attuali tendenze certamente continueranno.”

Rami Abdu, un assistente professore di diritto e delle Finanze e presidente ( di EMHRM ), ha descritto l’assedio come una punizione collettiva, definendola il principale ostacolo allo sviluppo a Gaza.

“L’assedio impedisce forniture costanti di medicine, cibo, materiali da costruzione ed ogni altra esigenza di base. I  problemi di sicurezza sono una giustificazione per l’assedio in corso  che ha  distrutto sistematicamente l’economia e le risorse di Gaza.  Dal 2000 oltre 7.000 pescatori hanno perso il lavoro a causa delle restrizioni israeliane sistematiche e il targeting costante. L’agricoltura è sempre più impossibile da mantenere in quanto Israele rende il 30 per cento dei terreni agricoli della Striscia inaccessibili   utilizzandoli come  zona cuscinetto “.

La soluzione, Abdu ha specificato , sarebbe la fine immediata dell’assedio e l’apertura incondizionata delle frontiere di Gaza.

Nel frattempo Jihad Shaat si rifiuta di rinunciare alla speranza, anche se il futuro di Gaza rimane poco chiaro.

“Non so cosa riserva il futuro per i miei figli”, ha detto. “Spero che l'assedio di Gaza finisca ”

Nessun commento:

Posta un commento